SCHEGGE DI UTOPIA

Al Cineclub Filmstudio di Roma, dal 18 febbraio all'1 marzo, rassegna dedicata al cinema underground italiano degli anni '60 e '70.

SCHEGGE DI UTOPIA

--------------------------------------------------------------------
SCOPRI I NUOVI CORSI ONLINE DI CINEMA DI SENTIERI SELVAGGI


--------------------------------------------------------------------

Il cinema underground italiano (questo sconosciuto)


 

--------------------------------------------------------------------
OFFERTA CORSI SCENEGGIATURA ONLINE
Due nuovi corsi operativi di Sceneggiatura per il Cinema e le Serie Tv! Scopri l’offerta sul pacchetto

--------------------------------------------------------------------

di Paolo Brunatto


 


Rassegna di film-documentari


dal 18 febbraio al 1 marzo 2005


FILMSTUDIO 2Sala Rossa


Via degli Orti d'Alibert 1/c – Roma, Trastevere


 


 


Dal 18 febbraio al 1 marzo Cult, il canale culturale della TV satellitare, visibile su SKY (canale 142) e il Filmstudio 80 di Roma presentano la rassegna cinematografica "SCHEGGE DI UTOPIA il cinema underground italiano (questo sconosciuto").


Per l'occasione sarà proiettata una serie di 12 film-documentari, ognuno dei quali presenterà il ritratto di quei filmakers contestatori che diedero vita allo sperimentalismo cinematografico nostrano.


 


La rassegna, curata da Paolo Brunatto e prodotta da Giacomo Rossi e Stefano Rebechi per CultNetworkItalia con la partecipazione del poeta Valentino Zeichen ha l'obiettivo di riproporre, a distanza di oltre trent'anni, un'incursione nella breve e felice stagione del cinema underground italiano, fenomeno presente nel nostro paese fra i primi anni '60 e la metà degli anni '70.


 


Attraverso il ritratto di alcuni degli autori più rappresentativi – Alfredo Leonardi, Tonino De Bernardi, Romano Scavolini, Piero Bargellini, Gianfranco Baruchello, Alberto Grifi, Paolo Brunatto, Franco Brocani (Mario Schifano), Paolo Gioli, Anna Lajolo e Guido Lombardi, Annabella Miscuglio, Massimo Bacigalupo – il cinema del presente si confronta con questo movimento tanto vitale e coraggioso, che resta ancora un esempio per le nuove generazioni.


 


Nel corso del 2004 i 12 film-documentari sono stati presentati nei principali festival italiani – 40° Festival del Nuovo Cinema di Pesaro 2004, 61° Mostra Internazionale di Arte Cinematografica di Venezia 2004 Evento Speciale: Storia segreta del cinema italiano 1949-1976, Torino Film Festival 2004, Roma Film Festival 2004 – riscontrando la massima attenzione della critica cinematografica e del pubblico. 


 


Una pagina sconosciuta del cinema italiano, ma soprattutto il sogno di una generazione di descrivere la realtà attraverso l'occhio deformato e deformante della macchina da presa, utilizzando nuove e rivoluzionarie regole stilistiche e formali della narrazione visiva, per inventare un nuovo sguardo poetico, onirico e politico sul reale.


———————————————————————————————————————————————————


 


SCHEGGE DI UTOPIA


il cinema underground italiano (questo sconosciuto)


 


Rassegna di film-documentari  dal 18 febbraio al 1 marzo 2005


FILMSTUDIO 2 – Sala Rossa


Via degli Orti d'Alibert 1/c – Roma, Trastevere


 


Programma


Venerdì 18 febbraio


 


ore 16,30 e 20,00    Ritratto di Alberto Grifi


Alberto Grifi, protagonista attorno al quale ruotò tutto il movimento underground italiano, si confessa davanti alle telecamere di Paolo Brunatto. Grifi racconta al poeta Valentino Zeichen le ragioni che sono all'origine de "La verifica incerta" (restaurato di recente per il festival di Venezia), il film più famoso dell'underground italiano.


