VENEZIA 69 – SentieriSelvaggi intervista KOJI WAKAMATSU

Contenuto non disponibile
Consenti i cookie cliccando su "Accetta" nel banner"

---------------------------------------------------------------------

---------------------------------------------------------------------

 

--------------------------------------------------------------------

--------------------------------------------------------------------

Aldo Spiniello e Sergio Sozzo incontrano a Venezia 69 il maestro giapponese Koji Wakamatsu, e tentano una riflessione che leghi gli ultimi quattro capolavori del cineasta, United Red Army, Caterpillar, 11.25 The day he chose his own fate e il bellissimo The Millennial Rapture portato proprio al Lido nella sezione Orizzonti. "L'unico riferimento temporale che conti nei miei film è quello che ho in testa", dice Wakamatsu, "e quello che percepiscono gli spettatori. Il resto non importa. Per questo ai giovani registi dico sempre: siate liberi, fate soltanto quello che volete fare davvero."