"Soul Kitchen", di Fatih Akin

---------------- inserzione pubblicitaria ---------------
---------------------------------------------------------------

soul kitchen di fatih akinE’ un film che emette la stessa puzza di bruciato che ti arriva al naso in alcune sortite più “leggere” e “scanzonate” di uno come Michael Winterbottom, questo Soul Kitchen, di un cineasta ormai pronto all’esportazione oltreoceano come sembra oggi Fatih Akin: e potrebbe essere proprio questa colorata commedia condita di ruffianerie sparse il suo biglietto da visita per (una certa) Hollywood. La pellicola fila come un treno, e piazza nei punti giusti gli sketch e le battute più divertenti – eppure non si percepisce nemmeno un attimo di reale, spontaneo divertimento: in una Amburgo che sembra rappresentare appieno una Germania che si ostina a cercare in ogni modo la strada per “riqualificare” il proprio passato industriale, trasformando caseggiati, ex-fabbriche ed ex-grandi magazzini in ristoranti e discoteche cool, gli stilemi della commedia indie globalizzata finiscono applicati ai tipi della gioventù germanica – in sostanza un manipolo di ex punk fancazzisti alle prese  con una serie di strampalati contrattempi nella gestione di una bettola che all’improvviso comincia ad essere il ritrovo preferito degli amanti della musica della città.

---------------- inserzione pubblicitaria ---------------

---------------------------------------------------------------
In realtà, gran parte dei problemi sono famigliari (fratelli delinquenti e riunioni al capezzale di nonne morenti), e Akin ha buon gioco nel verniciare tutto con i toni acidi delle copertine dei 33 giri soul degli anni ’70, che passano a rotazione continua in una colonna sonora che però non viene sfruttata appieno, neppure come base ritmica per un montaggio che a ben guardare è molto meno spigliato di quanto vuol dare a vedere.
Come spesso accade nei progetti di questo tipo, gli attori sono incolpevoli, nonché particolarmente bravi e “in parte”: soprattutto il protagonista, Adam Bousdoukos, costretto da Akin a recitare l’intero film mimando gli effetti devastanti alla schiena di una terribile ernia al disco (e già qui è ben chiaro l’alto livello della metafora…), e la sorprendente Anna Bederke nel ruolo della cameriera e amica fricchettona.
Soul Kitchen non è tanto, come vorrebbe sembrare, l’elegia dei veri valori da condividere (fiducia, lealtà, sincerità, amicizia) per poterla avere vinta contro i grigi distruttori individualisti di ogni idea di comunità da smantellare in nome del vil denaro: si tratta, piuttosto, dell’autoindulgente ritratto di una generazione di beatnik pronta a perdonarsi qualunque affronto pur di continuare a giocare all’essere indipendenti e alternativi – la visione di un Cinema che non parla di niente e nessuno per poter a tutti i costi riuscire a farsi amare da tutti, compresa inevitabilmente la Giuria di Venezia…
Che farsene?

Titolo originale: id.
Regia: Fatih Akin
Interpreti: Adam Bousdoukos, Birol Ünel, Mortiz Bleibtreu, Pheline Roggan, Dorka Gryllus
Distribuzione: Bim
Durata: 99'
Origine: Germania, 2009

5 commenti

  • Avatar

    Un film da vedere

  • Avatar

    Un film da vedere

  • Avatar

    É se fosse senplicemente un omaggio all'umanità della sua Amburgo? Certo nettamente inferiore ad altre pellicole di Akin. Peccato.

  • Roberto Catania
    Avatar

    Non sono d'accordo, trovo il film bellissimo, il ritmo e' perfetto, la colonna sonora straordinaria, gli attori bravissimi e giusti nei rispettivi ruoli gli attorit . .Akin e' un grande e questo e' CINEMA!

  • Avatar

    Credo che il cinema di Akin vada rintracciato in altri titoli: l'emozionate 'La sposa turca', il sinestesico 'Crossing the bridge'(qui possiamo parlare di colonna sonora), per citarne alcuni. 'Soul Kitchen' mi pare un gradino inferiore. Un lavoro confezionato anche molto bene (ritmo?), ma privo di quella profondità che possidedono altre sue pellicole.