 


ore 18,15 e 22,30    Ritratto di Tonino De Bernardi


Durante la stagione underground Tonino De Bernardi si propose di raccontare "quello che vedeva" e -se possibile – salvare se stesso ed il suo mondo per mezzo della sua stessa opera. De Bernardi racconta al poeta Valentino Zeichen e ad un giovane amico cinephile – Fulvio Baglivi – che in quei lontani anni '60 volle fare un cinema che "lo accompagnasse nel vivere"… Un modo semplice e diretto per vedere il particolarissimo modo di operare di questo regista insolito e geniale.


 


ore 21,45 < Spazio autori / Incontri: Alberto Grifi e Paolo Brunatto


Dalle 20,00 serata ospiti (ingresso ad invito)


 


Sabato 19 febbraio


 


ore 16,30 e 20,00    Ritratto di Annabella  Miscuglio


Musa e Dea dell'underground italiano, ha sempre rifiutato la contrapposizione tra cinema d'arte e cinema popolare ed ha contribuito a creare quel nuovo gusto critico che ha rotto gli schemi e attraversato scuole, gusti e tendenze. Fondò nel 1967 con Americo Sbardella – che nel film ne traccia il ricordo e la memoria – il leggendario Filmstudio di Roma, tempio del cinema indipendente e sotterraneo di ieri e di oggi.


 


ore 18,15 e 22,30    Autoritratto di Paolo Brunatto


In una lettera del 1974, indirizzata a Massimo Bacigalupo, comparsa poi sulla rivista Bianco e Nero, scrivevo: "E' pericoloso parlare di se stessi, perché la cosa si presta a mille malintesi. Ma io lo farò lo stesso, perché il mio Ego di autore, non resiste alla tentazione". (Paolo Brunatto)


 


ore 21,45 < Spazio autori / Incontri: Americo Sbardella e Paolo Brunatto


 


Domenica 20 febbraio


 


ore 16,30 e 20,00    Ritratto di Piero Bargellini


Il viaggio travolgente di Piero Bargellini nella tecnica e nell'estetica.


 


ore 18,15 e 22,30    Ritratto di Romano Scavolini


Scavolini insieme a Paolo Brunatto e all'amico Valentino Zeichen, ripercorre le vicissitudini dei suoi primi passi nel cinema sperimentale, alla base del quale si sviluppava il tentativo di descrivere in tempo reale i gesti e gli avvenimenti della realtà. Il documentario presenta le immagini inedite e suggestivi momenti di backstage dell'ultimo film di Scavolini, "L'apocalisse delle scimmie" (2004), una produzione recentissima completamente autogestita, esempio di un nuovo cinema povero.


 


ore 21,45 < Spazio autori / Incontri: Romano Scavolini e Valentino Zeichen


 


Lunedì 21 febbraio


 


ore 16,30 e 20,00    Ritratto di Alfredo Leonardi


Paolo Brunatto e Valentino Zeichen incontrano Alfredo Leonardi, appassionato portabandiera del cinema underground italiano, che oggi vive "in ritiro" sul lago di Como e ha ormai preso le distanze da quella stagione e dal cinema in generale.


 


ore 18,15 e 22,30    Ritratto di Anna Lajolo e Guido  Lombardi


Un viaggio in compagnia di due esploratori della nostra epoca – Anna Lajolo e Guido Lombardi – che attraverso il video ed il testo scritto sono passati dall'underground più sperimentale e poetico negli anni '60, al collettivo Videobase negli anni '70 e, negli anni '80, a documentare la vita di comunità che vivono in mitiche isole sperdute negli oceani, come Tristan da Cunha o Pitcairn, l'isola degli ammutinati del Bounty.


 


ore 21,45 < Spazio autori / Incontri: Guido Lombardi


 


Martedì 22 febbraio


 


ore 16,30 e 20,00    Ritratto di Gianfranco  Baruchello


Per Gianfranco Baruchello, come per il suo maestro Duchamp, il poetico si reperisce innanzitutto nei processi subconsci, in funzione liberatoria e, un tempo si diceva, antiborghese. Paolo Brunatto e Valentino Zeichen svelano la vena ludica e l'ironia che riportano alla luce le mordaci idee, latenti nel gesto artistico, di Baruchello, coautore con Grifi de "La verifica incerta" e realizzatore di una serie di corti sperimentali, performances epocali ed indelebili segni del tempo.


