#TFF38: Premio Stella della Mole a Isabella Rossellini

Il Festival di Torino ha deciso di assegnare il premio all’attrice, modella e artista in un incontro in streaming che ha visto, fra gli altri, anche gli interventi di David Lynch e Laura Dern.

Dopo l’intimo e familiare The Rossellinis presentato a Venezia ’77, Isabella Rossellini è la protagonista della premiazione di quest’anno del neonato “Premio Stella della Mole” organizzato dal 38° Festival di Torino. Disponibile in streaming su RaiPlay, la cerimonia di premiazione realizzata nello studio TV1 del Centro di Produzione Rai di Torino è correlata dagli interventi di David Lynch, Guy Maddin, Antonio Monda, Kyle MacLachlan e Laura Dern, sue co-star in Velluto blu.

--------------------------------------------------------------------
UNICINEMA – UNA NUOVA IDEA DI UNIVERSITÀ

--------------------------------------------------------------------

Attraverso delle animazioni, i divi hanno ripercorso l’incontro con Isabella, avvenuto per Lynch in un ristorante, di cui racconta persino un divertente aneddoto e accenna al processo che l’ha portato a sceglierla come protagonista per il suo film. Per Maddin (con cui ha lavorato ne La canzone più triste del mondo) invece il primo approccio con l’attrice è nato al parco grazie a un cagnolino. Monda ha invece parlato di quando la Rossellini lo ha sostituito nel suo corso di Cinema Italiano parlando dei film di suo padre.

Laura Dern e Kyle MacLachlan hanno ricordato il rapporto di amicizia che li lega all’attrice. Ai loro interventi è seguito un episodio di Green Porno, nato nel 2008 come serie in onda sul Sundance Channel dove Robert Redford ha lavorato come direttore artistico e divenuto poi un’opera teatrale tutta made in Isabella Rossellini. La serie è dedicata completamente alla sessualità degli animali, l’attrice ha più volte ammesso di amare particolarmente il mondo della natura e degli animali, infatti vive da sempre a stretto contatto con essi nella sua fattoria.

“Dev’essere il caffè italiano, non c’è altra spiegazione” ha scherzato MacLachlan riguardo al carattere esplosivo e determinato di una donna che nella vita non si è mai fermata e ha un continuo processo creativo in atto, paragonandola in questo a David Lynch stesso. Laura Dern ha sottolineato come la Rossellini rappresenti in questo una vera e propria “donna del Rinascimento” nel suo costante inventare e mettersi in gioco.

--------------------------------------------------------------------
SCOPRI I NUOVI CORSI ONLINE DI CINEMA DI SENTIERI SELVAGGI


--------------------------------------------------------------------

Infine dopo un bellissimo stralcio di Mio padre ha 100 anni, il documentario girato con Guy Maddin che Isabella ha dedicato a suo padre Roberto, la premiazione si è focalizzata esclusivamente sulla Rossellini che ha avuto un dibattito con Fedra Fateh, vicedirettrice del festival. L’attrice ha discusso di nuove tecnologie, del suo approccio artistico, della sua vita recente prima di ricevere il premio dalle mani di sua figlia Elettra.

------------------------------------------------------------------------
IL NUOVO NUMERO DI SENTIERISELVAGGI21ST #8