True Blood in blues (Anche i vampiri pagano le tasse)

Contenuto non disponibile
Consenti i cookie cliccando su "Accetta" nel banner"

---------------- inserzione pubblicitaria ---------------
---------------------------------------------------------------

Visibile anche qui in HD

---------------- inserzione pubblicitaria ---------------

---------------------------------------------------------------

---------------- inserzione pubblicitaria ---------------
----------------------------------------------------------------


TRUE BLOOD di Alan Ball: in arrivo la quarta stagione su HBO, trailer e anteprimeL'attesa per la quarta stagione di True Blood, serie tv creata da Alan Ball si fa meno gravosa: il 26 giugno si avvicina e la HBO diffonde un promo semplice ma efficace, che mette in primo piano i volti e le personalità dei protagonisti e lascia ad un brano degli anni'60 del musicista texano Sam "Lightnin" Hopkins, The Trouble Bluesil compito di evocare le ambientazioni e i temi della serie, dichiarati fin dalla prima stagione nella strepitosa sigla iniziale realizzata da Digital Kitchen.

 

Online ci sono anche una serie di anteprime: in uno dei  trailer ufficiali Alexander Skarsgard-Eric Northman, nello stile ironico tipico delle invenzioni di Alan Ball, ricorda in diretta tv di essere "un americano che paga regolarmente le tasse e gestisce il suo business nel grandioso stato della Lousiana. E guarda caso, anche un vampiro".

 

Dopo tre stagioni di grande successo, trasmesse anche in Italia a partire dal 2009, True Blood continua a raccontare la sua personalissima miscela di umorismo, erotismo e critica sociale, decostruendo i romanzi di Charlaine Harris e rispecchiando nei rapporti e nei conflitti tra umani e vampiri le strategie dei poteri, il conformismo della provincia americana, le ossessioni religiose e la percezione della diversità.

Oltre ovviamente a tenere fede al desiderio dello sceneggiatore di American Beauty, regista di Towelhead (e soprattutto creatore di Six Feet Under, serie unica capace di raccontare con intelligenza non comune l'ultimo dei tabù – la morte): reagire alle recenti riproposizioni del vampiro quale figura chiave di un improbabile inno fondamentalista alla castità:  "Per me i vampiri sono sesso. Non posso concepire una storia di vampiri basata sull’astinenza sessuale. Ho 53 anni e trovo gli studenti irritanti e omologati".

TRUE BLOOD - main titlesTrue Blood si serve di un gruppo di personaggi ottimamente caratterizzati: Sookie (Anna Paquin) Bill (Stephen Moyer), Lafayette (Nelsan Ellis) Tara (Rutina Wesley) Jason (Ryan Kwanten) Jessica (Deborah Ann Woll) Sam (Sam Trammel) Pam (Kristin Bauer) e Alcide (Joe Manganiello), e di una serie di personaggi secondari irresistibili: dalla cameriera un po' svampita e sottilmente razzista Arlene (Carrie Preston) al superstite del Vietnam Terry Bellefleur (Todd Lowe) fino alla regina dei vampiri (Evan Rachel Wood).

La serie tv ha vinto due Satellite Awards (2008 e 2009) un Golden Globe (2009) due Broadcast Music Incorporated e ha conquistato ben 9 nominations e 4 premi agli Scream Awards 2009. Nell'edizione 2010 ha trionfato come miglior tv show, miglior attrice e attore horror rispettivamente alla Paquin e Skarsgård e aggiudicandosi l'ambito premio "Holy Shit!" per la scena più clamorosa dell'anno, con una fantastica sequenza decisamente sopra le righe che vede protagonisti Stephen Moyer e Mariana Klaveno.

 

 

Tutti gli aggiornamenti su True Blood sono su un blog appositamente dedicato alla quarta stagione – non mancano i fansite, sia stranieri che italiani – mentre tutti i materiali in anteprima, compresi i video dal set, sono visibili anche sul canale YouTube dedicato di HBO e sul sito ufficiale.