#Venezia73 – Presentato il programma delle Giornate degli Autori – Venice Days

Presentata questa mattina alla Casa del Cinema di Roma la XIII edizione delle Giornate degli Autori, che si svolgerà a Venezia dal 31 agosto al 10 settembre

di Alessandro Sgritta

--------------------------------------------------------------------
SCOPRI I NUOVI CORSI ONLINE DI CINEMA DI SENTIERI SELVAGGI


--------------------------------------------------------------------

 

Presentata questa mattina alla Casa del Cinema di Roma la XIII edizione delle Giornate degli Autori, che si svolgerà a Venezia dal 31 agosto al 10 settembre, come sezione autonoma della 73° Mostra del Cinema. Organizzate dall’Associazione presieduta da Roberto Barzanti, promosse da Anac e 100autori, dirette da Giorgio Gosetti con il sostegno del MiBACT, le Giornate degli Autori daranno il benvenuto al Lido con un brindisi inaugurale il 30 agosto alla Villa degli Autori, con il Sngci e la partecipazione di Bookciak, Azione! 2016, unico premio nazionale dedicato all’incontro tra cinema e letteratura, giunto alla 5° edizione, la cui giuria sarà presieduta da Ascanio Celestini, ospite speciale dell’evento, con Wilma Labate, Teresa Marchesi e Gianluca Arcopinto.

--------------------------------------------------------------------
OFFERTA CORSI SCENEGGIATURA ONLINE
Due nuovi corsi operativi di Sceneggiatura per il Cinema e le Serie Tv! Scopri l’offerta sul pacchetto

--------------------------------------------------------------------

Undici i film in concorso per il Venice Days Award, assegnato da una giuria di 28 giovani europei appassionati di cinema (progetto “28 Times Cinema”) coordinata dal direttore artistico del Karlovy Vary Film Festival, Karel Och, e presieduta dallo scrittore, fotografo e regista canadese Bruce La Bruce, già presente alle Giornate nel 2013 con Gerontophilia. Sette sono le opere prime che concorrono al premio Luigi De Laurentiis. L’apertura delle Giornate 2016 è affidata al video-diario di guerra The War Show dal cuore della Siria del danese Andreas Dalsgaard e della siriana Obaidah Zytoon. Tra gli altri generi in concorso troviamo il racconto di formazione (l’islandese Heartstone e il francese Polina), il melodramma (Indivisibili di Edoardo De Angelis e il filippino Pamylia Ordinaryo), il suspence thriller (l’australiano Hounds of Love), il western colombiano (Pariente), il road movie birmano (The Road to Mandalay), il grottesco (il croato Quit Staring at my Plate), il memoriale (lo svedese Sami Blood).

Il tema del viaggio come ricerca, movimento e cambiamento, insieme a quello della creatività femminile, caratterizza la selezione di quest’anno, la cui immagine simbolo è la Sirena, omaggio alla femminilità e al mare di Venezia.
“Il segno forte di questa selezione – osserva il delegato Giorgio Gosetti – è la creatività femminile che attraversa la gran parte dei film che abbiamo visionato e la maggior parte di quelli selezionati. Ѐ la conferma di quell’attenzione all’universo femminile che ormai da anni abbiamo posto al centro della nostra ricerca ma è anche un segno forte di vitalità e ringiovanimento dell’arte cinematografica che, non a caso, si conferma nell’eccezionale numero e qualità di opere prime e seconde in cui crediamo”.
Tra gli eventi speciali Always Shine di Sophia Takal (anteprima internazionale per il gemellaggio con il Tribeca Film Festival), Coffee di Cristiano Bortone, prima co-produzione ufficiale tra Italia e Cina (che prosegue con la terza edizione del China Film Forum), Il profumo del tempo delle favole di Mauro Caputo (dal testo di Giorgio Pressburger), Rocco di Thierry Demaiziere e Alban Teurial (documentario sul pornoattore Rocco Siffredi), You Never Had It – An Evening with Bukowski di Matteo Borgardt, che nasce dalla video-intervista di Silvia Bizio a Charles Bukowski del 1981, e Vangelo di Pippo Delbono, presente come attore anche in La ragazza del mondo (Wordly Girl) di Marco Danieli, film in concorso con Michele Riondino sul mondo dei Testimoni di Geova. Da segnalare i film del progetto “Women’s Tales” (grazie al creative partner Miu Miu) Seed di Naomi Kawase e That One Day di Crystal Moselle. Durante la conferenza stampa il Vicepresidente del Parlamento europeo Antonio Tajani e la Presidente della Commissione cultura e istruzione del PE, Silvia Costa, hanno annunciato i titoli dei 3 film finalisti della decima edizione del Premio LUX 2016: À peine J’ouvre les yeux di Leyla Bouzid, Ma vie de courgette di Claude Barras e Toni Erdmann di Maren Ade. I film saranno sottotitolati nelle 24 lingue ufficiali dell’UE e il 23 novembre verrà premiato il vincitore al Parlamento europeo di Strasburgo.

------------------------------------------------------------------------
IL NUOVO NUMERO DI SENTIERISELVAGGI21ST #7