FESTIVAL DI ROMA 2014 – Incontro con Kevin Costner per Black and White

 

L'attore è a Roma per presentare Black and White, dove interpreta il ruolo di un avvocato rimasto vedovo che si scontra con le difficoltà di crescere la sua nipotina nata da una relazione interraziale. All’incontro ha parlato dei problemi finanziari legati al film e di cosa lo ha colpito della sceneggiatura.

 

FESTIVAL DI ROMA 2014 - Black and White, di Mike Binder (Alice nella città/Gala)

Tornano a lavorare insieme Costner e Binder a dieci anni di distanza di Litigi d'amore. E ne viene fuori un altro film di sconvolgente intensità dove l'attore sembra proiettarsi verso quell'integrità morale di Spencer Tracy. Felicemente sospeso tra tragedia e commedia, un film sul 'ricominciare a vivere' ma anche dal solido impianto processuale

FESTIVAL DI ROMA 2014 – Biagio, di Pasquale Scimeca (Cinema d’Oggi)

È la storia vera di un missionario laico, Biagio, e della sua radicale scelta di vita, vivere da eremita sul Monte Grifone, spogliandosi d’ogni bene, per poi seguire i passi di San Francesco d’Assisi. Ancora una volta l’autore compie il miracolo di amalgamare il verismo narrativo con il realismo visivo sulla terra e sugli uomini. Il cinema è nebbia difficile da diradare, senza ignorare il significato e la rappresentazione dell’esistere  

FESTIVAL DI ROMA 2014 – Haider, di Vishal Bhardwaj (Mondo genere)

haider

Bhardwaj non ha paura di nulla e si fa carico di tutto, del peso del testo, della fama dei suoi interpreti, della grandezza dell'apparato produttivo, per piegarlo alla sua visione magnifica e sanguinaria. Trasforma il dubbio amletico del suo protagonista in un discorso politico sull'ingannevole anima di un paese intero, che professa l'apertura della modernità, ma non sa rinunciare alla barbarie della corruzione e della repressione

Un milione di modi per morire nel West, di Seth MacFarlane

MacFarlane ne è sicuro, è sicuro di trovare in qualcuno oltre lo schermo il complice di questo suo scenario fantasmatico. Perché MacFarlane è questo, un sognatore. Che fa sogni ingialliti, polverosi, che sono ricordi e memorie, che potrebbero essere il musical di Broadway Oklahoma! o la nuova stagione de I Flintstones

Blu-ray – Bodyguards and assassins, di Teddy Chan

bodyguards and assassinsFar East Film e CG Home Video curano l'edizione Blu-ray di Bodyguards and Assassins, presentato alla dodicesima edizione dell’Udine FAR EAST Festival. Teddy Chan, veterano dell’industria cinematografica hongkonghese, ha impiegato dieci anni per riuscire a portare sul grande schermo la caduta dell’Impero Qing

FESTIVAL DI ROMA 2014 - Biagio. Incontro con Pasquale Scimeca

E' stato presentato questa mattina nella sezione Cinema d'oggi del Festival di Roma, Biagio, il nuovo film di Pasquale Scimeca. Il regista siciliano ha raccontato la vita del missionario laico Biagio Conte (interpretato da Marcello Mazzarella), una delle personalità più amata in Sicilia per il suo impegno nel sociale. Il regista, particolarmente coinvolto nei temi della sua pellicola, ha parlato dell'importanza morale del messaggio di Biagio.

News

DR. WHO al Lucca Comics&Games
Due episodi della prossima serie proiettati in anteprima.
Titta Benzi muore all'età di 94 anni
 Amico di Fellini, preso a modello per Titta Biondi di Amarcord
FESTIVAL DI ROMA 2014: il pubblico protagonista
Gli spettatori decideranno i film vincitori della 9° edizione 
Isabelle Huppert presiederà la giuria del Festival di Marrakech
Dal 5 al 13 dicembre al via la 14° edizione
Adriano Valerio vince il contest della sezione Cinema della BiennaleMarteLive
Il corto 37°4S, era già stato premiato a Cannes e ai David di Donatello
A qualcuno piace classico - IV edizione
Si comincia il 28 ottobre alle 21
Francesco Nuti in ospedale
Caduto dalla sedia a rotelle.
Festival di Roma: Il Postino in versione restaurata
Domenica 26 ottobre 
Annabelle film dell’anno per la Warner Bros
Superati i 150 milioni al box office mondiale.
Scemo & + scemo 2 in arrivo!
In sala il 3 dicembre

Cerca nel sito

Cerca nel sito

UNKNOWN PLEASURES - The Asian Connection


Dieci appuntamenti tutti dedicati ai mille modi di fare cinema e alle mille appartenenze della produzione orientale. Insieme ad ospiti e partecipazioni come quella con gli amici di AsianWorld.it, dieci proiezioni inedite a INGRESSO GRATUITO nella nostra sede di via Carlo Botta 19 a Roma, il giovedì alle h 20.30, con introduzione critica. A partire dal 25 settembre