 


ore 18,15 e 22,30    Ritratto di Paolo Gioli


Nel suo eremo di campagna, in Veneto, tra pellicole stese ad asciugare, proiettori, vecchie cineprese 16mm. e moviole antidiluviane, Paolo Gioli descrive i suoi procedimenti di "cinema alchemico".


 


ore 21,45 < Spazio autori / Incontri:  Eleonora Orlandi (aiuto regista di Schegge di Utopia)


e Raffaele Maiolino ( montatore di Schegge di Utopia)


 


Mercoledì 23 febbraio


 


ore 16,30 e 20,00    Ritratto di Franco Brocani (e MARIO SCHIFANO…)


Per Brunatto e Zeichen tentare il ritratto di Brocani ha significato riferirsi inevitabilmente all'amicizia ed alla complicità creativa, umana e professionale, di quest'ultimo con Mario Schifano, compagno di viaggio di una vita.


 


ore 18,15 e 22,30    Ritratto di Massimo  Bacigalupo


Oggi insigne studioso di letteratura anglosassone (ha vinto il Premio Opera Prima Viareggio con un saggio su Pound), Bacigalupo si racconta e racconta la sua idea di cinema. Con la complicità di Brunatto e Zeichen dopo almeno 20 anni di inattività come filmaker, riprende in mano una telecamera e si lascia andare ad un nostalgico e divertente remake di un suo filmino 8 mm. girato a Portofino quando aveva 14 anni.


 


ore 21,45 < Spazio autori / Incontri: Franco Brocani


 


Giovedì 24 febbraio


 


ore 16,30 e 20,00    Ritratto di Romano Scavolini


 


ore 18,15 e 22,30    Ritratto di Piero Bargellini


 


ore 21,45 < Spazio autori / Incontri: Adriano Aprà


 


Venerdì 25 febbraio


 


ore 16,30 e 20,00    Ritratto di Anna Lajolo e Guido  Lombardi


 


ore 18,15 e 22,30    Ritratto di Alfredo Leonardi


 


ore 21,45 < Spazio autori / Incontri: Stefano Rebechi e Giacomo Rossi


(produttori di Schegge di Utopia)


 


Sabato 26 febbraio


 


ore 16,30 e 20,00    Ritratto di Tonino De Bernardi


 


ore 18,15 e 22,30    Ritratto di Alberto Grifi


 


ore 21,45 < Spazio autori / Incontri: Massimiliano Fasoli (direttore di Cult)


 


Domenica 27 febbraio


 


ore 16,30 e 20,00    Ritratto di Paolo Brunatto


 


ore 18,15 e 22,30    Ritratto di Annabella  Miscuglio


 


ore 21,45 < Spazio autori / Incontri: Americo Sbardella e Armando Leone


 


Lunedì 28 febbraio


 


ore 16,30 e 20,00    Ritratto di Massimo Bacigalupo


 


ore 18,15 e 22,30    Ritratto di Franco Brocani


 


ore 21,45 < Spazio autori / Incontri: Massimiliano Fasoli  e Valentino Zeichen


 


Martedì 1 marzo


 


ore 16,30 e 20,00    Ritratto di Paolo Gioli


 


ore 18,15 e 22,30    Ritratto di Gianfranco Baruchello


 


ore 21,45 < Spazio autori /  Incontri: Gianfranco Baruchello


 


Scheda informativa: Filmati in Betacam, Colore e Bianco e Nero, Durata: 45' a episodio


 


Ingresso: 5 Euro


——————————————————————————————————————————————————–


 


Filmstudio 1 e 2


via degli Orti d'Alibert 1/c – 00165 Roma (via della Lungara – Trastevere)


telefono: 06.68192987


e-mail: ilfimstudio@mclink.it


 

------------------------------------------------------------------------
IL NUOVO NUMERO DI SENTIERISELVAGGI21ST #7