Wonder Boys

 


Titolo originale: Wonder Boys
Regia: Curtis Hanson
Sceneggiatura: Steve Kloves dal romanzo di Michael Chabon
Fotografia: Dante Spinotti
Montaggio: Dede Allen
Musica: Christopher Young, Bob Dylan
Scenografia: Jeannine Claudia Oppewall
Costumi: Beatrix Aruna Pasztor
Interpreti: Michael Douglas (Grady Tripp), Tobey Maguire (James Leer), Frances McDormand (Sara Gaskell), Robert Downey jr. (Terry Crabtree), Katie Holmes (Hannah Green), Rip Torn (Q), Richard Knox (Vernon Hardapple), Jane Adams (Oola)
Produzione: Scott Rudin, Curtis Hanson per Scott Rudin Productions/Curtis Hanson Productions/Paramount Pictures
Distribuzione: Warner Bros. Italia
Durata: 112'
Origine: Usa, 2000

--------------------------------------------------------------------
IL NUOVO NUMERO DI SENTIERISELVAGGI21st!

-----------------------------------------------------

Sorpresa: il grande Lebowsky non fa più il disoccupato. È invece un professore d'università, si chiama Grady, è rimasto fermo a un '68 di utopie tutte sue, neppure nei vestiti ha conosciuto un vero e proprio progresso. Solo le donne sono cambiate negli anni, lasciandogli molti rimpianti e qualche camicia da notte dal colore improbabile. Grady è un ex scrittore di successo senza ispirazione e ha un allievo, James, con un sacco di talento. Senza parlare dell'editor che lo insegue da New York per fargli superare il complesso della pagina bianca. Titolo consigliabile questo Wonder Boys, tra i pochi della nuova stagione da non perdere. Per carità, non un grande film ma una commedia ben oliata, con una sceneggiatura pressoché perfetta e una regia funzionale. Il film l'ha scritto non a caso una vecchia conoscenza, Steve Kloves, liberal di Hollywood che ci regalò quel gioiellino di I favolosi Baker. Dietro la macchina da presa Curtis Hanson, che non è un granché ma è furbo a scegliersi i copioni ben fatti, così fa bella figura lui. Certo, da vecchi romantici del cinema americano avremmo preferito che alla fine il nostro Lebowsky, pardon, Grady, non si convertisse al computer ristabilendo l'ordine della pace familiare/esistenziale, ma inutile illudersi: a Hollywood piacciono le storie edificanti. Spunto per dibattito: i fanciulli post-adolescenti Usa sono tutti sciroccati/apatici/cinici/nichilisti. Dal Wes Bentley di American Beauty al Tobey Maguire di Wonder Boys. Da approfondire.
 
p.s. Tra le cose migliori Robert Downey Jr. in una performance sublime e la colonna sonora, con Dylan, Neil Young & C. Un buon antidoto contro Ennio Morricone.

---------------------------------------------------------------------
IL PRIMO NUMERO DI SENTIERI SELVAGGI IN OFFERTA AL 50% NEL MESE DI APRILE

---------------------------------------------------------------------