RELIGION TODAY 2004

La commissione selezionatrice del Festival Internazionale di Cinema e Religione Religion Today ha concluso i lavori di selezione per la settima edizione, che si svolgerà a Trento dal 21 al 23 ottobre, ed avrà come tema il "Viaggio nelle differenze" per valorizzare ogni diversità religiosa in quanto ricchezza e patrimonio insostituibile del genere umano.


--------------------------------------------------------------------

--------------------------------------------------------------------

Sono stati presentati 102 film, provenienti da 23 nazioni: Australia, Bangladesh, Bielorussia, Brasile, Bulgaria, Croazia, Danimarca, Francia, Germania, Gran Bretagna, Hong Kong, Iran, Israele, Italia, Lituania, Polonia, Repubblica Slovacca, Russia, Serbia e Montenegro, Stati Uniti, Sud Corea, Svizzera, Yemen.

---------------------------------------------------------------------
APERTE LE ISCRIZIONI PER UNICINEMA E SCUOLA DI CINEMA

---------------------------------------------------------------------

Tali film forniscono dunque punti di vista sull'esistenza e argomenti centrali alle religioni Cristiana nelle sue varie confessioni (Cattolica, Ortodossa, Armena, Luterana, Evangelica e Protestante), Ebraica, Islamica, Buddista, Induista, Sciamanica e dei Nativi Americani, oltre ad una serie di opere dedicate al più generale tema di una ricerca religiosa.


I 30 film ammessi al concorso, divisi nella varie categorie, sono dunque:

--------------------------------------------------------------------
I NUOVI CORSI ONLINE LIVE DI CINEMA DI SENTIERI SELVAGGI

-----------------------------------------------------

Monsieur Ibrahim e i fiori del Corano di François Dupeyron, The White Dress di Michal Kwiecinski, A Tree Without Roots di Tanvir Mokammel, Gipsy  di Ali Shah-Hatami, Mary, Mother Of The Son Of God di Moacyr Goes, The Canary di Javad Ardakani Movaqati, The Passion di Mel Gibson, The Supplement di Krzysztof Zanussi.


Otto saranno i documentari e i cortometraggi in gara.


La giuria internazionale è composta da 5 esperti di diverse culture e religioni tra cui Daryush Yari, il regista iraniano vincitore della precedente edizione del festival, e Ahmed Muztaba Zamal, direttore del Filmfestival di Daka.


Prevista la presenza a Trento di ospiti internazionali delle diverse religioni e del mondo del cinema. Tra le mostre già è confermata un'esposizione sulla figura di Santa Chiara.


Anche quest'anno la presenza nelle scuole sarà il punto di forza del Festival, con laboratori di studio, incontri e proiezioni.


 


Info:


roberto_farina@libero.it