UNKNOWN PLEASURES 8 – Un giorno nella vita di Ridley Scott & Kevin MacDonald

life in a dayVenerdì 5 aprile alle h 20.30 UNKNOWN PLEASURES 8 prosegue la sua programmazione presentando, insieme ad un incontro con gli autori, il corto sperimentale Beijing Double Happiness di Sergio Ponzio e Cristina Nisticò: il racconto per immagini d'un viaggio a Pechino ma anche dell'attrazione, dell'amore e del contrasto tra due sguardi, due anime, e due formati video (digitale e super8) perennemente in movimento.
A seguire frammenti e analisi di Life in a Day, il film user generated diretto da Kevin Macdonald (L’ultimo re di Scozia, State of Play) e prodotto da Ridley Scott. L’idea dei due registi, supportata da Youtube e LG (nell’ambito del programma Life’s Good) era stata lanciata nel giugno 2010, con un semplice appello a tutti i filmakers e gli internauti del mondo: raccontare una giornata, il 24 luglio 2010, con un video da caricare sull’apposito canale youtube. Da questo materiale sarebbe poi nato un film. Nessun vincolo di lunghezza, tema o quant’altro, a parte l’indicazione di una sommaria linea narrativa: in ogni video, gli autori dovevano raccontare ciò che temevano, ciò che amavano o quello che trovano divertente. L’iniziativa ha riscosso uno straordinario successo: più di 80000 clip caricate da ogni parte del globo, oltre 4500 ore di girato, poi condensate da Macdonald e dai suoi montatori in un film di 95’, Life in a Day appunto, presentato in anteprima mondiale al Sundance Film Festival (partner creativo del progetto), e poi anche al Festival di Berlino
 
E’ stata così lanciata una specie di time capsule, come ha detto Macdonald, una testimonianza a futura memoria sul mondo del 2010. Il giro del mondo per immagini in una giornata lunga 4500 ore. L’eternità, probabilmente. Non resta che scegliere come viverla, come guardarla.

Unknown Pleasures 8 – venerdì 5 aprile, h 20.30

da Sentieri Selvaggi, via Carlo Botta 19 a Roma
INGRESSO GRATUITO
 
 
Contenuto non disponibile
Consenti i cookie cliccando su "Accetta" nel banner"