"The Fighting Temptations", di Jonathan Lynn

Il regista sceglie il "gospel" come elemento trainante più che trascinante. Nel profondo sud degli Stati Uniti la musica è un collante non tanto tra le origini rinnegate e la rampante immagine del civilizzato, ma tra le cadute di ritmo del parlato e le esplosioni del cantato.

--------------------------------------------------------------
MASTERCLASS DI REGIA ONLINE CON MIMMO CALOPRESTI DAL 5 MARZO

--------------------------------------------------------------

Cuba Gooding Jr. si è dato ultimamente alle avventure semplici e toccanti, basti ricordare Mi chiamano Radio. Ma se nel precedente lavoro sfoggiava tutte le sue qualità espressive, di corpo e d'aderenza attoriale, nel film in questione è in uno stato di transizione permanente, è in un set in allestimento che fatica a trovare compimento. Il suo personaggio è un Abbagnale (Di Caprio in Prova a prendermi) che scappa e mistifica più per nascondersi da se stesso che per trovare nella fuga un'ebbrezza vitale. È andato via da Monte-Carlo, in Georgia, quando era ancora un bambino, con sua madre che cantava R&B, musica del diavolo per la comunità Battista del posto. È vissuto nella menzogna a New York, facendo credere di essere diventato un uomo d'affari, un uomo felice e realizzato. Ritorna all'ovile per incassare l'eredità di sua zia che non vedeva e non sentiva da vent'anni: il vincolo imposto dalla defunta per mettere le mani sul "bottino" è dover dirigere il coro della chiesa per partecipare al concorso tra contee. Insomma la conversione è prevedibile: da truffatore alla versione maschile di Whoopy Goldberg di Sister Act. Non come Michael Jackson: sbiadito ricordo imbalsamato. Così si può raccontare la vicenda, senza interruzioni per riprender fiato perché il respiro è superfluo, manca l'apertura dimensionale, il corso espressivo scavato tra due realtà lontane: quella metropolitana e quella della provincia nera. Gli Stati Uniti non si vedono, non s'immaginano, ma si contengono. In mezzo la storia è piatta, tiene a bada sbavature sentimentali e grottesche calamità perbeniste. Ma è succube del flusso di richiami musicali, eccessivi catalizzatori d'energia pura e fremente. Il regista sceglie il "gospel" come elemento trainante più che trascinante. Nel profondo sud la musica è un collante non tanto tra le origini rinnegate e la rampante immagine del civilizzato, ma tra le cadute di ritmo del parlato e le esplosioni del cantato. Poco più di due ore "gonfiate" dalle prestazioni canore integrali della solista d'eccezione Beyoncé Knowles (già Desuny's Child) e svariate "ugole" di talento. Non male: con il biglietto del cinema si assiste ad un bel concerto (vedi locandina inanimata e co-produzione MTV)…

--------------------------------------------------------------
10 ANNI SENZA PHILIP SEYMOUR HOFFMAN 2014/2024

--------------------------------------------------------------

Regia: Jonathan Lynn


Sceneggiatura: Elizabeth Hunter, Saladin K. Patterson


Fotografia: Affonso Beato


Montaggio: Paul Hirsch


Musiche: Jimmy Jam, Beyonce' Knowles, Terry Lewis, Big Jim Wright


Scenografia: Victoria Paul


Costumi: Tracey White


Interpreti: Cuba Gooding Jr. (Darrin Hill), Beyonce' Knowles (Lilly), Latanya Richardson (Paulina Pritchett), Mike Epps (Lucius), Steve Harvey (Miles Smoke), T-Bone (Bee-Z Biggs), Wendell Pierce (Reverend Lewis)


Produzione: Paramount Pictures, MTV Films


Distribuzione: UIP


Durata: 123'


Origine: USA, 2003

 

----------------------------
AUTORI E STILI DI REGIA, UN CORSO ONLINE DELLA REDAZIONE DI SENTIERI SELVAGGI, DAL 27 FEBBRAIO

----------------------------

    ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER DI SENTIERI SELVAGGI

    Le news, le recensioni, i corsi di cinema, la riviste, i libri, gli eventi e tutte le nostre iniziative