FESTIVAL DI ROMA 2014 - SentieriSelvaggi intervista Roan Johnson


Sentieri Selvaggi incontra Roan Johnson, che torna al Festival di Roma dopo I primi della lista, con un'altra storia corale di amicizia e sogni di evasione, Fino a qui tutto bene, racconto degli ultimi giorni di convivenza in un appartamento sottosopra di un gruppo di cinque amici che sta per lasciare Pisa

FESTIVAL DI ROMA 2014 - SentieriSelvaggi intervista Marco Risi


Sentieri Selvaggi incontra Marco Risi, al Festival di Roma nella sezione Gala con il suo ultimo Tre Tocchi, nuovo esperimento corale tra finzione e realtà nella carriera dell'autore di Mery per sempre, Ragazzi Fuori, L'ultimo capodanno: "un metodo che ricorda il Robert Altman di Nashville..."

San Marino IFF: omaggio a Giulietta Masina.

A vent’anni dalla sua morte e a sessanta dall’uscita del film premio Oscar La Strada, il San Marino International Film Festival dedica una mostra fotografica ed un reading alla grande attrice Marina Massironi.

The Incredibly Strange Film Show, focus su David Lynch

Eraserhead

Un viaggio metafisico che si condensa in 52 minuti in cui si approfondisce la visione delle opere di David Lynch

Ron Howard a Firenze per Inferno


Ieri sera era in città a studiare le location possibili per Inferno, il prossimo film basato sull’omonimo libro di Dan Brown le cui riprese inizieranno nella primavera del 2015. Nel cast, oltre a Tom Hanks, possibili le presenze italiane di Pierfrancesco Favino e, addirittura, Roberto Benigni

 

FESTA FRANÇOIS TRUFFAUT - La vie en fuite


È passato ormai un mese da quando è iniziata la nostra riscoperta del cinema di François Truffaut. Un viaggio appassionante che ci ha fatto innamorare di nuovo del suo cinema, riscoprirne il valore intatto, rivalutare gioielli perduti, ritrovare un amico. Lo salutiamo allora, nell'anninversario della sua morte, con un ricordo non critico, ma personale. Ciao François. Le cinéma règne

FESTIVAL DI ROMA 2014 - "Dal fumetto al film: Marvel e Guardiani della Galassia"

In occasione della proiezione dell’attesissimo Guardiani della Galassia di James Gunn, si è tenuto a Casa Alice un convegno sul film per svelare le curiosità dell’universo Marvel e l’evoluzione dei personaggi dal fumetto al grande schermo

 
 

FESTA FRANÇOIS TRUFFAUT – Finalmente domenica!

Quell’inquadratura di notte sulle luci della città, tremolante, instabile, proietta lo sguardo più che verso l’inconscio, verso l’incognito leopardiano. L’ultimo lungometraggio di Truffaut è una commedia investigativa su un lungo viaggio, mai interrotto, sporgendosi allegramente dai finestrini a cercare di cogliere frammenti e schegge di immagini. E il settimo giorno riposò...  

FESTA FRANÇOIS TRUFFAUT - Truffaut/Doinel/Léaud

Il ciclo Doinel è un'anomalia apparente: in vent'anni, dal 1959 al 1979, Truffaut lo segue, in cinque film, col suo sguardo stupito, perplesso, vago. E si gode la possibilità di praticare un cinema pienamente soddisfacente, che si confonde col corpo del regista e che è, definitivamente è, la voce di Truffaut.

 
 

FESTA FRANÇOIS TRUFFAUT – La signora della porta accanto

la signora della porta accanto
Abbiamo incontrato Odile Jouve, al suo circolo di tennis, vicino a Grenoble. Non è affatto cambiata, il suo è sempre lo stesso volto trasparente che porta impressa l’immagine delle passioni che ha vissuto e che ha raccontato. «Ma alla fine», ci spiega, «non c’è vera differenza, le storie del cinema hanno bisogno della vita e per vivere c’è bisogno delle storie del cinema»

FESTA FRANÇOIS TRUFFAUT - L'ultimo metrò

dernier-metro-1980-08-g.jpg (512×365)

La Storia, Il Teatro e ancora l’Amore. Truffaut, nonostante abbia salutato il suo amico di sempre Antoine, decide anche con questa nuova pellicola di portare sul grande schermo una nuova parte di sè. Ritornando alle ambientazioni della sua infanzia il regista sceglie la storia de L'ultimo metrò per ribadire il significato fondante del suo Cinema: la nostra unica arma è amarci. 

 
 

FESTIVAL DI ROMA 2014 - Incontro con Richard Gere per Time out of Mind

Time out of mind

Accolto da una numerosa folla, è stato solo l’attore Richard Gere, in questo caso anche produttore, a presentare il film Time Out of Mind, diretto e scritto da Oren Moverman, che vede l’attore negli inediti panni di un senzatetto.

