The Summit – incontro con gli autori del documentario Franco Fracassi e Massimo Lauria

A presentare il documentario a Roma erano presenti i registi Franco Fracassi e Massimo Lauria, insieme a Claudio Giardullo, segretario Generale del sindacato di polizia Silp/Cgil, Gigi Malabarba, Marc Covell, giornalista di indymedia, una delle vittime dei pestaggi delle forze di polizia, Giuliano Giuliani, padre di Carlo, ammazzato durante le manifestazioni e inoltre, rappresentanti di produzione e di Amnesty International Italia. 

--------------------------------------------------------------------
IL NUOVO NUMERO DI SENTIERISELVAGGI21st!
--------------------------------------------------------------------

--------------------------------------------------------------------

Quale metodo avete seguito realizzando il vostro documentario?

Franco Fracassi: Abbiamo notato che diversi film, documentari, articoli, libri, che parlano di questi avvenimenti, si concentrano soprattutto sulla realtà italiana politica e sociale, in poche parole sui problemi che il nostro paese cercava di affrontare in quel periodo. Noi invece abbiamo deciso di concentrarci su un punto, cioè sul fatto che in quei giorni si stava svolgendo un grande e importante evento internazionale che doveva provocare cambiamenti per tutto il mondo. Dopo aver studiato tutto il materiale, dopo aver fatto delle indagini siamo arrivati a una conclusione: la crisi che stiamo vivendo adesso è frutto di quello che è stato discusso nei giorni 19-21 luglio 2001. E proprio questo cercavamo di raccontare. Genova era una tappa terminale di un percorso, di un periodo nella storia. Nello stesso tempo abbiamo cercato di raccontare questi avvenimenti in modo più interessante e coinvolgente possibile per non creare un’altro film su G8 ma un film nuovo che racconterà questo che era successo da un altro punto di vista.

Avete fatto una scelta precisa di costruzione?
 
Massimo Lauria:  Abbiamo cercato di costruire una narrazione che si riuscisse a seguire, un grande trauma internazionale visto da una persona che ha vissuto questi avvenimenti.
 

Gigi Malabarba: Durante il G8, ed è questo che racconta anche il film, abbiamo visto uno scontro tra egemonia culturale e egemonia politica. La prima sono le forze di chi non accetta la globalizzazione e la egemonia del denaro, la seconda invece favorisce e difende tutte e due. Secondo me tutto quello che era successo in quei giorni è stato ben architettato. Prendendo in considerazione tutte le riunioni che sono state fatte, non è possibile credere alla spontaneità di fronte ad un evento del genere. Abbiamo visto massacri uguali a Genova, Napoli e Gotteborg. Perciò mi chiedo chi ha dato la parola d’ordine.

--------------------------------------------------------------------
I CORSI DI CINEMA AUTUNNALI SCUOLA SENTIERI SELVAGGI

-----------------------------------------------------

 

Mark Covell, oltre a quanto racconta nel film, che cosa vorrebbe aggiungere?

Mark Cowell:
Per la prima volta ho sentito parlare del progetto di Franco e Massimo nel 2008. In questo momento ho finito di costruire il mio progetto che chiamo ‘supervideo’ composto da 41 video diversi che parlano degli eventi accaduti alla scuola Diaz. Sono video fatti da diverse prospettive che ho messo insieme. L’ho fatto soprattutto per capire che cosa era successo a me. Quando le forze d’ordine hanno attaccato la scuola uno dei poliziotti ha cominciato a picchiarmi anche se ho dichiarato di essere un giornalista. Mi hanno massacrato, mi hanno calpestato come se fossi un pallone e dopo un forte colpo in testa sono stato 14 ore in coma. C’erano i poliziotti che hanno partecipato al maltrattamento e gli altri che guardavano senza fare niente. La mia causa è stata appena chiusa nel tribunale di Genova. L’unica cosa che vorrei è la giustizia e spero che in gran parte il video e il documentario The Summit mi aiuteranno a ottenerla.

---------------------------------------------------------------------
SCUOLA DI CINEMA: OFFERTA PER I LAUREATI DAMS e altri per la SPECIALIZZAZIONE

---------------------------------------------------------------------