RoboCop in copertina su Film Tv

robocop Scintilla l'armatura di RoboCop sulla cover del nuovo numero: dentro di lui, però, pulsa il cuore umano di un poliziotto automatizzato, e nel remake diretto da José Padilha (dal 6 febbraio nelle sale) torna a crepitare l'accusa sulla commercializzazione di soldati perfetti e la critica alla violenza. Quasi 30 anni dopo la pellicola originale, è un messaggio ancora fresco e attuale. Intanto, approfittiamo dell'uscita del film per parlare del sottogenere della sci-fi, il cyberpunk, che vanta una componente ribelle e sovversiva, in titoli inestimabili: da Blade Runner a Terminator, da Akira a Atto di forza.

---------------- inserzione pubblicitaria ---------------
---------------------------------------------------------------


---------------- inserzione pubblicitaria ---------------

---------------------------------------------------------------

Un uomo solo contro il mare: passiamo a tutt'altri lidi con All Is Lost – Tutto è perduto (al cinema il 6 febbraio), in cui Robert Redford si produce in un incredibile assolo di recitazione, nei panni di un naufrago che lotta per la sopravvivenza tra i flutti. Non è il primo, cinematograficamente parlando: ricordiamo altri superstiti (e non); tra di loro il Tom Hanks di Cast Away, l'Emile Hirsch di Into the Wild.

---------------- inserzione pubblicitaria ---------------
----------------------------------------------------------------

La musica – il folk – in scena nel nuovo, malinconico e appassionato lavoro dei fratelli Coen: A proposito di Davis (dal 6 febbraio), ambientato in una New York dal sapore nostalgico, impreziosito dalle voci di Justin Timberlake, Carey Mulligan e dal protagonista Oscar Isaac, cui dedichiamo un approfondimento e la filmografia essenziale. 

Ritorno sul palco teatrale per Christian De Sica: l'attore ci racconta del nuovo spettacolo, Cinecittà, uno show (con cui girerà l'Italia fino ad aprile) condito di balli scatenati e un concerto dal vivo, che celebra il cinema che fu e i suoi ricordi cinematografici e televisivi.

Dal 6 febbraio va in scena il Festival di Berlino, di cui segnaliamo i titoli di punta, i più attesi, e gli italiani (Gianni Amelio con Felice chi è diverso, Edoardo Winspeare con In grazia di dio, Fabio Mollo con Il sud è niente): esploderanno sullo schermo, tra gli altri, i colori di Wes Anderson (Grand Budapest Hotel), l'opera monstre di Richard Linklater (Boyhood), la girandola romantica di Alain Resnais (Aimer, boire et chanter).



Gli Scanners aprono con l'ardita operazione compiuta dal maestro (amato dalla Berlinale) Yôji Yamada: un remake, anzi un'attualizzazione, del capolavoro inestimabile Viaggio a Tokyo di Yasujiro Ozudel quale peraltro Yamada fu aiuto regista, e che riesce a omaggiare con un'opera gentile ed essenziale. Prosegue l'interfaccia con Berlino tramite la recensione di un dramma poco noto di Linklater, Tapetriangolo inquieto con al centro Uma Thurman; e si conclude con la dolorosa storia d'amore gay Keep the Lights On, di Ira Sachs (che è in concorso alla kermesse di quest'anno, con Love Is Strange).



La rubrica letteraria si schiude su Il libro dell'amore proibito, dove Mario Desiati (Mondadori) narra una love story scandalosa tra studente e insegnante, con un registro – sottolinea il nostro Alberto Pezzotta – a metà tra Guido da Verona e la parlata "sporca" contemporanea. Tutt'altro amore vibra in Livelli di vita di Julian Barnes (Einaudi), romanzo tripartito dentro storie e metafore, che riflette sul lutto per la morte dell'adorata moglie dell'autore.



Intervista a Channing Tatum e Jamie Foxx per l'uscita in dvd dell'action fracassone di cui sono protagonisti: Sotto assedio – White House Down (Sony) di Roland Emmerich. Ma assolutamente imperdibili sono anche il dvd del documentario polifonico Room 237 (Feltrinelli) di Rodney Ascher, sui plurimi significati della pietra miliare kubrickiana Shining, e il cofanetto targato Cineteca di Bologna L'età di mezzo, che contiene tre film dell'ottimo Leonardo Di Costanzo, tra cui L'intervallo, a Venezia 2012.



Il Telepass radiografa date, scaletta di sport ed eventi, protagonisti e principali contendenti dei ventiduesimi Giochi olimpici: la location è Sochi, le competizioni si svolgono dal 6 al 23 febbraio; su Sky a orario continuato, su Cielo si vedranno in totale 100 ore.



In parallelo all'odissea di Redford, la Locandina è dominata da quella, sconvolgente e poderosa, di Tom Hanks nel già citato Cast Away di Robert Zemeckis.