Un appuntamento per la sposa, di Rama Burshtein

Opera seconda della regista che continua a sorprendere per la sensibilità con cui racconta la propria comunità attraverso storie femminili universali

-----------------------------------------------------------
UNICINEMA LAST MINUTE! – UNA NUOVA IDEA DI UNIVERSITÀ. APERTE ANCORA LE ISCRIZIONI PER IL 2023!


-----------------------------------------------------------

Dopo aver aperto una breccia dentro il mondo poco conosciuto degli ebrei ortodossi d’Israele, la regista Rama Burshtein torna a raccontare il matrimonio di un’altra donna al centro degli sguardi e degli interessi della sua comunità. Nonostante la fortunata esperienza de La sposa promessa, continua a sorprendere la capacità della regista di raccontare il proprio popolo, la propria comunità, senza enfatizzarne gli aspetti più “esotici”. L’obiettivo della Burshtein, infatti, sembra solo quello di mostrarci semplici racconti d’emozioni, mantenendo un respiro universale tale da rendere immediata l’empatia nei confronti dei dolori e delle gioie delle sue protagoniste. Un appuntamento per la sposa racconta la folle e coraggiosa corsa contro il tempo della non più giovane Michal, ragazza in cerca di un marito da sposare, a qualsiasi costo, l’ultimo giorno di Hannukkah. Al di là dei dettagli culturali (l’ebraismo ortodosso ha una sua relativa importanza nella trama) e locali (la divertita colonna sonora interamente formata da brani pop israeliani) non sarebbe difficile immaginare la storia di Michal ambientata a New York, a Londra o a Milano, testimoniando la sensibilità di un’autrice capace di realizzare pellicole dal cuore intimamente internazionalista.

----------------------------
SENTIERISELVAGGI21ST N.12 – COVER STORY: TOM CRUISE, THE LAST MOVIE STAR

----------------------------

un appuntamento per la sposa Noa Koller Amos TamamRama Burshtein nella sua seconda opera, pur muovendosi in territori vicini alle commedie cittadine e femminili statunitensi (la vicinanza narrativa è evidente nei particolari, dal gruppo di amiche che circonda la protagonista alla serie di “colloqui” con gli spasimanti, episodi quasi usciti fuori da un film di Apatow), continua, irremovibile, il suo discorso politico. Il matrimonio, questo monolite su cui si basa la società conservatrice ebraica (e non), diventa lo strumento perfetto, per le protagoniste della Burshtein, per riaffermare la propria indipendenza e autonomia. Michal come la Shira de La sposa promessa, pur arrivando a questo fatidico giorno da premesse opposte, trova dentro il suo abito bianco la forza per gridare il coraggio dei propri sentimenti e delle proprie emozioni (“non voglio morire sola, voglio finalmente essere amata” sono parole banali che, dalle sue labbra assumono un significato decisivo), rivendicando cosi il proprio sacrosanto diritto ad essere felice. E’ da qui che parte la rivoluzione leggera della regista, ebrea osservante ma impegnata, con i suoi personaggi femminili, a sottolineare la propria solida indipendenza emotiva, talmente trascinante da essere un fiume inesauribile e vivo dentro uno stanco, piccolo mondo antico.

--------------------------------------------------------------
DARIO ARGENTO – L’AMORE E IL TERRORE, A CURA DI GIACOMO CALZONI

--------------------------------------------------------------

Titolo originale: Laavor th Hakir/Through the Wall

Regia: Rama Burshtein

Interpreti: Noa Koler, Amos Tamam, Oz Zehavi, Oded Leopold, Jonathan Rozen

Distribuzione: Cinema

Durata: 110′

Origine: Israele 2016

--------------------------------------------------------------
LAST MINUTE SCUOLA TRIENNALE 2022-23

--------------------------------------------------------------

    ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER DI SENTIERI SELVAGGI

    Le news, le recensioni, i corsi di cinema, la riviste, i libri, gli eventi e tutte le nostre iniziative