#TFF34 – Slam-Tutto per una ragazza, incontro con Andrea Molaioli e il cast

Slam-Tutto per una ragazza: all’incontro mattutino erano presenti il regista Andrea Molaioli, le attrici Jasmine Trinca e Barbara Ramella, e il protagonista Ludovico Tersigni

Slam – Tutto per una ragazza, nuovo film di Andrea Molaioli, è stato presentato in anteprima qui a Torino nella sezione Festa Mobile (in attesa dell’uscita in sala il prossimo 23 marzo). La storia è quella dei due sedicenni Samuele e Alice, che si ritrovano ad avere improvvisamente a che fare con una gravidanza inaspettata. Una tematica condivisa con l’ultimo film di Roan Johnson, Piuma, presentato in concorso a Venezia73 e già uscito nelle sale e Moaioli ci tiene a precisare: “Il confronto con Piuma lo fanno ovviamente i terzi e non chi lo gira o ci sta dentro. Comunque pur avendo il tema in comune per me sono due film molto distanti

--------------------------------------------------------------------
Torna il BLACK FRIDAY di SENTIERI SELVAGGI


-----------------------------------------------------

Tratto da un romanzo di Nick Hornby, Molaioli ha spiegato che da tempo aveva voglia di raccontare il tema dell’adolescenza, e che il romanzo dello scrittore inglese è stato per lui una grande occasione: “ Quando ho letto il libro mi è sembrato di aver trovato la chiave giusta. Nick è stato molto disponibile ma c’è da dire che con gli sceneggiatori (Francesco Bruni e Ludovica Rampoldi) siamo stati totalmente liberi di lavorare, non ci sono state restrizioni di nessun genere. Sono stato catturato dal tono con cui è raccontata l’adolescenza e le sue problematiche, e devo dire che fare questo film per me significava anche dare una risposta non avvilita ai giovani, una risposta che andasse al di là del senso di apatia nel quale li releghiamo.

---------------------------------------------------------------------
RIFF AWARDS 2020

---------------------------------------------------------------------

Al centro della storia ci sono i due adolescenti interpretati da Ludovico Tersigni e Barbara Ramella. Entrambi hanno raccontato di essersi trovati molto bene con il regista, che dopo aver fatto moltissimi provini, ha avuto con loro una sorta di colpo di fulmine. “Andrea” ha raccontato Tersigni “ mi ha spiegato esattamente cosa succedeva il ragazzo, e quindi in un continuo scambio con lui, ho provato a calarmi nella situazione e a trovare la giusta chiave di letture.” Barbara Ramella, nei panni di Alice, è alla sua prima esperienza cinematografica, e ha spiegato come per lei questo set sia stata una vera e propria scuola.
Nei panni della madre di Samuele, Jasmine Trinca, prima scelta per questo film. Della giovane mamma di Samulele l’attrice romana ha detto:”Il personaggio mi è piaciuto molto nelle sue fragilità. Io sono dell’idea che i genitori non debbano essere giudicanti ma indicanti. Se un genitore trasmette un’idea di  umanità è un bene. Non penso che il genitore della relazionarsi come amico, ma è fondamentale che lo faccia come essere umano.

slam-tutto-per-una-ragazzaIn chiusura il regista ha parlato della sua ricerca e sul mondo dello skate, poiché il personaggio di Samuele ha questa grande passione: “Io non ero assolutamente informato prima di fare questo film, ma mi sono calato in questo mondo con estremo piacere. Infatti abbiamo cercato di coinvolgere il più possibile la scena romana degli skaters. Tra l’altro la scelta di Roma come città (nel libro siamo a Londra) è stata una scelta emotivamente naturale per me. Ed è interessante perché Roma non è una città,  proprio per via del suo suolo, che accoglie gli skater. Ma uno di loro mi ha detto che nonostante questo è comunque uno sfondo unico su cui andare in skate. E questa è un pò la filosofia che mi piace, vivere la fatica ma trovare il risvolto positivo.

------------------------------------------------------------------------
IL NUOVO NUMERO DI SENTIERISELVAGGI21ST #7