"Severance – Tagli al personale", di Christopher Smith

Più che un horror, una commedia macabra e grottesca, dove si cerca di fare umorismo nero con gambe mozzate e teste decapitate. La continua alternanza di ironia e paura porta alla luce un ibrido cinematografico anomalo, nel quale si gioca con gli archetipi dell’horror, nella ricerca di qualcosa di inaspettato che sappia ancora stupire lo spettatore.

----------------------------
MASTERCLASS ONLINE DI REGIA CON MIMMO CALOPRESTI

----------------------------

La Palisade Defence è una società che produce armi. Sette dei suoi dipendenti vengono mandati a passare un fine settimana in un lodge fra i boschi dell’Ungheria. Obiettivo del week-end è quello di aumentare lo spirito di gruppo fra i sette dipendenti, più coesione, più produzione.
Il gruppo non ci metterà molto a capire di non essere isolato e il loro fine settimana aziendale diventerà una lotta per la proprio sopravvivenza.
Severance più che un horror è una commedia macabra e grottesca, dove si cerca di fare umorismo nero con gambe mozzate e teste decapitate. La continua alternanza dei due registri, quello ironico e quello horror, portano alla luce un ibrido cinematografico anomalo, nel quale si gioca con gli archetipi del genere nella ricerca, a volte riuscita, di qualcosa di inaspettato e innovativo che sappia ancora stupire lo spettatore.
Quello che manca invece è un’idea di base nell’utilizzo delle componenti horror. Le potenzialità della sceneggiatura erano interessanti (i sette fanno parte di una multinazionale delle armi, ma non sembrano mai porsi domande sul loro lavoro) e la storia sarebbe potuta diventare un notevole atto d’accusa contro questo commercio. Invece il film rimane un comodo divertissement per un pubblico a cui non si chiede nulla, tantomeno una riflessione sulla brutalità di alcune azioni umane, come il sadismo e la tortura. In questo modo l’horror perde le sue potenzialità politiche e critiche per rimanere puro intrattenimento. Commercializzazione di violenze e arti tranciati.
I paesi dell’Europa dell’est sembrano poi essere diventati l’ultima frontiera dell’horror mondiale. Come se in quei boschi (così’ come accadeva nei due Hostel) la violenza umana si fosse liberata di ogni restrizione. E dove, tra le rovine del blocco sovietico, continuano a vivere esseri sanguinari e vendicativi, desiderosi solamente di consumare e violare i corpi dei visitatori occidentali. Che sia per vendetta o semplice cattiveria la violenza, la tortura e il sadismo stanno riempiendo i nostri schermi (televisivi quanto cinematografici) e proprio perché l’ironia può permettersi di giocare con tutto bisogna anche ricordarsi che tra tutte le armi a nostra disposizione è quella che va maneggiata con la maggiore cura.

----------------------------
CORSO ONLINE DI CRITICA CINEMATOGRAFICA CON LA REDAZIONE DI SENTIERI SELVAGGI

----------------------------

Titolo originale: id.
Regia: Christopher Smith
Interpreti: Danny Dyer, Laura Harris, Toby Stephnes, Andy Nyman
Distribuzione: Medusa
Durata: 96’
Origine: Inghilterra,Germania 2007

--------------------------------------------------------------
SENTIERISELVAGGI21ST N.13 – PRENOTA LA COPIA IN OFFERTA SCONTATA ENTRO IL 31 GENNAIO!

--------------------------------------------------------------
----------------------------
BANDO PER IL CORSO DI CRITICA DIGITALE 2023

----------------------------

    ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER DI SENTIERI SELVAGGI

    Le news, le recensioni, i corsi di cinema, la riviste, i libri, gli eventi e tutte le nostre iniziative