Tribeca Film Festival 2012: Jack and Diane, l'amore come licantropia

Riley Keough e Juno Temple in JACK AND DIANE, di Bradley Rust Gray

 

Il primo amore, con tutti i suoi affanni, attraverso la metafora della licantropia: è stato presentato in anteprima il 20 aprile al Tribeca Film Festival 2012 (19-29 aprile) il nuovo film del regista indipendente Bradley Rust Gray, storia del primo amore tra due adolescenti: Jack and Diane, con la colonna sonora degli islandesi Múm, gli effetti speciali di Gabe Bartalos (Texas Chainsaw Massacre 2, Cremaster e Drawing Restraint 9 di Matthew Barney) e le animazioni in stop-motion degli straordinari artisti gemelli Quay Bros.

Jack (Riley Keough, nipote di Elvis Presley, già vista in The Runaways) e Diane (Juno TempleKaboom, Killer Joe, Lovelace, Il cavaliere oscuro – Il ritorno) trascorrono una calda notte d'estate newyorchese a baciarsi perdutamente. Se Jack è più dura e indossa una corazza, Diane si muove nella vita con innocenza. I sentimenti di ambedue sono ancora goffi e incerti,e quando Jack inizia a rendersi conto della sua attrazione, il suo corpo diventa protagonista di inspiegabili e violente mutazioni…

La creatura di Jack and Diane"Per descrivere il film, potrei dire che una storia d'amore è una ciotola di gelato e un film horror è un piatto di carne di qualità. Direi che il nostro approccio è stato quello di lasciar decomporre la carne, cuocerla, caramellarne i resti, poi mescolarli lentamente col gelato" scherza Bradley Rust Gray, in una recente intervista rilasciata a Bloody Disgusting.

"Forse ciò che rende Jack and Diane più simile a un horror è l'opera di Gabe Bartalos. Nel film non c'è computer grafica, tutto è interamente realizzato con nozioni di robotica e altre tecniche tradizionali. Anche i suoni e le voci sono alterate in una serie di effetti interessanti.


Nello stesso tempo, abbiamo cercato di conservare un certo realismo, pensando a ciò che un corpo potrebbe fisiologicamente diventare se si espandesse in un breve lasso di tempo in un'altra creatura. Ci siamo ispirati alle foto mediche di traumi da incidenti e di alcune malattie che riflettono mutamenti come gonfiori, deformazioni ossee e simili. Alcune di queste ricerche hanno influenzato anche il lavoro dei Quay Bros".

 

JRiley Keough e Juno Temple in JACK AND DIANE, di Bradley Rust Grayack and Diane – il cui spirito sembra quello di catturare l'angoscia e le paure dell'adolescenza, come neel capolavoro a fumetti di Charles Burns Black Hole – è un film più costoso di quelli che il regista statunitense è abituato a realizzare.

"Solo il teschio di orso polare che Gabe ha ordinato come base per la nostra creatura è costato di più che i miei primi due film messi insieme, probabilmente più del doppio" dice Gray, che ha impiegato otto anni per mettere insieme i finanziamenti necessari.

Nel cast anche Cara Seymour (An Education, Red Riding: In the Year of Our Lord) Jena Malone (Sucker Punch, For Ellen) Dane DeHaan (True Blood, Lawless, The Place Beyond the Pines) Kylie Minogue (che vedremo anche in Holly Motors di Carax) Leo Fitzpatrick (Kids, Bully, Personal Velocity, Storytelling) e Haviland Morris (Joshua).

Dopo l'anteprima al Tribeca, Jack and Diane, acquistato da Magnolia Pictures, sarà disponibile on demand a partire dal 27 aprile, e nelle sale USA a partire dal 1° giugno.

Il regista statunitense Bradley Rust Gray manda avanti una vera e propria factory con la compagna anch'essa regista So Yong Kim (In Beetween Days, Treeless Mountain, For Ellen). Il suo ultimo film è The Exploding Girl, con Zoe Kazan, premiata come migliore attrice proprio al Tribeca, nel 2009.