SERATATROISI

troisi il comico dei sentimenti.jpg

venerdì 30 settembre 201, ore 18.00

--------------------------------------------------------------------

--------------------------------------------------------------------

 

---------------------------------------------------------------------

---------------------------------------------------------------------

 

Anna Pavignano, Cristiana Caimmi, Angelo Orlando, Federico Chiacchiari, Demetrio Salvi

 

 

 

SERATATROISI

 

Vent’anni da “Il comico dei sentimenti”

 

Una chiacchierata tra amici, nessuna commemorazione, la ristampa di un libro che ci ha reso felici, la possibilità di parlare di Massimo seguendo i ritmi irregolari di un cuore appassionato.

Fu Massimo, in una puntata ormai mitica condotta da Gianni Minà in onore di Pino Daniele, a presentare il libro che gli avevamo dedicato: irruente, scanzonato, ironico fino all'inverosimile e perfettamente comico, mise in scena una sorta di pantomima che neanche un raffinato giornalista qual è Minà, riuscì a contenere.

 

A vent'anni di distanza riproponiamo, inalterato, il testo che ha accompagnato la nascita di Sentieri selvaggi: senza inchinarci al desiderio autoriale della critica del tempo, cogliemmo l'odore di una genialità che, in qualche modo, sentivamo potente e incontenibile: Massimo Troisi era il cinema migliore di quegli anni, un cinema che gran molti faticavano a riconoscere.

 

Non è un omaggio quello che vi proponiamo: abbiamo schivato puntualmente qualunque celebrazione "tardiva", abbiamo preferito rimanere in un riserbo a testimonianza di un'amicizia, saldata dalla lunghissima intervista che ci concesse – mettendosi in gioco completamente, con una sincerità talvolta sconcertante.

 

Ci immaginiamo una chiacchierata tra amici, la voglia di sentircelo vicino, la possibilità di farcelo ancora raccontare da Anna Pavignano – chi meglio di lei? – sceneggiatrice dei film di Troisi che ci parlerà anche del suo bellissimo romanzo “Da domani mi alzo tardi”, da Cristiana Caimmi, splendida press-agent che già negli anni ‘70 si occupava della comunicazione di Troisi e la Smorfia, e da Angelo Orlando, che con Massimo Troisi è stato sullo schermo in uno dei suoi film più riusciti, Pensavo fosse amore invece era un calesse. Nessuna lacrima, l'allegria che gli era propria, il piacere di condividere la conoscenza di chi, in modo perfetto, ha cambiato un po' anche la nostra vita.

 

A seguire proiezione di due film imperdibili, a sorpresa.

L'ingresso è gratuito.

 

Sentieri selvaggi, via Carlo Botta 19, Roma

Info 06.96049768