Spiderhead, di Joseph Kosinski

Netflix con la formula sci-fi riaffronta la paura del controllo AI e dell’internamento di massa, anche se sembra solamente il dispiegamento delle strutture di fruizione della piattaforma streaming.

-----------------------------------------------------------
UNICINEMA LAST MINUTE! – UNA NUOVA IDEA DI UNIVERSITÀ. APERTE ANCORA LE ISCRIZIONI PER IL 2023!


-----------------------------------------------------------

Dai campi lunghi di Top Gun: Maverick alle claustrofobiche stanze di Spiderhead. Due prodotti localizzati in luoghi e ,in particolar modo, formati tra loro molto distanti, ma legati (in)consciamente dal nome di Joseph Kosinski e dal distopico discorso espresso sul controllo sempre più opprimente delle intelligenze artificiali all’interno degli spazi istituzionali del futuro. Anche se Maverick rivela questo suo oscuro presagio maggiormente nella sua prima parte, per poi riprenderlo molto più in là, il film targato Netflix invece ragiona quasi principalmente su questa verifica ossessiva del temperamento umano da parte delle macchine. Infatti il personaggio interpretato da Chris Hemsworth è il direttore di un carcere speciale situato su un’isola sperduta, dove i poveri internati, con la speranza di ricevere uno sconto di pena, si prestano ad continue sperimentazioni corporee, al fine di testare una nuova modalità di fruizione emotiva controllata direttamente da un’IA. Quindi rispetto alla parabola del Cruise immortale (?), qua si torna alla fantascienza minimal tanto cara alla piattaforma e sempre più indirizzata ad ipotizzare i punti critici del prossimo impatto con le forme primordiali delle macchine consenzienti. Ma, rispetto per esempio ad un Oxygène, il regista di Oblivion vira sul descrivere il rapporto con l’intelligenza artificiale, con la macchina, come una logorante condizione di massa in preda a dei incontrollati sbalzi “d’umore”.

----------------------------
SENTIERISELVAGGI21ST N.12 – COVER STORY: TOM CRUISE, THE LAST MOVIE STAR

----------------------------

--------------------------------------------------------------
SENTIERI SELVAGGI BLACK FRIDAY

--------------------------------------------------------------

 

Perché in fondo Spiderhead più che un’opera incentrata sulla fantascienza distopica è un original che dispiega le strutture di fruizione della piattaforma stessa. Infatti sembra di assistere, attraverso le bipolari storie dei protagonisti, al riflesso dell’organizzazione della schermata home di Netflix. Un portale che conduce letteralmente lo stato d’animo dello spettatore a navigare nelle varie sezioni per poi soddisfare, attraverso un semplice tasto, l’esigenze emotive del momento. Tutto monitorato da un’intelligenza remota. E il film di Kosinski, istantaneamente lontano dai toni epici di Top Gun: Maverick, appunto assume il fascino simbolico della politica streaming e delle sue modalità. Ma in questa affascinante rielaborazione, quasi metacinematografica, è proprio la storia così lontanamente distante dall’avere una propria dimensione, a rappresentare un grande punto di smarrimento. Il voler rendere il romanzo di George Saunders Escape from Spiderhead, un racconto dal ritmo incontrollato e dalle tonalità grottesche, consegna inavvertitamente le redini del gioco ai protagonisti che progressivamente vengono schiacciati da questa pesante inconsistenza emotiva. Come se la sceneggiatura ad un certo punto si eclissasse per dare spazio alla più pura intuizione, pur sempre monitorata, degli attori, in special modo da Miles Teller. Tutto ciò pare una condizione abissale dove, non solo il film giunge ad un imprevedibile deriva, ma si conferma l’informe capacità di Kosinski nel passare da un prodotto con una forte identità autoriale e tematica come Maverick ad un cinema forse più sperimentale, ma pur sempre lontano dall’essere consistente e memorabile, come in questo caso.

 

 

Titolo originale: id.
Regia: Joseph Kosinski

 

Interpreti: Chris Hemsworth, Miles Teller, Jurnee Smollett, Mark Paguio, Tess Haubrich, BeBe Bettencourt

 

Durata: 106′

 

Distribuzione: Netflix

 

Origine: USA, 2022

La valutazione del film di Sentieri Selvaggi
2.5
Sending
Il voto dei lettori
1.5 (2 voti)
--------------------------------------------------------------
LAST MINUTE SCUOLA TRIENNALE 2022-23

--------------------------------------------------------------

    ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER DI SENTIERI SELVAGGI

    Le news, le recensioni, i corsi di cinema, la riviste, i libri, gli eventi e tutte le nostre iniziative