VENEZIA 69 – "Tango Libre", di Frédéric Fontayene (Orizzonti)

Tango LibreDue uomini in carcere, una donna che ama entrambi e li viene a trovare, in più, un guardiano che sedotto dalla donna ed il ballo, involontariamente entra a far parte di quel triangolo del tutto originale. Passione, amore, gelosia, seduzione. Tango Libre – un film e il ballo che si intrecciano.

Tango Libreil Tango ha il ruolo principale nell’opera del regista belga Frédéric Fontayene. In parte diventa una forma di risocializzazione dei carcerati (paragonabile a Cesare deve morire di fratelli Taviani dove però al posto del ballo abbiamo il teatro), in parte a un risveglio dalla vita noiosa e prevedibile per un guardiano che seguendo le lezioni si innamora di Alice e all’improvviso scopre quanto vuota è stata finora la sua vita. Però il ritmo del tango riguarda anche i rapporti della protagonista, Alice, con suo marito, con il suo amante, suo figlio e infine con il guardiano del carcere stesso. Una donna che seduce, fa ingelosire e innamorare. Proprio come indicano le regole del ballo. I protagonisti si avvicinano per poi allontanarsi, si odiano per amarsi di nuovo in un istante. Il labirinto delle relazioni ed emozioni che creano sembra assurdo ma nello stesso tempo funziona perfettamente. La storia è un miscuglio di contraddizioni ma basta togliere un componente per far crollare tutto. Sembra che i protagonisti apposta continuino a complicare ancora di più la loro vita, si lascino prendere dalle situazioni non pensando alle conseguenze. Amare significa fare delle scelte, dice Fernand a sua moglie. Alice non sa decidere, non sa rinunciare a nessuno perciò la sua è una famiglia inimitabile.

--------------------------------------------------------------------
UNICINEMA – UNA NUOVA IDEA DI UNIVERSITÀ

--------------------------------------------------------------------

Tutto questo fa si che lo spettatore, anche se non convinto al cento per cento, venga trascinato dalla storia e incuriosito dai rapporti morbosi creati da quelle cinque persone.

------------------------------------------------------------------------
IL NUOVO NUMERO DI SENTIERISELVAGGI21ST #8