Tutte le candidature ai Bafta 2022

Annunciate le nomination della settantacinquesima edizione dei Bafta, tra grandi assenti e inattese sorprese. La cerimonia di premiazione si terrà alla Royal Albert Hall di Londra il 13 marzo

-----------------------------------------------------------
SCUOLA DI CINEMA SENTIERI SELVAGGI: APERTE LE ISCRIZIONI ANNO 2022-23


-----------------------------------------------------------

Nei giorni scorsi la British Academy of Film and Televisions Art ha annunciato le nominations dell’edizione 2022 dei Bafta, giunti quest’anno al 75esimo anniversario. Analogamente all’edizione 2021, dove un vertiginoso cambio nelle procedure di votazione ha portato alla lista di nominati più inclusiva nella storia della cerimonia, anche quella corrente sembra nascere all’insegna di una maggiore inclusività.

----------------------------
OPEN DAY SCUOLA DI CINEMA SENTIERI SELVAGGI

----------------------------

Diversamente dai Golden Globes, a dominare gli “oscar inglesi” è Dune, che fa incetta di candidature (11) in tutte le categorie tecniche (oltre a quelle più importanti per il “miglior film” e per la regia). Seguono immediatamente i due favoriti dell’edizione, con Il potere del cane che afferma il proprio dominio pre-oscar con 8 candidature (tra cui Jane Campion per la regia, Benedict Cumberbatch per il “miglior attore protagonista”, Jesse Plemons e Kodi-Smit McPhee nella categoria “miglior attore non protagonista) e il nostalgico Belfast, nominato sia per il “miglior film”, sia per il “miglior film britannico” (un fattore di rilievo nei Bafta, che tendono a premiare le opere locali su quelle americane).

L’edizione 2022 dei Bafta si contraddistingue anche per una vocazione spiccatamente internazionale, evidenziata dalle candidature ottenute da Ryusuke Hamaguchi, Julia Ducournau e Audrey Diwan nella categoria “miglior regia”, rispettivamente per Drive My Car (vincitore a Cannes del premio alla miglior sceneggiatura), Titane (Palma D’Oro 2021) e L’événement (Leone D’oro a Venezia). L’adattamento del racconto di Murakami, che è stato nominato anche per la “miglior sceneggiatura non originale” se la vedrà inoltre con é stata la mano di Dio di Sorrentino (alla sua seconda nomination) nella categoria “miglior film in lingua straniera”. Tra i grandi assenti, figura sicuramente West Side Story di Spielberg, mentre sorprende la presenza di Don’t Look Up (nominato per il “miglior film” oltre alla candidatura di DiCaprio) e del giovane regista anglo-pakistano Aleem Khan (miglior regia per After Love).

 

Miglior film britannico

“After Love”
“Ali & Eva”
“Belfast”
“Boiling Point”
Cyrano
“Everybody’s Talking About Jamie”
Last Night in Soho
No Time to Die
Passing

Miglior sceneggiatura originale

Aaron Sorkin, “Being the Ricardos
Kenneth Branagh, “Belfast
Adam McKay, “Don’t Look Up
Zach Baylin, “King Richard
Paul Thomas Anderson, “Licorice Pizza

Miglior sceneggiatura non originale

Sian Heder, “CODA
Ryusuke Hamaguchi, “Drive My Car
Denis Villeneuve, “Dune
Maggie Gyllenhaal, “The Lost Daughter
Jane Campion, “The Power of the Dog

Miglior attrice non protagonista

Caitriona Balfe, “Belfast
Jessie Buckley, “The Lost Daughter
Ariana DeBose, “West Side Story
Ann Dowd, “Mass
Aunjanue Ellis, “King Richard
Ruth Negga, “Passing

Miglior attrice protagonista

Lady Gaga, “House of Gucci
Alana Haim, “Licorice Pizza
Emilia Jones, “CODA
Renate Reinsve, “The Worst Person in the World
Joanna Scanlan, “After Love
Tessa Thompson, “Passing

Miglior debutto di uno sceneggiatore, regista o produttore britannico

Aleem Khan, “After Love
James Cumming, Hester Ruloff, “Boiling Point
Jeymes Samuel, “The Harder They Fall
Posy Dixon, Liv Proctor, “Keyboard Fantasies
Rebecca Hall, “Passing

Miglior attore non protagonista

Mike Faist, “West Side Story
Ciaran Hinds, “Belfast
Troy Kotsur, “CODA
Woody Norman, “C’mon C’mon
Jesse Plemons, “The Power of the Dog
Kodi Smit-McPhee, “The Power of the Dog

Miglior attore protagonista

Adeel Akhtar, “Ali & Ava
Leonardo DiCaprio, “Don’t Look Up
Mahershala Ali, “Swan Song
Benedict Cumberbatch, “The Power of the Dog
Stephen Graham, “Boiling Point
Will Smith, “King Richard

Miglior regia

Aleem Khan, “After Love
Paul Thomas Anderson, “Licorice Pizza
Ryusuke Hamaguchi, “Drive My Car
Audrey Diwan, “Happening
Jane Campion, “The Power of the Dog
Julia Ducournau, “Titane

Miglior film

“Belfast”
“Don’t Look Up”
“Dune”
“Licorice Pizza”
“The Power of the Dog”

