Sidney Lumet e la Fondazione Fellini

Dopo Scorsese (2005), Polanski (2006), Olmi (2007) e de Oliveira (2008), sabato 7 novembre, a conclusione del convegno che ogni anno la Fondazione organizza per rendere omaggio al Maestro riminese, il Presidente Pupi Avati conferirà il Premio Fondazione Fellini 2009 al regista americano Sidney Lumet, Premio Oscar alla carriera nel 2005. Alle ore 12,30 di sabato 7 presso la Cineteca del Comune di Rimini Sidney Lumet parteciperà ad un incontro con la stampa. Il Premio consiste in una riproduzione in oro del disegno Colazione sull’erba, scena di un sogno dal quale Fellini trasse ispirazione per il celebre spot della Banca di Roma, interpretato da Paolo Villaggio e Anna Falchi.
La cerimonia si concluderà con una relazione del regista premiato riguardante il suo rapporto con il cinema di Fellini. Lumet considera il maestro riminese “il poeta visivo del cinema”, così lo definì in occasione di una retrospettiva organizzata a New York nel 1993: “Mi sento onorato di fare il suo stesso mestiere. Il Maestro ci ha aiutato a riscoprire il significato delle parole, ha ridefinito per noi il senso di grande e di poeta”.
La sceneggiatura all’italiana: Fellini, Pinelli e gli altri è il titolo del Convegno ideato dal critico Tullio Kezich pochi mesi prima di morire, che si inaugurerà venerdì 6 novembre alle ore 15.00 presso il Teatro degli Atti di Rimini per concludersi alle 18.00 di sabato 7. Si tratta di due giorni di lavori in cui esperti di cinema, storici, sceneggiatori di allora e di oggi illustreranno le prime esperienze creative di Fellini legate alla scrittura (per il cinema e ancor prima per il varietà), e approfondiranno il rapporto tra copione e rappresentazione cinematografica. La manifestazione si aprirà con un'ampia relazione video di Tullio Kezich sulla sceneggiatura in Italia al tempo di Fellini, l’ultima testimonianza che da Presidente Onorario Kezich ha voluto lasciare alla Fondazione. A moderare le due giornate sarà il giornalista Mario Sesti. Al convegno parteciperanno Gianni Rondolino, Stefano Stoja, Luciano De Giusti, Fabio Andreazza. La seconda giornata di studi prenderà avvio alle ore 9.00 con Valerio Caprara, Ernesto G. Laura, Gian Franco Gianotti, Maurizio Giammusso, Gian Piero Brunetta, Domenico Starnone, Vincenzo Cerami, Tonino Guerra.  
Venerdì 6 alle ore 18.30 sarà inaugurata ufficialmente la nuova sede della Fondazione, via Nigra 26, la Casa-Museo Fellini, generosamente messa a disposizione dal Comune. L’esposizione permanente creerà un istituto polifunzionale, convivranno così uffici organizzativi, commerciali e quelli volti alla comunicazione, con l’archivio Fellini, consultabile su prenotazione da studiosi e cinefili. La Casa Museo diverrà il polo cinematografico cittadino, in attesa del completamento della ristrutturazione del Cinema Fulgor, ad opera del maestro Dante Ferretti, prevista per la fine del 2012, in cui Museo, Fondazione, archivio e cineteca prenderanno dimora.