SS MAGAZINE Sentieri Selvaggi Magazine n. 24 – 1/2017



Free Download

Puoi scaricare gratuitamente il numero QUI

Per una migliore lettura consigliamo le seguenti applicazioni:
su iPad/iPhone, aprire il PDF da IBook
su Android, aprire il pdf da Aldiko
su Pc/Notebook aprire il pdf da Adobe reader X

 

Sommario del numero

EDITORIALE
Changes, di Carlo Valeri

Sentieri selvaggi Magazine a partire da questo numero cambia un po’. Lo fa restando fedele alla perpetua metamorfosi che da sempre ha contraddistinto la sua ormai quasi trentennale storia. Ma allo stesso tempo rimanendo fedele al suo cuore (selvaggio!) e a quelli che in questi anni sono stati gli ingredienti principali della rivista: la passione per le immagini di grandi e piccoli schermi, per la scrittura, per le idee e, possibilmente – certe volte è la cosa più difficile – per il mondo e per la vita.
2016 – MORTACCI
Hateful 2016 – La lettera di Lincoln, di Pietro Masciullo

Probabilmente il 2016 è stato l’anno zero degli anni ’00. Un anno
odioso e importantissimo. Qualche appunto sparso di un osservatore
della strada

Alleluja, di Leonardo Lardieri

Andate e moltiplicatevi, giocate e socializzate, disseminate di virtuale il
mondo reale e contaminate il reale con le creature del digitale. Ecco il
goliardico, intergenerazionale apostolico cazzeggio di massa 2016

Love & Hate. a cura di Francesco Maggi e Martina Ponziani

Photogallery

Clash of the Titans, di Emanuele Di Porto

Donald Trump è un uomo che si è preso la rivincita contro il suo passato?
È il meritato trionfo di un combattente senza paura? È il paladino
che l’uomo della strada aspettava da tempo? Oppure, è solo il finale
amaro di un racconto distopico?

Bello figo. Il Giudizio Universale, di Simone Emiliani

Paul Yeboah, 24 anni, youtuber di origine ghanesi. Uno dei personaggi
più controversi del 2016, che gioca, nelle sue canzoni, con l’immagine
dell’immigrato voluta dalla Lega. Chi è e perché si parla male di lui?

There’s no place like home, di Fabiana Proietti

Il revival Gilmore Girls tra inquietudini del 2016 e Il mago di Oz

Jacques Rivette. Il fascino della narrazione, di Tonino De Pace

Jacques Rivette è scomparso il 29 gennaio 2016. Resta il suo cinema
misterioso, colto e rarefatto. Ci accingiamo a scoprirlo sapendo che la
sua vita continua in quella fluviale consistenza della sua opera

Fo fu e fu Fo, di Leonardo Lardieri

Non c’è titolo più stupido e irriverente di questo, ma che ci vuoi fare,
quando credi di aver perso qualcuno di tremendamente importante,
non puoi che usare la macabra ironia, l’indignazione amara. In ricordo
di Dario Fo, scomparso il 13 ottobre

Gene Wilder. La prevedibile virtù dell’eleganza, di Fabio Fulfaro

Una commistione perfetta tra comicità e intelligenza, mai volgare,
sempre contenuta entro un’etichetta di eleganza che ne esaltava paradossalmente
il potenziale eversivo. Il nostro ricordo di Gene Wilder, scomparso il 29 agosto

 

ULTIMI BAGLIORI

Il mestiere del critico – Assoli…tudine, di Massimo Causo

Tabula rasa elettrificata, di Aldo Spiniello

Quanta verità c’è ancora nell’immagine? E quanta fede è possibile? È una domanda che riguarda, da sempre, tutta la sfera della rappresentazione visiva, il segno e la cosa, l’iconico e l’icastico. E che oggi il cinema si pone come un problema non più rinviabile

Falsa partenza, di Sergio Sozzo

Nelle distanze tra i corpi, i gesti, le immagini, i nomi e le storie di Zemeckis,
Scorse, Lafosse e Eastwood si insinua la tensione mai sedata
del cinema verso il contatto: far sopravvivere i sentimenti oltre le torture
della macchina

FACES – FACE/OFF
Adam Driver. Il primo uomo, di Fabiana Proietti

Così fuori formato, il corpo di Driver sembra perfetto per raccontare
personaggi non omologati, dalle traiettorie imprevedibili. Attratto dalle
sfide, l’ex marine vive il cinema con lo stesso rigore della disciplina
militare, ricordando per dedizione al mestiere i grandi interpreti neohollywoodiani

While my guitar gently wheeps, di Carlo Valeri

Inauguriamo una nuova sezione, Face/Off. Accanto ai volti e ai personaggi,
gli oggetti… quelli capaci di stimolare ricordi, sensazioni, di
raccontare le nostre vite e l’immaginario tra passato, presente e futuro

Radio Raheem, di Sergio Sozzo

Per Horace Andy

INTERVISTE

Cut the Monte. Conversazione con Amir Naderi, di Alice Catucci

Shadows – Una meta

Thief