Vita e morte in bianco e nero

City of Life and Death

È uscito in Cina a fine Aprile e sarà a Hong Kong a Maggio; è il risultato di un lavoro di quattro anni del cinese Lu Chuan (The Missing Gun ), girato in uno splendido bianco e nero, con più di duemila comparse: si chiama Nánjīng! Nánjīng! (City of life and death).
--------------------------------------------------------------
MASTERCLASS DI REGIA ONLINE CON MIMMO CALOPRESTI DAL 5 MARZO

--------------------------------------------------------------

City of life and death, di Lu Chuan

--------------------------------------------------------------
10 ANNI SENZA PHILIP SEYMOUR HOFFMAN 2014/2024

--------------------------------------------------------------

 

 

È uscito in Cina a fine Aprile e sarà a Hong Kong a Maggio; è il risultato di un lavoro di quattro anni del cinese Lu Chuan (The Missing Gun del 2002 e Kekexili: Mountain Patrol del 2004), girato in uno splendido bianco e nero, con più di duemila comparse in un solo giorno: si chiama Nánjīng! Nánjīng! (City of life and death).

Si tratta della storia del massacro di Nanchino, durante la seconda guerra cino-giapponese, nel 1937; tra episodi reali, catturati dalle memorie dei combattenti, e invenzioni, il film segue vari personaggi che tentano di sopravvivere all’orrore.

Secondo Monkey Peaches, il film avrebbe conquistato Harvey Weinstein e Marco Muller (speranze di vederlo al prossimo festival di Venezia?).

 

 

Nánjīng! Nánjīng! (City of life and death), di Lu Chuan – il trailer

 

Il regista Lu Chuan su Nánjīng! Nánjīng! (City of life and death) – sottotitoli in inglese

----------------------------
AUTORI E STILI DI REGIA, UN CORSO ONLINE DELLA REDAZIONE DI SENTIERI SELVAGGI, DAL 27 FEBBRAIO

----------------------------

    ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER DI SENTIERI SELVAGGI

    Le news, le recensioni, i corsi di cinema, la riviste, i libri, gli eventi e tutte le nostre iniziative