Trieste è bella di notte, di Matteo Calore, Stefano Collizzolli e Andrea Segre

Trieste come meta delle speranze dei migranti, una tratta difficile e pericolosa. Fuori concorso al Trieste Film Festival, un documentario che mostra il lato umano del fenomeno migratorio

----------------------------
MASTERCLASS ONLINE DI REGIA CON MIMMO CALOPRESTI

----------------------------

Le luci di Trieste che si riflettono sull’acqua del mar Adriatico come un faro di speranza per gli immigrati che cercano di raggiungere l’Italia attraverso la Rotta Balcanica, un viaggio a piedi che permette di accedere all’Europa attraverso una strada che parte dalla Turchia, attraversa la Grecia, Croazia e Slovenia fino all’agognata meta italiana. Con Trieste è bella di notte i registi Matteo Calore, Stefano Collizzolli, Andrea Segre ci portano a conoscere i coraggiosi e i disperati che intraprendono questa rotta in cui fame, pericolo e violazioni dei diritti umani sono all’ordine del giorno.

----------------------------
CORSO ONLINE DI CRITICA CINEMATOGRAFICA CON LA REDAZIONE DI SENTIERI SELVAGGI

----------------------------

Attraverso la rotta dei balcani i migranti che desiderano raggiungere l’Europa arrivano Trieste. È un viaggio duro in cui niente è garantito in quanto, oltre ai rischi legati al viaggio e agli abusi di potere delle autorità, una volta giunti nel nostro paese non esiste la certezza di poter rimanere, in quanto i procedimenti di richiesta di asilo possono anche essere rifiutati. Nei casi peggiori i migranti scoperti sul confine, fino a poco tempo fa, venivano riportati direttamente in Slovenia dalla polizia tramite la pratica delle “riammissioni informali”.

--------------------------------------------------------------
SENTIERISELVAGGI21ST N.13 – PRENOTA LA COPIA IN OFFERTA SCONTATA ENTRO IL 31 GENNAIO!

--------------------------------------------------------------

Trieste è bella di notte, attraverso un montaggio di testimonianze orali, filmati d’archivio e riprese dei cellulari dei protagonisti, approfondisce l’argomento andando oltre il singolo numero statistico e dando un volto e una voce ai rimpatriati. Sfruttando le numerose fonti e gli archivi, i registi riescono ad evidenziare le contraddizioni di uno stato italiano in cui, nonostante l’adesione ad un regolamento comunitario che prevede l’obbligo della valutazione caso per caso di ogni singolo richiedente asilo, tollera l’esistenza di uno strumento anticostituzionale come le “riammissioni informali” che, come avvalorato dall’onorevole Achille Variati durante un intervento in senato, vengono eseguite sui migranti trovati al confine italo-sloveno anche «nel caso in cui facciano richiesta di protezione internazionale» e vengono liquidate come «prassi» che quindi non rilascia nessuna documentazione scritta.

 

Regia: Matteo Calore, Stefano Collizzolli e Andrea Segre
Distribuzione: ZaLab Film
Durata: 75′
Origine: Italia, 2022

La valutazione del film di Sentieri Selvaggi
3
Sending
Il voto dei lettori
1 (1 voto)
----------------------------
BANDO PER IL CORSO DI CRITICA DIGITALE 2023

----------------------------

    ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER DI SENTIERI SELVAGGI

    Le news, le recensioni, i corsi di cinema, la riviste, i libri, gli eventi e tutte le nostre iniziative



    Rispondi