"Tube", di Baek Woon-Hak

La Corea del Sud esporta un poliziesco tutto sparatorie, inseguimenti e esplosioni. Un film adrenalinico, prodotto con grande sforzo economico, girato con cura maniacale seguendo le linee guida del genere. Peccato però che a un'opera così ambiziosa manchi l'anima.

-----------------------------------------------------------
UNICINEMA LAST MINUTE! – UNA NUOVA IDEA DI UNIVERSITÀ. APERTE ANCORA LE ISCRIZIONI PER IL 2023!


-----------------------------------------------------------

Tube è il frutto della peggiore globalizzazione possibile, di cui recupera stereotipi, ridondanze e narcisismo. Il film di Baek Woon-Hak – esordiente non privo di talento, proveniente dalla pubblicità e smanioso di dimostrarsi all'altezza, anche a costo di strafare – dimostra l'inadeguatezza del cinema sudcoreano in fatto di blockbuster preconfezionati a tavolino. Qui l'azione adrenalinica prevede personaggi finti, proiettati per puro caso in una lotta serrata tra un poliziotto ribelle ma eroico e un criminale con smanie da terrorista. In mezzo: una metropolitana lanciata a folle velocità, decine di ostaggi, un complotto politico trascurabile, una ladruncola di buon cuore, uno staff di lavoratori encomiabili. Retorico, scontato, noioso, Tube inevitabilmente finisce per sottolineare da solo le tante lacune della sceneggiatura, alcune grossolanamente evidenti, e le perplessità del caso (cosa ci fa in un simile pasticcio la solitamente simpatica Bae Doo-Na?). Baek, vagamente ispirato da Il colpo della metropolitana, rimescola senza timori reverenziali Speed, Nowhere to Hide e Codice: Swordfish, riciclando clichés in maniera imbarazzante e proponendosi come improbabile emulo della scuola Jerry Bruckheimer (leggi: Dominic Sena o Michael Bay): piattezza televisiva e rumorosi effetti speciali a profusione, assenza di stile e grandi movimenti di macchina, la cui ampiezza è direttamente proporzionale alla relativa inutilità. Quello che sconcerta è la casualità dell'intreccio, scritto davvero male: i protagonisti sono figurine appiccicate allo schermo in maniera prevedibile, senza che i legami che li uniscono o li dividono vengano approfonditi, né tantomeno giustificati. Viste le premesse è impossibile chiedere agli attori, burattini spaesati, macchiette dimesse, abbandonati ai musi duri di circostanza, di recitare sul serio. Inevitabilmente ne risultano una serie di raccordi confusi spacciati per introspezione e subito messi da parte per privilegiare le sequenze, altrettanto deludenti, dove a cuore e cervello subentrano pistole, muscoli e nervi d'acciaio. Dalla ricca filmografia sudcoreana, anche in ambito poliziesco (Memories of Murder, Old Boy), si poteva scegliere decisamente molto meglio.

----------------------------
SENTIERISELVAGGI21ST N.12 – COVER STORY: TOM CRUISE, THE LAST MOVIE STAR

----------------------------

Regia: Baek Woon-Hak

--------------------------------------------------------------
SENTIERI SELVAGGI BLACK FRIDAY

--------------------------------------------------------------

Soggetto: Kim Hyung-Wan


Sceneggiatura: Baek Woon-Hak, Byun Woon-Me, Kim Min-Joo, Kim Jing-Min


Fotografia: Yoon Hong-Shik


Montaggio: Park Gok-Ji, Kim Mi-Young


Musica: Hwang Sang-Jun


Scenografia: Whang In-Jun


Costumi: Kim Hyo-Sung, Kang Kook-Hee


Interpreti: Kim Suk-Hoon (Jay), Bae Doo-Na (Kay), Park Sang-Min (T), Son Byung-Ho, Im Hyun-Shik, Kim So-Hyun, Sa Hyun-Jin


Produzione: Mir Films, Tube Entertainment


Distribuzione: AB Film


Durata: 112'


Origine: Corea del Sud, 2003


 

--------------------------------------------------------------
LAST MINUTE SCUOLA TRIENNALE 2022-23

--------------------------------------------------------------

    ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER DI SENTIERI SELVAGGI

    Le news, le recensioni, i corsi di cinema, la riviste, i libri, gli eventi e tutte le nostre iniziative