The Land of Hope. Il Giappone di Sion Sono tra dolore e speranza

The Land of Hope. Il Giappone di Sion Sono tra dolore e speranza. Trailer, foto
Dopo Himizu, presentato a Venezia 68, Sion Sono prosegue con un grido d'amore e di rabbia con The Land of Hope, storia di alcune famiglie che cercano di sopravvivere in un paesaggio postnucleare. Non un documentario, benchè sia stato girato in alcune tra le zone più colpite dallo tsunami

-----------------------------------------------------------
SCUOLA DI CINEMA SENTIERI SELVAGGI: APERTE LE ISCRIZIONI ANNO 2022-23


-----------------------------------------------------------

The Land of Hope. Il Giappone di Sion Sono tra dolore e speranza. Trailer, foto

----------------------------
15 BORSE DI STUDIO DELLA SCUOLA SENTIERI SELVAGGI - NUOVA SCADENZA: 29 settembre!

----------------------------

 

----------------------------
SCUOLA DI SCENEGGIATURA: LA SPECIALIZZAZIONE

----------------------------

"Per il suo approccio sottile, complesso e profondo agli aspetti sociali e politici di un trauma nazionale che culmina nella speranza e nell'amore". Con questa motivazione il 37° Toronto Film Festival ha assegnato il premio NETPAC, riservato al miglior film asiatico, a Kibô no kuni (The Land of Hope), ultimo film di Sion Sono.

Il regista giapponese, celebrato quest'anno al 29° Torino Film Festival (video) con una retrospettiva completa, ha sempre raccontato il suo paese e le sue contraddizioni con feroce lucidità e linguaggio visionario (Suicide Circle, Strange Circus, Noriko's Dinner Table).

Dopo Himizu, presentato a VeneziaThe Land of Hope, di Sion Sono 68, struggente incubo diviso tra il dolore per il terremoto che ha devastato il Giappone l'undici marzo 2011 e l'angoscia e le lotte delle nuove generazioni (i due giovani straordinari protagonisti, Shôta Sometani e Fumi Nikaidô, hanno vinto il premio Mastroianni) Sion Sono prosegue con un grido d'amore e di rabbia con The Land of Hope, storia di alcune famiglie che cercano di sopravvivere in un paesaggio postnucleare.

Ma non bisogna farsi ingannare dal titolo, che è a doppio taglio: "Mentre scrivevo, ho deciso che avrei lasciato la storia libera di dirigersi verso un finale disperato o felice. In effetti, durante le mie ricerche, non ho trovato poi così tanti elementi che potrebbero indurci a sperare. Tuttavia, credo che la speranza possa crescere nella mente delle persone" racconta il regista.

The Land of Hope non è un documentario, benchè sia stato girato in alcune tra le zone più colpite dallo tsunami, la Prefettura di Ibaraki, e basato sui racconti e sulle testimonianze dirette che il regista ha raccolto in questo periodo, ma uno sguardo personale e sentito su una guerra invisibile senza proiettili nè missili: quella delle radiazioni nucleari. La storia della sopravvivenza di tre coppie catapultate in un futuro impossibile, che vivono disperazione, condivisione e speranza allo stesso tempo.

The Land of Hope, di Sion SonoQuesta volta Sion Sono ha rinunciato alla rappresentazione grafica di sesso e violenza, come spesso accade nel suo cinema, e ha lasciato alla colonna sonora, in cui compare l'Adagio dalla Sinfonia n. 10 di Gustav Mahler ("capace di esprimere sia l'oscurità che la luce") il compito di commentare l'esperienza dell'essere umano di fronte a una situazione drammatica.

Ambientato in un prossimo futuro, in un tranquillo villaggio rurale giapponese, il film racconta di un tremendo terremoto, seguito da una catastrofe nucleare.

Nella zona vivono i Suzuki, che vengono costretti all'evacuazione. Mitsuru (Yutaka Shimizu, Love Exposure) e la sua ragazza Yoko (Hikari Kajiwara, la Mitsuko di Cold Fish) si incamminano attraverso i detriti, in uno scenario apocalittico, alla ricerca dei parenti dispersi (Denden, Be Sure to Share, Eureka, Himizu, e l'agghiacciante killer protagonista di Cold Fish) e (Mariko Tsutsui, Achille e la tartaruga).

A poca The Land of Hope, di Sion Sonodistanza, separati solo da una striscia di terra e messi di fronte alla scelta se abbandonare o meno la propria casa, vivono gli Ono: la famiglia è composta da Yoichi (Jun Murakami, Into a dream, Himizu) la moglie Izumi (Megumi Kagurazaka, Cold Fish, Guilty of Romance) e dagli anziani genitori di lui, Yasuhiko e Chieko (Isao Natsuyagi, Acqua tiepida sotto un ponte rosso, e Naoko Otani, Mishima: A Life in Four Chapters).

Questi ultimi vengono convinti a mettersi al riparo, ma soffrono profondamente per l'abbandono della terra in cui vivono da generazioni. Izumi, trasferitasi temporaneamente altrove, scopre di essere incinta, al quinto mese di gravidanza, e inizia a sviluppare una profonda angoscia riguardo alla salute del suo bambino, finendo per indossare una tuta antiradiazioni anche dentro casa.

Nel cast anche Daikichi Sugawara, Takashi Yamanaka, Kenzô Kawarasaki. Compaiono in ruoli minori Yusuke Iseya (Memories of Matsuko, Sukiyaki Western DjangoMitsuru Fukikoshi (Love Exposure, Himizu) Tetsushi Tanaka (Into a dream, Exte, Penance) e Gitan Otsuru, tutti attori legati a Sion Sono da un rapporto di collaborazione e amicizia.

Il regista Sion SonoSion Sono ha dichiarato che con questo film intende registrare le emozioni, le paure e le speranze, elementi che sono restati fuori dalla copertura mediatica, e che sentirà ancora in futuro il bisogno di tornare sui fatti di Fukushima. "Voglio che facciamo lo sforzo di tornare ancora una volta a quel giorno. Se lo riviviamo ancora una volta, forse saremo in grado di comprendere cosa significa una realtà in cui siamo costretti a convivere con le radiazioni. Ecco di cosa dobbiamo parlare, adesso".

Ma il regista non si vede come un agitatore sociale, o nella posizione di risvegliare coscienze. Riguardo alla sua posizione personale sul nucleare, specifica:"Non ha senso fare un film solo per discutere suna centrale nucleare è una cosa buona o cattiva. Ma credo che i film siano un ottimo strumento per lanciare direttamente una domanda, porre un dubbio."

The Land of Hope, una coproduzione tra Giappone, Taiwan e Regno Unito, esce il 20 ottobre nelle sale nipponiche, distribuito da Bitters End; a seguire sarà nelle sale francesi, distribuito da Metropolitan Films.

Qui di seguito, il trailer internazionale e quello originale, esteso, con i sottotitoli in inglese; nella nostra gallery tutte le immagini.
 

 

 

 

Contenuto non disponibile
Consenti i cookie cliccando su "Accetta" nel banner"

Contenuto non disponibile
Consenti i cookie cliccando su "Accetta" nel banner"

--------------------------------------------------------------
CORSO ONLINE DI SCENOGRAFIA CINEMATOGRAFICA

--------------------------------------------------------------

    ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER DI SENTIERI SELVAGGI

    Le news, le recensioni, i corsi di cinema, la riviste, i libri, gli eventi e tutte le nostre iniziative