TS+FF 2017 – La 17a edizione del Trieste Science+Fiction Festival

La 17a edizione del Trieste Science+Fiction Festival si terrà quest’anno dal 31 ottobre al 5 novembre nella nuova prestigiosa sede del Politeama Rossetti, al Teatro Miela e al Cinema Ariston.

---------------- inserzione pubblicitaria ---------------

----------------------------------------------------------------

Fondato a Trieste nell’anno 2000, Trieste Science+Fiction Festival raccoglie l’eredità dello storico Festival Internazionale della Fantascienza di Trieste (1963-1982). La manifestazione esplora vari ambiti della cultura fantascientifica e dell’universo fantasy – dal cinema al fumetto, dalla letteratura al teatro, dalla musica alla fotografia, fino ai new media ed alle arti visive e performative – attraverso retrospettive, omaggi, rarità, workshopforum ed incontri con rilevanti esponenti della produzione cinematografica di fantascienza italiani e stranieri

La selezione ufficiale del festival presenta anteprime mondiali, internazionali e nazionali, con tre concorsi internazionali che ospitano film-maker e cineasti da tutto il mondo.

  • il Concorso Asteroide, competizione riservata a lungometraggi internazionali indipendenti di registi esordienti o emergentidi genere science fictionhorror e fantasy. Il miglior film decretato da una giuria internazionale verrà insignito del premio Asteroide;
  • il Concorso Méliès d’Argent (in collaborazione con la European Fantastic Film Festival Federation), competizione riservata a lungometraggi e cortometraggi europei di genere fantastico. Il miglior film sarà votato da una giuria di esperti del settore. Il miglior cortometraggio verrà scelto con le votazioni del pubblico. I film di entrambe le categorie concorreranno per il premio Méliès d’Argent e per la candidatura al concorso annuale Méliès d’Or.
---------------- inserzione pubblicitaria ---------------

---------------------------------------------------------------

Il film d’apertura della 17a edizione di Trieste Science+Fiction Festival sarà Marjorie Prime di Michael Almereyda, presentato in anteprima italiana. Tratto dall’acclamato testo teatrale nominato al Pulitzer di Jordan Harrison, Marjorie Prime è una storia profonda e toccante, che esplora i temi della memoria, dell’identità, dell’amore e della perdita nell’era dell’intelligenza artificiale. Il futuristico “dramma da camera” di Almereyda è interpretato da un cast di altissimo livello composto da Lois Smith, Jon Hamm, Geena Davis e Tim Robbins. Marjorie Prime ha debuttato a gennaio al Sundance Film Festival, dove ha vinto lo Sloan Feature Film Prize, riconoscimento conferito ai migliori film incentrati sul tema della scienza e della tecnologia.

Stefano-BollaniIl cartellone del Trieste Science+Fiction Festival rappresenta il punto di riferimento in Italia per l’osservazione del panorama del cinema fantastico internazionale. Sono 14 i paesi rappresentati nella sezione NEON: USA, Giappone, Francia, Canada, Germania, Kenya, Russia, Regno Unito, Finlandia, Ungheria, Spagna, Australia, Polonia e Italia.

L’evento speciale della rassegna si terrà la sera del 3 novembre 2017 con la 21Golden Méliès Ceremony e la consegna dei Méliès d’Or della European Fantastic Film Festivals Federation. Un appuntamento d’eccezione che gli organizzatori de “La Cappella Underground” hanno voluto rendere unico con il concerto di Stefano Bollani“FantaBollani”, un programma speciale di sonorizzazioni di classici e sorprese del grande cinema fantastico europeo delle origini.

