TORONTO 38 – Fine della storia. Il delitto e castigo di Lav Diaz: trailer, foto e poster

Contenuto non disponibile
Consenti i cookie cliccando su "Accetta" nel banner"

 

---------------------------------------------------------------------
APERTE LE ISCRIZIONI PER UNICINEMA E SCUOLA DI CINEMA

---------------------------------------------------------------------

Il grande cineasta filippino Lav Diaz sbarca a Toronto con la sua ultima opera: Norte, the End of History, già presentata a Cannes 66 (la nostra recensione).

Norte,The End Of History di LAV DIAZ - trailer, foto e posterPer due decenni in prima linea nella New Wave filippina, Diaz – autore di capolavori come Death in the Land of Encantos, Melancholia, Century of Birthing, Florentina Hubaldo, CTE – ha operato uno spostamento nel cinema del suo paese, scollandolo dalla sua tradizionale estetica mélo, per incorporarvi la critica sociale. Il curatore della sezione Masters al TIFF, Steve Gravestock, lo definisce uno dei film più belli e coraggiosi del cinema filippino, e una summa del lavoro finora svolto dal regista.

--------------------------------------------------------------------

--------------------------------------------------------------------
 
Il punto di partenza, per questo film profondamente letterario, è Delitto e castigo di Fëdor Dostoevskij – uno tra gli autori preferiti di Diaz, che lo richiama in diversi film, tra cui Death in the land of encantos. Anche il suo esordio, nel 1998, Serafin Geronimo: The Criminal Of Barrio Concepcion, si ispirava (liberamente) a Delitto e castigo e si apriva con una citazione dal libro. Qui, è uno spunto per trattare i grandi argomenti cari da sempre a Lav Diaz: "la giustizia, la natura del male, la colpa, il destino, l'amore" come scrive  Kieron Corless di Sight & Sound "ma tutti saldamente radicati nelle concrete peculiarità della società filippina"; e Norte finisce per essere "un film di guerra con l'anima e la portata di un grande romanzo", nella bella sintesi di Wesley Morris di Grantland.

--------------------------------------------------------------------
LE BORSE DI STUDIO PER CRITICA, SCENEGGIATURA, FILMMAKING DELLA SCUOLA SENTIERI SELVAGGI

-----------------------------------------------------

Norte segue due vite parallele: quella del carismatico studente di legge dalle idee rivoluzionarie, Fabian (Sid Lucero, già diretto in Heremias, visto anche in Independencia di Raya Martin) e quella di Joaquin (Archie Alemania) e sua moglie Eliza (Angeli Bayani, presenza fissa nel cinema di Lav Diaz) genitori di due bambini, i cui tentativi di uscire da uno stato di povertà sono stati traditi da un grave infortunio alla gamba di Joaquin. L'incidente lo ha lasciato disoccupato e depresso, e la famiglia è in debito con la signorina Magda (Mae Paner) la strozzina che permette a Fabian di mantenere il suo stile di vita. Come nel romanzo russo, la donna sarà uccisa. Dell'omicidio, verrà accusato l'innocente Joaquin…

Norte,The End Of History di LAV DIAZDiaz allude anche al lavoro del compatriota José Rizal, scrittore, poeta e rivoluzionario filippino, inserendo nel film i temi della lotta di classe, dell'abdicazione della responsabilità da parte dell'intellighenzia del paese, e della questione dei lavoratori stranieri. Girando così un'opera, spiega Gravestock, "talmente stratificata ed emotivamente potente (e a volte, terribile)" da poter reggere il confronto, come poche altre, con un classico come A Brighter Summer Day (1991) di Edward Yang.

Lav Diaz, di recente ospite a Locarno 66 in qualità di giurato, ha presentato anche Batang West Side (2001). In Italia i suoi film sono stati trasmessi solo grazie alla preziosa programmazione di fuori orario.

Nella nostra gallery, foto e poster di Norte, the End of History.