"Project X – Una festa che spacca", di Nima Nourizadeh

project x

In questa stagione stiamo assistendo alla mutazione sul campo di un genere. Il found footage dell’ultimo decennio è stato associato abbastanza stabilmente all’horror, dal seminale The Blair Witch Project passando per i tre Paranormal Activity, Cloverfield, ecc. Tutti film che assumono il punto di vista interno di un personaggio munito di una piccola handycam, facendo aderire l’atto del (non) guardare dei protagonisti all’atto del nostro vedere spettatoriale. Ma si sa, il cinema muta in continuazione, si contamina e sfonda ogni diga: a distanza di qualche settimana dal bellissimo Chronicle di Josh Tank, esce ora in sala un'altra fuga dall’horror di questo sottogenere che trova “casa” nei vecchi, cari e sboccati teen movie. Ma siamo proprio sicuri che questo Project X sia (solo) una commedia demenziale? Andiamo con ordine: il film è diretto da un giovane esordiente (Nima Nourizadeh) che si è fatto le ossa con i videoclip, scritto da uno dei più talentuosi sceneggiatori odierni (Michael Bacall, Scott Pilgrim vs The World) e prodotto dal nuovo Re Mida della commedia Todd Phillips. La storia è quanto di più classico ci si possa attendere: Thomas, J.B. e Costa, tre sedicenni della periferia di Los Angeles, decidono di festeggiare il compleanno del primo; organizzano una festa approfittando dell’assenza dei genitori e iniziano a spargere la voce tra belle ragazze e compagni di scuola; decidono di riprendere i preparativi e la serata con una videocamera per poi farne un Film (il teen movie diventa found footage).


project x - una festa che spaccaDa sempre, nella commedia americana, la Festa è il luogo dell’identità: la si organizza per fare sesso la prima volta, per affermare un senso di appartenenza, per legittimarsi socialmente e individualmente
. Ma a differenza dei vecchi party anni ‘80 post Animal House, dove la ristrettezza del gruppo rifletteva l’esilarante e tragica emarginazione del nerd nella società reaganiana, oggi si supera istantaneamente anche questo steccato. Le informazioni viaggiano velocissime via internet ed sms come un contagio virale, gonfiando a dismisura un evento che diviene subito fuori controllo e al di là di ogni intenzione. Inizia così una nuova e sregolata notte da leoni, ma con una differenza: se i tre quarantenni di Phillips sono il prodotto finito del post-capitalismo occidentale che reprime ogni desiderio e lo relega al margine della coscienza; i sedicenni di Nourizadeh sono ancora dei project x, indefiniti manufatti che sperimenteranno per la prima volta la facilità tutta contemporanea di creare in diretta il caos. E allora (non possiamo che ribadirlo) Todd Phillips non produce solo commedie, ma filma divertentissimi e lucidissimi incubi con i quali tutti dovre(m)mo fare i conti. Dove con furia iconoclasta e sorriso “drogato” si sabotano le tappe ufficiali della vita sociale di un uomo: là il matrimonio con la donna della vita e qua il compleanno dei 17 anni. Una festa che esonda dalla casa di Thomas come un fiume in piena per invadere l’intero quartiere, travolto da una frenesia ormonale, godereccia e distruttiva che arriverà a far scomodare addirittura l’ufficialità televisiva.

project xLa “vecchia” Tv interviene dall’alto, da un elicottero, per tentare di inquadrare un Cinema imbizzarrito e impastato di birra e fango, che si butta dai tetti o si immerge in piscina insieme ai videofonini o alle handycam dei ragazzi. Il Film diventa il frutto dell’assemblaggio di una babele di sguardi grezzi “montati” e frammentati in stile You Tube. Ecco che la tradizionale testimonianza filmica che i tre protagonisti si prefissavano (affidandosi a un quarto e quasi invisibile amico/regista…) viene anch’essa scardinata e contaminata dall’irrazionale. Sia la festa che il film che intendeva riprenderla, quindi, cadono nell’ultima mezz’ora in un caos di percezioni che rende Project X una teorica discesa negli inferi della morale (e) dell’immagine. E a noi spettatori non rimane più il tempo per meditazioni o pudori: qui si ride e si riflette, nello stesso istante e nella stessa inquadratura, sul limite culturale e di sguardo di un’intera generazione. Partendo dalla collaudata american (pie) comedy per scivolare pian piano in una violenta guerriglia urbana in stile banlieues losangelina, dove i poliziotti intervenuti per placare gli animi si scontrano con duemila sedicenni fuori controllo. Un irresistibile (e pericoloso) desiderio represso di distruzione che mette letteralmente a fuoco l’inquadratura: non c’è scampo in questo film e non servirà a niente liquidarlo come un nuovo prodotto in serie sfornato per un pubblico di dementi. Questo è cinema dinamitardo che (ci) mette drasticamente di fronte alla complessità di un’epoca. Una "road to nowhere" della commedia demenziale che prima fa esplodere il sorriso e poi lo strozza in gola, configurando le estreme conseguenze del vuoto prospettico insi(nua)to nel nostro nuovo millennio.
 
 

Titolo originale: Project X
Regia: Nima Nourizadeh
Interpreti: Thomas Mann, Oliver Cooper, Jonathan Daniel Brown, Dax Flame, Kirby Bliss Blanton, Brady Hender, Nick Nervies, Alexis Knapp, Miles Teller, Peter Mackenzie, Caitlin Dulany, Rob Evors
Origine: Usa, 2012
Distribuzione: Warner Bros Pictures Italia
Durata: 88'
 
 

_______________________________________________________________________________________

Puoi dare un contributo per questo contenuto editoriale, con una libera donazione a Sentieri selvaggi.

________________________________________________________________________________________