#RomaFF11 – Cicogne in missione, di Nicholas Stoller e Doug Sweetland

Una volta, tanto tempo fa, le cicogne consegnavano bambini… ora la missione dell’always deliver (gioco di rielaborazione del semper fidelis con le cicogne al posto della tipica aquila?) è stata riqualificata in un’efficiente ditta di consegne a domicilio per Cornerstore.com, che recapita finalmente i prodotti giusti, tanto si sa che “esistono altri modi per fare bambini“. Peccato che il piccolo Nate, ignorato da genitori troppo assorbiti dal lavoro, voglia a tutti i costi un fratellino e decida di mandare una lettera al Monte Cicogna. E così Junior, il numero uno delle consegne a domicilio, e la combinaguai Tulip (“Orfana” Tulip, che vive nell’azienda da quando la sua cicogna Jasper, 18 anni prima, aveva deciso di tenerla per sé distruggendo il suo sensore mappato) si ritrovano ad attivare per sbaglio la vecchia Fabbrica di bambini…STORKS

Cicogne in Missione, nuovo cartone animato prodotto dalla Warner Bros. Animation (Looney Tunes, Ant Bully, Happy Feet, Polar Express) e presentato Fuori concorso ad Alice nella Città, è un lungometraggio d’animazione estremamente godibile e curato. Curato nei dettagli grafici e nella sceneggiatura ricchissima, e soprattutto divertentissimo. L’impronta dei due co-registi si percepisce in pieno: Doug Sweetland, che come animatore della Pixar ha lavorato ad alcuni dei migliori cartoni degli ultimi anni (Toy Story, Alla ricerca di Nemo, Monsters & Co.), e Nicholas Stoller, regista di Non mi scaricareCattivi Vicini e The Five-Years Engagement, scritto e diretto In viaggio con una rock star.

---------------------------------------------------------------------
APERTE LE ISCRIZIONI PER UNICINEMA E SCUOLA DI CINEMA

---------------------------------------------------------------------

L’impronta dell’ironia caustica di Stoller si sente eccome nella sceneggiatura: il ritmo è serratissimo e le trovate comiche fulminanti, con alcune gag davvero dissacranti (come l’epica battaglia muta). STORKSE non mancano le allusioni al mondo del digitale, di cui siamo tutti ormai schiavi, tra video, selfie e una parodia di Angry Birds (gli anti-stress del boss) esilarante. Cicogne in missione è un prodotto godibilissimo, una perfetta armonia tra le forze creatrici (e creative) messe in campo, un film d’animazione capace di trovare il ritmo e la tensione giusti tra le trovate (e le risate) dedicate ad adulti e bambini, riuscendo nella non facile impresa di mantenere una venatura di cinica ironia – a tratti ben poco politicamente corretta – pur nella dolcezza e sofficità di un prodotto dedicato al mondo infantile. Un mondo infantile che dovremmo un po’ tutti riscoprire, bambini compresi, rivalutando il magico potere delle favole di creare quell’universo puro, incantato, che una volta infranto, una volta insinuato il dubbio che “Babbo Natale e la fatina dei denti non esistono” e “i bambini non li porta la cicogna“, non ritornano mai più.