 FILM IN CONCORSO

Appartengono alla selezione cinematografica ufficiale NEON del Trieste Science+Fiction Festival 2017 i seguenti titoli in anteprima italiana e in concorso: Alone [Seuls] di David Moreau, adattamento della popolarissima serie di graphic novel di Bruno Gazzotti su cinque ragazzi che cercano di sopravvivere in un mondo da cui tutti sembrano essere scomparsi; Beyond Skyline di Liam O’Donnell, autore dell’acclamato Skyline, una storia fantascientifica con Frank Grillo alle prese con alieni, astronavi, arti marziali e una tonnellata di effetti speciali creati dalla pluripremiata Hydraulx; Cold Skin di Xavier Gens, una storia “lovecraftiana” di solitudine e alienazione ai confini del Polo Sud, ambientata durante la Seconda Guerra Mondiale; Hostile di Mathieu Turi, un incubo post-apocalittico con tocchi di romanticismo costruito attorno all’eroica Juliette alle prese con la fame, la sete, una gamba rotta e strane, inquietanti creature che si manifestano la notte (distribuito da Twelve Entertainment); It Came From the Desert di Marko Mäkilaakso, omaggio imperdibile ai cari B-movie degli anni ‘50 con tanta azione e tanti mostri, ispirato al videogame della Cinemaware degli anni ‘80 (distribuito da Minerva Pictures); Kati Kati di Mbithi Masya, un’affascinante parabola sulla vita e la morte ambientata in un villaggio turistico con una variegata compagine di residenti; Loop [Hurok] di Isti Madarász, un nuovo Sliding Doors dall’Ungheria sulle complicate ripercussioni che le nostre decisioni hanno sul tempo; Rememory di Mark Palansky, sui meandri della memoria e sul modo in cui questa delinea il presente, in un noir fantascientifico intriso di mistero e sorretto da una straordinaria interpretazione di Peter Dinklage e dall’ultima apparizione di Anton “Chekov” Yelchin; Replace di Norbert Keil, sulla giovane e bella Kira, vittima di una malattia dermatologica, che scopre di poter sostituire la sua pelle con quella di altre ragazze, in una storia dai risvolti agghiaccianti; Salyut-7 di Klim Shipenko, sulla stazione spaziale sovietica Salyut-7 calata in una space opera straordinaria, che ci racconta una delle imprese più incredibili nella storia delle missioni spaziali; The Man With The Magic Box di Bodo Kox, un’originale love story sci-fi dal regista polacco Bodo Kox ambientata a Varsavia nell’anno 2030; Science Fiction Volume One: The Osiris Child di Shane Abbess, autore del celebre Infini, un’avventura fantascientifica interpretata da Kellan Lutz, qui nel ruolo di un evaso che si unisce a un ex eroe di guerra per salvare la giovane figlia di quest’ultimo (distribuito da Eagle Pictures); Zombillenium di Arthur De Pins e Alexis Ducord,  in arrivo dal Festival di Cannes, una divertente animazione francese, per grandi e piccini, su un parco giochi dell’orrore diverso da tutti gli altri: qui i mostri ci sono davvero e hanno anche un sacco di problemi.

Concorrono al Méliès d’Argent: AloneCold SkinHostileIt Came From the Desert, Loop, The Man with the Magic BoxReplaceZombillenium.

Concorrono al Premio Asteroide: Beyond SkylineHostileIt Came From the Desert, Kati Kati, RememoryReplaceScience Fiction Volume One: The Osiris ChildThe Man with the Magic Box.

FILM FUORI CONCORSO

blade-immortal-trailerDal Giappone arrivano nella sezione “Fuori Concorso” due nuove attesissime opere: Before We Vanish dell’acclamato regista Kiyoshi Kurosawa, autore di Tokyo Sonata e Retribution, che rielabora la fantascienza anni ’50 in una storia profondamente umana di amore e mistero con protagonisti tre alieni; e Blade of the Immortal di Takashi Miike, dove il samurai Manji porta a Trieste spettacolari combattimenti e armi incredibili nella nuova epopea del regista di culto giapponese, basato sul famoso manga di Hiroaki Samura.

