tweet – Cannes 67: polemiche su Grace di Monaco

 

--------------------------------------------------------------------
IL NUOVO NUMERO DI SENTIERISELVAGGI21st!
--------------------------------------------------------------------

--------------------------------------------------------------------
 

Grace of Monaco interpretato dalla star Nicole Kidman sarà il film di apertura di Cannes 67. Ad anticipare la premiere si susseguono le polemiche sollevate dalla casa del principato monegasco. I reali – il principe Alberto II di Monaco e le sorelle Carolina e Stephanie – accusano gli autori del biopic Grace of Monaco (che vede l'attrice di origini australiane interpretare la loro madre) di 'dirottare' la storia della famiglia.

 

--------------------------------------------------------------------
LE BORSE DI STUDIO PER CRITICA, SCENEGGIATURA, FILMMAKING DELLA SCUOLA SENTIERI SELVAGGI

-----------------------------------------------------

La controversia prende il via dal nucleo principale della storia: è l'anno 1962 quando l'ex attrice Grace Kelly, già lontana dai riflettori hollywoodiani, riceve la proposta per un nuovo film da parte di Hitchcock, ma rifiuta per ragioni familiari.

 

---------------------------------------------------------------------
APERTE LE ISCRIZIONI PER UNICINEMA E SCUOLA DI CINEMA

---------------------------------------------------------------------

Già nel gennaio 2013 il casato aveva esposto la propria versione dei fatti, sconfessando e prendendo le distanze dalla creatura di Oliver Dahan (La vie en Rose, La vie Promise, Déjà Mort) attraverso la dichiarazione: "il Palazzo trasmise a suo tempo numerose richieste di cambiamenti ma nessuna è stata presa in considerazione…Desidera ribadire che questo film non può in alcun caso essere classificato come un film biografico. Il trailer sembra essere una farsa e conferma la natura totalmente fittizia di questo film. Si rafforza la certezza, dopo aver letto la sceneggiatura, che questa produzione…si basa su riferimenti storici errati e dubbi”. La Famiglia ribadisce la propria estraneità al progetto che in alcun modo avalla perchè “…non riflette la realtà e si rammarica che la sua storia sia stata usurpata per scopi puramente commerciali”.