FESTIVAL DI ROMA 2014 - Incontro con Wim Wenders

4af8a35c317949f379631a9eba539baf.jpg (640×441)
Dopo Takashi Miike e Stephen Daldry, arriva all'Auditorium-Parco della Musica anche il regista Wim Wenders, pronto a presentare al pubblico romano, il suo ultimo documentario Il sale della terra, lavoro sull'opera del fotografo Sebastiao Salgado, co-diretto insieme al figlio Juliano. In un'affollata Sala Sinopoli, il regista tedesco, accompagnato da alcune clip della sua opera, ha parlato del suo rapporto con la fotografia e della forza della figura del fotografo.
 

 
 

LIBRI DI CINEMA – “Il nuovo cinema di Hong Kong – Voci e sguardi oltre l’handover”

Proseguendo il lavoro svolto da quegli studi che hanno fatto conoscere al pubblico italiano le caratteristiche della produzione cantonese, questo corposo ed estremamente esaustivo saggio affronta l’evoluzione di una cinematografia strettamente condizionata da un evento politico – il ritorno di Hong Kong alla Cina dopo oltre un secolo di dominio britannico – per raccontare le innumerevoli forme in cui essa ha continuato a moltiplicarsi e diffondersi, alla ricerca di un’identità chiamata a rinnovarsi continuamente.

The Judge, di David Dobkin


Ottimo film di David Dobkin che devia dalle sue tradizionali commedie ma continua ad indagare lo scontro tra “due archetipi maschili”. Il viaggio privato di un figlio immerso nei codici ferrei del genere che derivano dal padre: eccolo qua il cinema americano più classico. Un film che, al netto di evidenti meccanicità, si regge su una dirompente sincerità nei rapporti umani e su un Robert Duvall monumentale

FESTIVAL DI ROMA 2014 – Largo Baracche, di Gaetano di Vaio e Ore 12, di Toni D'Angelo (Prospettive Italia)


Largo Baracche è probabilmente l'oggetto più rappresentativo dell'idea produttiva e del concetto stesso alla base del progetto “Figli del Bronx”, nella sua commistione tra l'animo documentaristico e le sequenze ricostruite in maniera che pare spontanea, venuta fuori lì davanti alla videocamera. Ad un livello diametralmente opposto lavora Ore 12, una esplosiva lezione di genere purissimo tra John Woo e Sam Peckinpah musicati da Nino D'Angelo

 

Jean-Pierre Jeunet presenta Lo straordinario viaggio di T.S. Spivet al Festival del Cinema di Roma

La pellicola del cineasta francese verrà proiettata domani nella sezione Alice nella Città. Dopo la proiezione il regista terrà una masterclass con il pubblico.

Storm Children - Book One: Il nuovo documentario di Lav Diaz

Storm Children: Book One

L'ultima fatica del regista filippino farà parte del programma del Copenhagen International Documentary Film Festival (CPH: DOX), che si svolgerà a novembre.

Box Office USA

Fury ha tolto il primato a Gone Girl e ha occupato la vetta con venticinque milioni di dollari. Il war-movie di David Ayer dovrebbe ottenere il minimo indispensabile che il nome di Brad Pitt poteva garantire. Le aspettative erano leggermente superiori soprattutto alla luce di un budget consistente. Il film di David Fincher è ancora in ottima forma e sta per centrare tutti i suoi obbiettivi: il record personale del regista sta per vacillare e anche Ben Affleck potrebbe migliorare il pluripremiato exploit di Argo.

 

Box Office ITALIA

La marcia di Lucy di Luc Besson ha avuto un altro week-end di gloria dopo il brillante esordio della settimana scorsa. Il thriller con Scarlett Johansson ha conservato il primo posto con più di un milione e mezzo di euro e ha surclassato un nutrito contingente di new entry. Il suo cumulativo ha raggiunto con agilità i cinque milioni e potrebbe anche insidiare il primato stagionale di Dragon Trainer 2. Il resto della classifica è rimasto a guardare con Annabelle che è andato meglio di Sin City - Una donna per cui uccidere.

 

 
 

Boyhood, di Richard Linklater


Racconta senza picchi della serialita’ di cui sono innervati i ricordi, le pagine tutte uguali degli album delle fotografie: e’ struggente perche’ ognuno di noi crede di poter fare un film dalla propria autobiografia, quando in verita’ il massimo che riusciremmo a cavarne fuori e' un film del Sundance. Orso d'Argento per la regia alla 64° Berlinale

Guardiani della Galassia, di James Gunn

Penultimo capitolo della “Fase Due” del Marvel Cinematic Universe, Guardiani della Galassia è un passo in avanti verso la diversificazione e la stratificazione esponenziale dei blockbuster Marvel, un cono d’ombra sostanzialmente altro alla narrazione seriale supereroistica messa in piedi dall’oramai lontano 2008 del primo Iron Man

Tutto può cambiare, di John Carney

Cinema semplice e diretto che, proprio come una ballata, punta dritto verso i sentimenti e le emozioni, Tutto può cambiare è la storia di un incontro, quello di Mark Ruffalo e Keira Knightley, in una New York fatta di vicoli laterali, panchine e bicchieri di bourbon, mentre, cantando una canzone, ci si perde nelle macerie lasciate indietro dalla vita