Trieste Science+Fiction Festival presenta tre film statunitensi già in odore di cultBushwick di Cary Murnion e Jonathan Milott, un action movie mozzafiato, girato in un unico piano-sequenza, dove si immagina uno scenario sinistramente vicino al nostro presente; Mayhem di Joe Lynch, 86 minuti di adrenalina pura con un virus che azzera i freni inibitori, dove gli impiegati e i dirigenti di una società legale americana sono finalmente liberi di dare sfogo ai loro peggiori istinti; The Endless del duo americano Justin Benson & Aaron Moorhead, a Trieste cinque anni dopo l’acclamato Resolution, con una storia di fratellanza, famiglia, spiritualità, e che ci parla dell’importanza della ribellione e dell’anticonformismo. Infine, dalla Spagna giunge Verónica di Paco Plaza, creatore dell’acclamata serie horror di [Rec], basato sull’unico caso di cronaca che la polizia spagnola ha classificato come inspiegabile e soprannaturale e che, ad oggi, rimane ancora insoluto.

Il film di chiusura di Trieste Science+Fiction Festival sarà un grande classico della fantascienza presentato nel 40° anniversario dalla sua uscita in una versione speciale in 4K: Incontri Ravvicinati del Terzo Tipo di Steven Spielberg, che chiude anche la sezione Classix, dedicata ai film che hanno fatto la storia del genere e aperta dall’immortale classico di John Carpenter Halloween – La Notte delle Streghe, presentato in lingua originale e nella versione restaurata e rimasterizzata in digitale sotto la supervisione del direttore della fotografia Dean Cundey. Una speciale ed esclusiva introduzione di John Carpenter precede il film. Il leggendario maestro dell’orrore racconta la storia e l’influenza che Halloween ha avuto non solo sul genere horror, ma sull’intera industria cinematografica indipendente. Sempre in collaborazione con la distribuzione Rising Alternative viene offerta ai fan dell’horror un’altra occasione imperdibile: vedere o rivedere sul grande schermo il cult La Notte dei Morti Viventi di George A. Romero, scomparso nel luglio scorso e premio Urania a Trieste nel 2011, ed il classico “camp” di Ed Wood, Plan 9 From Outer Space. Considerato “uno dei peggiori film di tutti i tempi”, l’amatissimo capolavoro kitsch di Ed Wood è diventato negli anni oggetto di culto. Presentato in una scintillante copia in 35 mm, L’ultima Spiaggia di Stanley Kramer ritrae l’impatto di una guerra nucleare sulla vita della gente comune. Con un cast stellare, si concentra sulle relazioni e i desideri dell’uomo quando deve confrontarsi con il poco tempo a disposizione. Tratto dal libro di Nevil Shute, non è solo una storia d’amore, ma anche una forte critica alla corsa agli armamenti all’epoca della Guerra Fredda. Infine, il geniale regista italiano Luigi Cozzi regala al pubblico del Trieste Science+Fiction Festival una proiezione esclusiva, in 35 mm, della versione da lui rimontata nel 1977, “mixata” in super-stereo e colorata con il sistema Spectrorama 70 del mitico Godzilla.

maxresdefault (1)Il premio alla carriera Urania d’Argento, organizzato con l’omonima testata letteraria edita da Mondadori e dedicato ai grandi artisti del fantastico, verrà consegnato al maestro del cinema popolare italiano Sergio Martino. L’evento speciale dedicato al grande regista di genere prevede la presentazione della recente autobiografia “Sergio Martino: Mille peccati… Nessuna virtù?” e la proiezione omaggio del cult postatomico 2019 – Dopo la Caduta di New York. A Trieste l’ormai ottantenne regista romano racconterà “la storia del lavoro di un regista trash emerito, cercando di bilanciare gli insulti dei critici all’uscita dei miei film, negli anni Settanta e Ottanta, e gli osanna delle nuove generazioni che hanno potuto apprezzare in DVD i miei film e rivalutarli, il tutto grazie alla stima di Quentin Tarantino, Eli Roth, Jaume Balagueró e altri autori e critici stranieri, bontà loro”. L’iniziativa prosegue il percorso culturale del festival triestino che negli anni ha sempre omaggiato i grandi maestri del cinema di genere e del fantastico italiano, da Dario Argento ad Antonio Margheriti, da Enzo G. Castellari a Mario e Lamberto Bava, curando apprezzati omaggi e retrospettive rimaste nella memoria degli appassionati come “Fant’Italia”.

