Zoe Kazan, Exploding Girl

Zoe Kazan in

 

The Exploding Girl di Bradley Rust Gray (Salt, vincitore del Caligari Film Prize a Berlino 2003) ha appena iniziato la sua avventura in sala, per ora solo in Germania. Nel suo primo ruolo da protagonista, la 26enne Zoe Kazan (Revolutionary Road, The Private Lives of Pippa Lee, Me and Orson Welles) nipote del celebre Elia, nei panni di una teenager newyorchese alle prese con il primo amore, interpretazione lodatissima e premiata al Tribeca Film Festival.

 

Il titolo The Exploding Girl è un gioco di parole che allude all'epilessia della protagonista e insieme omaggia The Exploding Boy, un pezzo dei Cure, presente sul lato b del singolo In Between Days – che a sua volta è il titolo di un precedente lavoro di Bradley Rust Gray e della moglie coreana, a sua volta filmaker e produttrice, So Yong Kim.

 

Il direttore della fotografia chiamato a illuminare con una luce estiva e avvolgente una New York digitale (ennesimo film che ha scelto la Red camera) è Eric Lin, mentre del suono si è occupato Michael Sterkin, fondendo aerei, uccelli, traffico urbano e frammenti di conversazione.

 

The Exploding Girl (trailer) è stato ospite lo scorso anno di vari festival internazionali, tra cui la Berlinale e in Italia il torinese Sottodiciotto.

 

Il regista statunitense ha sempre in cantiere Jack & Diane, storia d'amore e contagio alla Black Hole tra due ragazze in cui il desiderio sessuale scatena la licantropia (inizialmente Olivia Thirlby e Ellen Page, ora sostituite – la seconda da Juno Temple). Un progetto che coinvolgeva alcuni collaboratori d'eccezione: per gli effetti speciali i Quay Brothers e Gabe Bartalos (collaboratore di Matthew Barney in Cremaster e Drawing Restraint 9) e i Múm per la colonna sonora.