Unidentified, Las Vegas del terzo tipo

Contenuto non disponibile
Consenti i cookie cliccando su "Accetta" nel banner"

di Antonio Spilotro



Arriva lo straight-to-video Unidentified, diretto dallo specialista in effetti speciali per il piccolo schermo Jason Richard Miller. L'esperimento del regista è quello di mescolare insieme elementi delle commedie goliardiche dedicate agli hangover in quel di Las Vegas, con un horror a tema rapimenti alieni: d'altra parte in Nevada il deserto è giusto dietro l'angolo degli scintillanti casino che formano l'iconica strip di Las Vegas, e com'è noto il deserto è uno dei posti prediletti dagli Unidentified Flying Objects per le loro “abductions”.
Per far funzionare il bizzarro crossover, Miller si affida all'impalcatura del POV movie, inserendo gli elementi e il cast tutto, proveniente dalla serialità televisiva (Parry Shen, Colton Dunn, Eddie Mui, e Eric Artell il quartetto di amici che passa dal tavolo verde agli omini verdi) all'interno della cornice oramai classica del presunto found footage – per capirci, l'espediente della finta ripresa dal vero utilizzato dal predecessore Cannibal Holocaust e portato alla sua versione contemporanea da Blair Witch Project, Paranormal Activity, Diary of the dead, Chronicles

I protagonisti di Unidentified partono verso la città dalle insegne intermittenti con l'intenzione di divertirsi ai tavoli e spassarsela in ogni modo, ma la lezione del film, morale come tutti gli horror che si rispettino, è che forse avrebbero fatto meglio a sedare la loro voglia di trasgressione e rimanersene a casa a giocare ai molto più sicuri e protetti casino games online…

E così, dopo i capisaldi di Todd Phillips e la versione attempata con De Niro, Kline, Douglas e Freeman (Last Vegas di Jon Turteltaub), senza tornare indietro all'affresco scorsesiano, al trip allucinogeno di Terry Gilliam/Hunter Thompson o al dramma di Mike Figgis che valse l'Oscar a Nicolas Cage, quasi doppiando alcune puntate particolarmente soprannaturali della serie madre di CSI di Jerry Bruckheimer, anche Las Vegas può vantare adesso il proprio horror…del terzo tipo.