UN CATTIVO TENENTE

-----------------------------------------------------------
UNICINEMA LAST MINUTE! – UNA NUOVA IDEA DI UNIVERSITÀ. APERTE ANCORA LE ISCRIZIONI PER IL 2023!


-----------------------------------------------------------

Quando Herzog “finge” di non conoscere Abel Ferrara, non è che ci faccia una bella figura (se questa affermazione è vera, se è stata riportata veritieramente dalla stampa). Il cattivo tenente di Abel Ferrara penetra profondamente nell’immaginario, sfonda e destabilizza, ci fa disperare e ci inquieta. Herzog, insomma, stava scherzando. E Ferrara circola nel nostro sangue non solo per questo film – Occhi di serpente? The Addiction? Fratelli? Il problema è che continuo a vedere troppi pochi film. Inseguo, tendenzialmente, SOLO quello che può piacermi. E’ ridicolo per uno che scrive di cinema? E’ una domanda. Non lo so. Credo di sì. Quanti film vede, “consuma”, Simone Emiliani in un anno? In un giorno? La sua sterminata videoteca rientrerà, prima o dopo, nel guinnes dei primati. Sono un cattivotenente della critica cinematografica. Seleziono “fastidiosamente” ciò che la mia città mi propone. Consumo età glaciali confondendoli con i futuri oscuri di Proyas (non mi ha fatto bene vedere il suo ultimo film, Segnali dal futuro), metto assieme Michele Placido e Picarra e Ficone. Mi capita di non vedere film per giorni. Mi vergogno ma non ho tempo. Confessione pubblica non richiesta – ma è il gioco massacrante della sincerità che me lo impone. Secondo Truffaut, quanti film doveva aver visto un critico per potersi dire tale? Mi sa che sono fuori da questa definizione. In qualche modo, gioco uno sguardo esterno al cinema la qual cosa mi permette di parlarne in modo anomalo, decadente, sfiorando la superficie con uno sguardo distratto, che guarda altrove. Questa anomalia ha un senso? Vorrei chiederlo agli amici con i quali collaboro all’interno di Sentieri selvaggi – realtà che pure ho contribuito a creare. Nel rientrare da Venezia, mi piacerebbe che, a questa cosa, pure pensassero. Magari ipotizzando una defenestrazione curiosa, un proponibile licenziamento, un augurabile e definitivo cambiamento…

----------------------------
SENTIERISELVAGGI21ST N.12 – COVER STORY: TOM CRUISE, THE LAST MOVIE STAR

----------------------------
--------------------------------------------------------------
LAST MINUTE SCUOLA TRIENNALE 2022-23

--------------------------------------------------------------

    ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER DI SENTIERI SELVAGGI

    Le news, le recensioni, i corsi di cinema, la riviste, i libri, gli eventi e tutte le nostre iniziative



    2 commenti

    • Anche se la riflessione è molto interessante, tralasciamo per un attimo defenstrazioni e censure varie (ogni cosa a suo tempo). Voglio solo precisare che l'affermazione di Herzog non è stata riportata correttamente. Non ha mai detto "non conosco Ferrara". Ha semplicemente detto "non ho mai visto Il cattivo tenente di Ferrara". Cosa possibilissima, visto il soggetto

    • …il cattivo tenente dei critici…