VIDEO DEL GIORNO – "Chernokids". I figli del nucleare

Contenuto non disponibile
Consenti i cookie cliccando su "Accetta" nel banner"

Chernokids (english subtitles) from Les Chernokids on Vimeo.

 

--------------------------------------------------------------------
IL NUOVO NUMERO DI SENTIERISELVAGGI21st!
--------------------------------------------------------------------

--------------------------------------------------------------------
Chernokids è il corto di diploma realizzato pochi mesi fa da cinque studenti (Marion Petegnief, Matthieu Bernadat, Nils Boussuge, Florence Ciuccoli e Clément Deltour) della prestigiosa Supinfocom (école SUPérieure d'INFOrmatique de COMmunication), accademia francese del cinema d'animazione.

Racconta di quattro ragazzini "mutanti", segnati in maniera irreversibile dalle radiazioni propagatesi dallo scoppio della centrale russa di Chernobyl: Kaleidoscope, che ha 10 occhi distribuiti su tutta la testa, il "dinosauro" T-Rex e una coppia di litigiosi gemelli siamesi.

--------------------------------------------------------------------
I CORSI DI CINEMA AUTUNNALI SCUOLA SENTIERI SELVAGGI

-----------------------------------------------------

Kaleidoscope protagonista di Chernokids

Ma il vero valore aggiunto del breve lavoro dei cinque studenti francesi – in tempi di nuovi disastri nucleari, eppure di minacciato ritorno all'energia atomica – può essere la capacità di mettere in guardia dalla follia umana, rivolgendosi efficacemente, con la stessa voce, agli occhi dei grandi e a quelli dei piccoli.

---------------------------------------------------------------------
SCUOLA DI CINEMA: OFFERTA PER I LAUREATI DAMS e altri per la SPECIALIZZAZIONE

---------------------------------------------------------------------

Chernokids è un ottimo esempio di utilizzo della Computer Graphic, tanto più stupefacente se si considera che si tratta di un lavoro scolastico. La tecnica di animazione rende i personaggi estremamente fluidi nei movimenti e definiti nei tratti somatici. Con fantasia e sensibilità, i cinque giovani autori danno vita a delle creature allo stesso tempo mostruose e buffissime, espressioni di un'estetica che non arretra davanti al Brutto ma al contempo non persegue il pugno nello stomaco.