"Ruby Sparks", di Jonathan Dayton e Valerie Faris

paul dano e zoe kazan in ruby sparksSei anni dopo quel piccolo gioiello di Little Miss Sunshine, Jonathan Dayton e Valerie Faris tornano dietro la macchina da presa con un'altra commedia eccentrica. Dal road-movie sull'asfalto di quel film a quello della mente di Ruby Sparks, titolo che riprende il nome della protagonista femminile, quasi una disfunzione proveniente da Hal Ashby. Ruby come Maude, Harold come il protagonista Calvin, in cui Paul Dano ha un'espressione stralunata simile a quella du Bud Cort. Lui è uno scrittore che ha un blocco creativo quando finalmente gli compare davanti il personaggio femminile che cercava. Esiste realmente o è frutto della sua immaginazione? Oppure c'era già da prima e lui lo plasma secondo i suoi desideri? Ruby Sparks è quasi un esempio di cinema nel cinema. Uno scrittore, doppio di uno sceneggiatore, che vede nella sua testa e quindi condivide quello che ha creato.

In una vicenda che raccoglie impetuosamente tutte le declinazioni dell'amore e della passione – in modo più spontaneo di come invece oggi certi cineasti giovani troppo cinefili francesi parlano invece in prima persona dei sentimenti guardando sempre dietro alla Nouvelle Vague per esibire tutti i film essenziali che hanno visto e le buone letture che hanno fatto – in cui Paul Dano (che aveva già recitato con i due registi nei panni del figlio che si rifiutava di parlare in Little Miss Sunshine) e Zoe Kazan (anche compagni nella vita), forse mettono in gioco, forse no, frammenti della loro quotidianità come, per esempio, i momenti in cui Ruby cucina o gli oggetti nel cassetto che la caratterizzano.

Scorrono le foto di Humphrey Bogart e John Lennon, la visione della ragazza come il coniglio in Harvey con James Stewart, Sabrina di Billy Wilder ma anche lo slancio alla Truffaut con i due che fanno colazione, in cui si materializzano quasi gli spettri di Antoine Doinel e Claude Jade. L'appartamento di Calvin si apre, diventa set gigantesco, esplodono anche i colori quasi con gli schizzi di vernice del primo episodio di New York Stories, si mettono in gioco tensioni prima nascoste come tutta la parte della visita a casa della madre e del suo compagno (Annette Bening e uno scatenato Antonio Banderas). Zoe Kazan, vista in E' complicato di Nancy Meyers, Meek's Cutoff di Kelly Reichardt e Revolutionary Road di Sam Mendes, è anche autrice della sceneggiatura, ha una penna agile e nervosa. Forse il film sconta, ma solo appena, qualche (in)evitabile prevedibilità perché ha esaurito quasi tutta una vita dentro un film. Ma si va oltre il tranquillo garbo di (500) giorni insieme. Qui probabilmente sono molti di più.

 

Titolo originale: id.

Regia: Jonathan Dayton, Valerie Faris

Interpreti: Paul Dano, Zoe Kazan, Chris Messina, Annette Bening, Antonio Banderas, Steve Coogan, Elliott Gould

Distribuzione: Fox

Durata: 104'

Origine: USA, 2012

  • Avatar

    Io l'ho trovato previdibilissimo e al contrario del recensore ben poco inventivo. Molto meglio il citato film di Marc Webb