Da Gianfranco Rosi ad Alex Gibney

USA, Palestina, mondo arabo il 1 aprile a Bologna
--------------------------------------------------------------
CORSO ESTIVO DI CRITICA CINEMATOGRAFICA DAL 15 LUGLIO

--------------------------------------------------------------
“Come Hollywood calunnia un popolo”. Recita così il sottotitolo di Reel Bad Arabs di Sut Jhally, carrellata sul cinema americano dalle origini a oggi e sul suo rapporto con quello che George W. Bush ha eletto a maggior nemico degli Stati Uniti: il mondo arabo. Salvo poi tacere delle tecniche di repressione messe in atto dopo l’11 settembre in Afghanistan e in Iraq. Ma per fortuna c’è chi su queste cose non tace, come il regista Alex Gibney, autore di Taxi to the Dark Side. Sono questi alcuni dei titoli della giornata di mercoledì 1° aprile del festival Human Rights Nights (fino al 5 aprile a Bologna e Forlì, www.humanrightsnights.org), che si aprirà alle ore 18 con un altro importante documento, Anna, 7 Years on the Frontline, dedicato alla giornalista Anna Politkovskaya, che verrà presentato al Cinema Lumière da Riccardo Noury di Amnesty International. Alle ore 18.30 sarà la volta di Reel Bad Arabs, mentre alle ore 19.45 è in programma Below Sea Level, documentario di uno degli autori più attesi al festival, Gianfranco Rosi, che incontrerà il pubblico al termine della proiezione. Molto apprezzato a Venezia, dove era presente nella sezione ‘Orizzonti’, Below Sea Level è frutto di un incredibile lavoro durato quattro anni, durante i quali Rosi a vissuto a stretto contatto con la realtà che ha filmato, quella di una comunità di diseredati che vive nel New Mexico a 250 chilometri da Los Angeles, in una base militare abbandonata, a quaranta metri sotto il livello del mare.
Slingshot Hip Hop di Jackie Reem Salloum (ore 20.30) ci porta invece a Gaza e in Cisgiordania, alla scoperta di un fenomeno sorprendente come quello della scena hip hop palestinese. A chiudere la giornata di mercoledì 1° aprile, alle ore 22.30, c’è Taxi to the Dark Side, Oscar nel 2007 per il miglior lungometraggio documentario, spietato resoconto delle tecniche di tortura dell’esercito statunitense, a partire dall’omicidio di un tassista afgano nel 2002, picchiato a morte dai soldati americani.
----------------------------
SCUOLA DI CINEMA TRIENNALE: SCARICA LA GUIDA COMPLETA!

----------------------------

    ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER DI SENTIERI SELVAGGI

    Le news, le recensioni, i corsi di cinema, la riviste, i libri, gli eventi e tutte le nostre iniziative