Sei pezzi facili su Rai Cultura

Sei tra le opere teatrali più famose di Mattia Torre, con la regia di Paolo Sorrentino, andranno in onda dal 19 novembre, e per cinque sabati consecutivi alle 22 su Rai 3

-----------------------------------------------------------
UNICINEMA LAST MINUTE! – UNA NUOVA IDEA DI UNIVERSITÀ. APERTE ANCORA LE ISCRIZIONI PER IL 2023!


-----------------------------------------------------------

La Rai propone Sei pezzi facili, sei tra le opere teatrali più famose di Mattia Torre per la regia televisiva di Paolo Sorrentino. Mattia Torre, scomparso a Roma il 19 luglio 2019, è stato un autore teatrale, sceneggiatore e regista. Autore di talento di teatro e tra gli autori del programma Parla con me e delle stagioni della serie Boris.

----------------------------
SENTIERISELVAGGI21ST N.12 – COVER STORY: TOM CRUISE, THE LAST MOVIE STAR

----------------------------

I ‘sei pezzi facili’ andranno in onda dal 19 novembre, e per cinque sabati consecutivi alle 22 su Rai 3. Le opere, mai banali, provano a analizzare l’attrito fra l’individuo e il mondo contemporaneo, fermandosi talvolta sui caratteri dei singoli personaggi.

--------------------------------------------------------------
DARIO ARGENTO – L’AMORE E IL TERRORE, A CURA DI GIACOMO CALZONI

--------------------------------------------------------------

Da Migliore con Valerio Mastandrea, e quindi partendo dal filo sottile che lega il bene e il male nella vita contemporanea, si passa a Perfetta con Geppi Cucciari, dove si prova a comprendere l’angoscia della vita quotidiana guardandola da vicino attraverso la vita di una donna in 28 giorni.

Qui e ora, con Valerio Aprea e Paolo Calabresi, ritorna sul problema delle difficoltà di comprensione fra persone con personalità diverse, mentre 456 con Massimo De Lorenzo e Cristina Pellegrino, va ad affrontare l’effetto dell’isolamento e della chiusura su una famiglia che vive in una valle in mezzo al nulla.

In Mezzo al mare, con Valerio Aprea, prova a delineare l’inettitudine dell’uomo contemporaneo di fronte ai meccanismi e alle richieste del sistema sociale; sulla stessa falsariga, Gola tocca una sottile relazione tra gli esseri umani e il cibo, laddove quest’ultimo può essere visto come nascondiglio per la rabbia, per i vuoti quotidiani e per la paura.

 

--------------------------------------------------------------
LAST MINUTE SCUOLA TRIENNALE 2022-23

--------------------------------------------------------------

    ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER DI SENTIERI SELVAGGI

    Le news, le recensioni, i corsi di cinema, la riviste, i libri, gli eventi e tutte le nostre iniziative



    Rispondi