Miglior film in lingua straniera

Drive My Car” – Ryûsuke Hamaguchi, Teruhisa Yamamoto
“é stata la mano di Dio” – Paolo Sorrentino, Lorenzo Mieli
Madres Paralelas – Pedro Almodóvar, Agustín Almodóvar
Petite Maman” – Céline Sciamma, Bénédicte Couvreur
The Worst Person in the World” – Joachim Trier, Thomas Robsahm

Miglior documentario

Becoming Cousteau” – Liz Garbus, Dan Cogan
Cow” – Andrea Arnold, Kat Mansoor
Flee” – Jonas Poher Rasmussen. Monica Hellström
The Rescue” – Elizabeth Chai Vasarhelyi, Jimmy Chin, John Battsek, P. J. Van Sandwijk
Summer of Soul (or, When the Revolution Could Not Be Televised)” – Ahmir “Questlove” Thompson, David Dinerstein, Robert Fyvolent, Joseph Patel

Miglior film d’animazione

Encanto” – Jared Bush, Byron Howard, Yvett Merino, Clarke Spencer
Flee” – Jonas Poher Rasmussen, Monica Hellström
Luca” – Enrico Casarosa, Andrea Warren
The Mitchells Vs the Machines” – Mike Rianda, Phil Lord, Christopher Miller

Miglior casting

Boiling Point” – Carolyn Mcleod
Dune” – Francine Maisler
The Hand of God” – Massimo Appolloni, Annamaria Sambucco
King Richard” – Rich Delia, Avy Kaufman
West Side Story” – Cindy Tolan

Miglior fotografia

Dune” – Greig Fraser
Nightmare Alley” – Dan Laustsen
No Time to Die” – Linus Sandgren
The Power of the Dog” – Ari Wegner
The Tragedy of Macbeth” – Bruno Delbonnel

Miglior montaggio

“Belfast” – Úna Ní Dhonghaíle
“Dune” – Joe Walker
“Licorice Pizza” – Andy Jurgensen
“No Time to Die” – Tom Cross, Elliot Graham

Migliore scenografia

“Cyrano” – Sarah Greenwood, Katie Spencer
“Dune” – Patrice Vermette, Zsuzsanna Sipos
The French Dispatch” – Adam Stockhausen, Rena Deangelo
Nightmare Alley” – Tamara Deverell, Shane Vieau
“West Side Story” – Adam Stockhausen, Rena Deangelo

Migliori costumi

Crudelia” – Jenny Beavan
“Cyrano” – Massimo Cantini Parrini
“Dune” – Robert Morgan, Jacqueline West
“The French Dispatch” – Milena Canonero
“Nightmare Alley” – Luis Sequeira

Miglior trucco e acconciatura

Cruella” – Nadia Stacey, Naomi Donne
“Cyrano” – Alessandro Bertolazzi, Siân Miller
“Dune” – Love Larson, Donald Mowat
The Eyes of Tammy Faye” – Linda Dowds, Stephanie Ingram, Justin Raleigh
“House of Gucci” – Frederic Aspiras, Jane Carboni, Giuliano Mariana, Sarah Nicole Tanno

Miglior sonoro

“Dune” – Mac Ruth, Mark Mangini, Doug Hemphill, Theo Green, Ron Bartlett
“Last Night in Soho” – Colin Nicolson, Julian Slater, Tim Cavagin, Dan Morgan
“No Time to Die” – James Harrison, Simon Hayes, Paul Massey, Oliver Tarney, Mark Taylor
A Quiet Place Part II” – Erik Aadahl, Michael Barosky, Brandon Proctor, Ethan Van Der Ryn
“West Side Story” – Brian Chumney, Tod Maitland, Andy Nelson, Gary Rydstrom

Migliori effetti visivi

“Dune” – Brian Connor, Paul Lambert, Tristan Myles, Gerd Nefzer
Free Guy” – Swen Gillberg, Brian Grill, Nikos Kalaitzidis, Daniel Sudick
Ghostbusters: Legacy” – Aharon Bourland, Sheena Duggal, Pier Lefebvre, Alessandro Ongaro
The Matrix Resurrections” – Tom Debenham, Hew J Evans, Dan Glass, J. D. Schwaim
“No Time to Die” – Mark Bokowski, Chris Corbould, Joel Green, Charlie Noble

Miglior cortometraggio britannico

“Affairs of the Art” – Joanna Quinn, Les Mills
“Do Not Feed the Pigeons” – Jordi Morera
“Night of the Living Dread” – Ida Melum, Danielle Goff, Laura Jayne Tunbridge, Hannah Kelso

Miglior cortometraggio

“The Black Cop” – Cherish Oteka
“Femme” – Sam H. Freeman, Ng Choon Ping, Sam Ritzenberg, Hayley Williams
“The Palace” – Jo Prichard
“Stuffed” – Theo Rhys, Joss Holden-rea
“Three Meetings of the Extraordinary Committee” – Michael Woodward, Max Barron, Daniel Wheldon

Miglior colonna sonora

“Being the Ricardos” – Daniel Pemberton
“Don’t Look Up” – Nicholas Britell
“Dune” – Hans Zimmer
“The French Dispatch” – Alexandre Desplat
“The Power of the Dog” – Jonny Greenwood

EE Rising Star Award (votato dal pubblico)

Ariana Debose
Harris Dickinson
Lashana Lynch

Millicent Simmonds
Kodi Smit-McPhee

--------------------------------------------------------------
Le Arene estive di Cinema a Roma

--------------------------------------------------------------

    ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER DI SENTIERI SELVAGGI

    Le news, le recensioni, i corsi di cinema, la riviste, i libri, gli eventi e tutte le nostre iniziative