"Segui il tuo cuore", di Burr Steers

Zac Efron e Charlie Tahan in Segui il tuo cuore di Burr SteersSotto alcuni aspetti, Charlie St. Cloud è la versione di Hereafter che la maggior parte dell’opinione pubblica si sarebbe aspettata da Clint Eastwood. Le analogie tra il film di Burr Steers e quello dell’ottuagenario cineasta americano non si limitano al terreno della tematica, che tratta la questione del limbo tra la vita e la morte: infatti, al centro di entrambe le storie c’è il solido legame tra due fratelli, bruscamente interrotto dalle fatali conseguenze di un incidente stradale. Per cinque anni, il protagonista continua ad incontrarlo ogni volta che scende il sole, per onorare un patto che avevano fatto poche ore prima di venire separati dal destino: ad ogni tramonto,  i due si allenano con la palla da baseball e conservano viva la loro fedeltà reciproca. Charlie tiene fede all’istinto di protezione che ha verso il fratello più piccolo e richiama così un altro elemento ricorrente delle relazioni tra i solitari personaggi eastwoodiani. Dopo il tragico evento, anche il ragazzo ha mollato tutta la sua vita sociale, il suo futuro universitario ed un brillante avvenire come velista: si è ritirato nel modesto appartamento riservato al custode del cimitero locale e si impegna in un lavoro che gli permette di non perdersi nemmeno un appuntamento soprannaturale nel bosco vicino, sulle coste del Massachussets. Tutti lo considerano strambo e si rassegnano al suo isolamento dal resto della comunità: con il solo scopo di non tradire una promessa, anche lui si è immolato al sacrificio di una vita da emarginato. In questo senso, Charlie St. Cloud è davvero la forma lineare e virilmente solidale di Hereafter. Purtroppo, sia il regista che Zac Efron si sforzano in ogni modo a distruggere sia il best-seller di Ben Sherwood che la sceneggiatura che lo ha adattato, scritta da un fidato collaboratore di Baz Luhrmann come Craig Pierce. Dopo il boom di High School Musical e di Hairspray, l’aspirante divo ha deciso di affidare la sua volontà di indipendenza e di affermazione a Burr Steers, che nel 2009 lo aveva giàZac Efron e Amanda Crew in Segui il tuo cuore di Burr Steers diretto nell’incerto 17 Again. Nel loro progetto, c’è sicuramente l’intenzione di far vedere come l’attore possa esprimersi su campi diversi da quelli che lo hanno consacrato come un idolo per le riviste da teen-ager. Le implicazioni drammatiche e l’atmosfera cupa della trama avrebbero potuto servire all’esibizione delle attese sfumature del suo possibile talento: qui, i tempi spensierati del liceo sono così lontani che il protagonista vede anche i suoi ex compagni di classe, che tornano dalla morte dopo essere caduti in guerra. Tuttavia, questa decadenza viene continuamente esorcizzata dalla messa in scena, che tenta con tutte le sue forze di spostarsi sul terreno che gli è più congeniale, quello del romance giovanile, affidabile ma poco stimolante. Alla fine, il suo fallimento è condizionato proprio dalla riluttanza di Zac Efron a mostrarsi adulto e a rinunciare al traino di un pubblico fedele, che esige il suo sguardo di tenero belloccio da consolare. In una sequenza iniziale, le svampite commesse di un negozio lo implorano di essere portate in barca: se il dovere dell’intreccio e la credibilità del suo ruolo gli impongono di rifiutare la loro richiesta, le necessità di Hollywood lo forzano a strizzargli l’occhio e a ritardare un salto di qualità sempre più urgente e latitante.

 

Titolo originale: Charlie St. Cloud

Regia: Burr Steers

--------------------------------------------------------------------
IL NUOVO NUMERO DI SENTIERISELVAGGI21st!
--------------------------------------------------------------------

--------------------------------------------------------------------

--------------------------------------------------------------------
LE BORSE DI STUDIO PER CRITICA, SCENEGGIATURA, FILMMAKING DELLA SCUOLA SENTIERI SELVAGGI

-----------------------------------------------------

Interpreti: Zac Efron, Amanda Crew, Charlie Tahan, Ray Liotta, Kim Basinger

Distribuzione: Universal Pictures

---------------------------------------------------------------------
APERTE LE ISCRIZIONI PER UNICINEMA E SCUOLA DI CINEMA

---------------------------------------------------------------------

Durata: 99'
Origine: USA/Canada, 2010