Stoker di Park Chan-Wook, sotto il segno di Hitchcock. Trailer e clip

Contenuto non disponibile
Consenti i cookie cliccando su "Accetta" nel banner"

Contenuto non disponibile
Consenti i cookie cliccando su "Accetta" nel banner"

Il trailer è visibile anche qui in HD qui

Contenuto non disponibile
Consenti i cookie cliccando su "Accetta" nel banner"

 

Sono online il trailer internazionale, il teaser e una breve clip promozionale di Stoker, in uscita il 1° marzo 2013: il primo film in inglese di Park Chan-Wook, con Ridley Scott e Tony Scott (purtroppo recentemente scomparso) in qualità di produttori esecutivi.
 

Stoker di Park Chan-Wook, sotto il segno di HitchcockLo script (firmato da Wentworth Miller, attore in Prison Break, con lo pseudonimo Ted Foulke, e descritto dall'autore come un thriller-horror con elementi soprannaturali e un dramma familiare racchiusi in un'unica storia) era stato inserito nel 2010 nella Black List delle migliori sceneggiature non ancora utilizzate.

Al centro del film c'è una famiglia percorsa da strane inquietudini: Nicole Kidman (Hemingway & Gellhorn, The Paperboy, Grace of Monaco) è Evelyn Stoker, madre instabile di una solitaria adolescente, India (Mia Wasikowska, impegnata dopo Restless in un altro ritratto di teenager fuori dal comune, e che vedremo anche in The Double, Tracks, Madame Bovary, Only Lovers Left Alive).

Dopo la morte del padre (Dermot Mulroney, Charles Swan III) in un incidente stradale, nella loro casa arriva come ospite uno sconosciuto, che si presenta come lo zio Charlie (Matthew Goode, Watchmen, A Single Man, l'indipendente Burning Man). India sospetta che questo individuo affascinante e misterioso le abbia raggiunte con doppi fini, ma i suoi sospetti, anzichè terrorizzarla, esercitano su di lei un fascino insopprimibile. E al fascino emanato da Charlie non resiste neppure sua madre.
 

Sembrerebbe l'inizio di un triangolo amoroso, ma il film è anche un thriller psicologico: molti hanno già notato che India e Evelyn indossano lo stesso abito in due scene del teaser…

Kidman, Goode, Wasikowska IN STOKERInfatti, tra le sue ispirazioni, Miller cita Hitchcock (L'ombra del dubbio come punto di partenza, a cominciare dal personaggio dello "zio Charlie" – in un'intervista, Miller dichiara di aver scritto anche un prequel, chiamato proprio Uncle Charlie) e il Dracula di Bram Stoker (citato non troppo sottilmente già a partire dal titolo). Ma questo riferimento sembra non essere necessariamente legato a una storia di vampiri, come ci si aspetta: "A parte le ovvie connotazioni gotiche, motivo per cui abbiamo scelto questo titolo, non è un film di vampiri. Uno stoker è anche colui che accende un fuoco, che provoca."

Anche Park Chan-Wook si dichiara ispirato da Hitchcock: in particolare da Vertigo ("è il film che mi ha fatto decidere di diventare regista", e racconta di essersi interessato allo script anche per la sua geometrica semplicità: "Ci sono solo tre personaggi principali e tutta la storia si svolge in una casa, uno spazio molto ristretto. Mi piace raccontare storie attraverso piccoli grandi mondi creati artificialmente."

Il direttore della fotografia è Chung Chung-hoon (Oldboy, Sympathy for Lady Vengeance, Three… Extremes, I'm a Cyborg, But That's OK, Thirst) collaboratore abituale di Park Chan Wook, che descrive così il suo lavoro: "È stato molto presente sul set, in ogn aspetto, dalle scenografie all'illuminazione, anche se era la sua prima volta a lavorare a Hollywood e non parla inglese. Mi ha sorpreso la sua capacità di risolvere quasi tutti i problemi con una decina di parole".

Quanto alle differenze nel metodo di lavoro tra produzioni orientali e americane, il regista sottolinea gli aspetti negativi e quelli positivi: "In Corea facciamo molte discussioni su ciò che è stato appena girato, con visioni ripetute del materiale. In America non c'è niente di simile, il processo è più veloce e le modifiche non sono ben viste. Ma la struttura funziona efficacemente, e le indicazioni del regista vengono seguite e accettate".

Park Chan-WookCompletano il cast di Stoker Lucas Till (X-Men: L' inizio) Alden Ehrenreich (Tetro, Twixt) Jacki Weaver (Animal Kingdom, L'orlo argenteo delle nuvole, Labor Day, Frank or Francis) e Judith Godrèche (Potiche). La soundtrack è di Clint Mansell (Requiem for a dream, Moon, The Black Swan).

Stoker è il primo film che Park Chan-Wook gira in America: le riprese si sono svolte in Tennessee. Ma non è l'ultimo che il regista coreano realizza in lingua inglese: ha già in cantiere altri due progetti, entrambi basati su sceneggiature selezionate nella Black List: il western The Brigands of Rattleborge, descritto come estremamente violento, e il crime drama Corsica 72, ambientato negli anni 30 e scritto dagli sceneggiatori dei film di James Bond.

In un'intervista rilasciata al Korea Joongang Daily, il regista ha anche dichiarato di ammirare molto Gary Oldman e di avere il desiderio di dirigere un giorno i bravissimi attori di Una separazione.
 

Nella nostra gallery, le prime immagini di Stoker.