Sex Appeal: la commedia romantica 2.0 di Disney+

Il film, disponibile da aprile sulla piattaforma Disney+, rappresenta la coerente evoluzione delle commedie romantiche per ragazzi adattate per la nuova generazione Z.

La trama
Avery è una liceale studiosa e perfezionista, impegnata in una relazione a distanza con Casper. Quando il suo fidanzato le lascia intendere di voler andare oltre nel loro rapporto, Avery è presa dal panico, dal momento che non ha alcuna consapevolezza del proprio corpo e di come possa funzionare un rapporto sessuale.

Decide così di realizzare un’app (da qui il titolo del film) per rendere perfetta la prima volta a letto e, nel fare ciò, la protagonista esplora e impara tutte le sfumature relative al sesso, che comprendono i preliminari, il piacere, la collaborazione e il consenso tra i due amanti. Al fine di perfezionare l’app e testarne l’affidabilità, Avery decide di utilizzare come cavia il suo amico Logan, da tempo infatuato della ragazza, con cui diventerà sempre più intima.

Sex Appeal: l’evoluzione della sex comedy?
In una società che massifica e disorienta i giovani, sottoponendoli continuamente a modelli di perfezione inarrivabile, Sex Appeal mostra finalmente al pubblico un modello adolescenziale di fragilità, insicurezza e umanità. Avery è un’adolescente come tante, che non ha ancora contemplato il sesso, ma che viene trascinata improvvisamente dalle aspettative della società che la circonda. In conclusione, infatti, l’astuta protagonista comprenderà che il sesso richiede testa e cuore e che non può (e soprattutto non deve) essere praticato in maniera meccanica.

Questa nuova formula narrativa potrebbe far storcere il naso a qualche “boomer”; tuttavia è da tempo, ormai, che le vecchie generazioni si sono rassegnate alla scomparsa dei vinili e del Festivalbar e hanno compreso quali sono le differenze tra macchinette da bar e i casinò online. È quindi giunto il momento che anche certi tabù vengano definitivamente abbattuti e che la realtà venga digerita per quella che è, dal momento che, grazie a internet, i ragazzi hanno accesso a informazioni illimitate e desiderano sapere come funzioni il mondo, anche il sesso.

Chi è nato negli anni ‘90 sarà cresciuto senza dubbio con le volgari e irriverenti commedie americane del calibro di “American Pie” o “Maial College”, le quali proponevano storie di adolescenti in cerca della tanto agognata maturità sessuale in modo assolutamente esasperato e ridicolo. Con la storia di Avery, interpretata dalla giovanissima Mika Abdalla, Sex Appeal inaugura un nuovo stile di sex comedy per ragazzi, certamente più maturo, realistico e senza tabù.

    ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER DI SENTIERI SELVAGGI

    Le news, le recensioni, i corsi di cinema, la riviste, i libri, gli eventi e tutte le nostre iniziative



    Rispondi

    Contenuto non disponibile
    Consenti i cookie cliccando su "Accetta" nel banner"