L’appassionata ricerca dei nuovi talenti della fantascienza underground del Trieste Science+Fiction Festival comincia dalla forma del cortometraggio. Il programma completo presenta 51 cortometraggi da 23 paesi diversi, 5 anteprime mondiali, 4 anteprime europee, 21 anteprime italiane. Uno spettacolare “planetarium” per scrutare le nuove stelle del cortometraggio fantastico contemporaneo in tre sezioni: gli European Fantastic Shorts per il Premio Méliès d’Argent, gli Italian Shorts di “Spazio Corto” e il panorama dei Fantastic Shorts.

In programma non solo fantascienza, ma anche proiezioni su un presente da scoprire con i mezzi della scienza. Saranno cinque i documentari presentati nella sezione “Futurologia – Docs & Talks”: Galois. Storia di un matematico rivoluzionario di Diego Cenetiempo al Cinema Ariston il 27 ottobre in anteprima italiana, come Amateurs in Space di Max Kestner e Let There Be Light di Mila Aung-Thwi; arricchiscono la finestra dei Docs Il Senso della Bellezza – Arte e Scienza al CERN di Valerio Jalongo e l’evento speciale a cura di ARPA FVG – LaREA Dusk Chorus, di Alessandro D’Emilia e Nika Šaravanja. La selezione dei documentari si chiude con Creature Designers: The Frankenstein Complex, di Gilles Penso e Alexandre Poncet, con preziose interviste ai maghi degli effetti speciali.

WEB-ultracorpi-pulita-2017La seconda edizione del Fantastic Film Forum riunirà produttori, registi, sceneggiatori, tecnici e distributori presenti al Festival per una giornata intensiva di incontri e masterclass con professionisti affermati e talenti emergenti, in una prospettiva di cooperazione europea ed internazionale. In programma anche il focusSpazio Italia”, dedicato alle produzioni di cinema fantastico e sci-fi “made in Italy” che, oltre all’ampia panoramica di corti e web series, ospita due lungometraggi: L’Ultimo Sole della Notte di Matteo ScarfòIl Guardiano del Ghiaccio di Salvatore Metastasio.

Non mancheranno gli incontri “Futurologia – Docs & Talks” e “Science Fiction Café”, le esposizioni dell’archivio fotografico de “La Cappella Underground” e le mostre di “LRNZ” e “The Shadow Planet, i workshop con gli esperti e le iniziative per i kids e La Notte Immaginaria, le Sci-Fi Nights, con il live di Wolfgang Flür (ex Kraftwerk) e i dj set, tutti appuntamenti che hanno reso Trieste Science+Fiction Festival un evento imperdibile e una vera festa per gli appassionati e gli esperti della fantascienza.

Trieste Science+Fiction Festival è organizzato dal Centro Ricerche e Sperimentazioni Cinematografiche e Audiovisive “La Cappella Underground”, con la collaborazione e il sostegno di: MiBACT – Direzione Generale Cinema; Regione Autonoma Friuli Venezia Giulia – Assessorato alla Cultura, Sport e Solidarietà; PromoTurismo FVG; Comune di Trieste – Assessorato alla Cultura; Fondazione CRTrieste; Teatro Stabile del Friuli Venezia Giulia; Fondazione Teatro Lirico “Giuseppe Verdi”; Fondazione Benefica “Kathleen Foreman Casali”; Università degli Studi di Trieste; ARPA FVG – LaREA.

La manifestazione gode, inoltre, del patrocinio dei principali enti scientifici del territorio: AREA Science Park, ICGEB, ICTP, INAF – Osservatorio Astronomico di Trieste, IS Immaginario Scientifico – Science Centre, SISSA, Università Popolare di Trieste.

Trieste Science+Fiction Festival

17a edizione

da martedì 31 ottobre a domenica 5 novembre 2017

QUI il programma ufficiale