DVD – Francesco giullare di Dio, di Roberto Rossellini

francesco giullare di dioAnno: 1950 
Durata: 83’
Distribuzione:  Medusa
Cast: frà Nazario Gerardi, Aldo Fabrizi, padre Roberto Sorrentino, Annabella Lemaitre

Regia: Roberto Rossellini
Formato DVD/Video: 1.33:1 ottimizzato per TV 4:3
Audio: Italiano mono 
Sottotitoli: Italiano
Extra: Presentazione di Maurizio Porro, Documentario Cinema Forever, Prima e dopo il restauro
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 

IL FILM

Come sufi in estasi mistica, dervisci di un dio buono che si è fatto uomo, i fratelli di Francesco girano su se stessi per poi lasciarsi cadere a terra, in modo che una forza maggiore indichi la direzione in cui portare il messaggio di un uomo ancora giovane e già santo per chi lo segue. 
francesco giullare di dioIn Francesco giullare di Dio Roberto Rossellini sceglie un neorealismo talmente esasperato da diventare mistico. C'è la natura, ci sono i corpi, e ancora gli alberi e pochi oggetti: le vesti dei frati, poco importanti da poter essere donate ai poveri, una cappella di pietra.
La trascendenza del divino si incarna nei 'protagonisti presi dal popolo' con la sola eccezione di Aldo Fabrizi nel ruolo di un tiranno che tanto ricorda il mangiafuoco di Pinocchio. Forse non c'è (non ci sarà) infatti poi molta differenza tra il burattino attratto dal mondo dei balocchi e il frate Ginepro che sorride in punto di morte e che si dona a dio. Ci si affida per tutto a un dio padre/madre, che aiuta nella vita pratica, che permette ai frati di trovare per strada gli oggetti di cui hanno bisogno. Basta volerlo e chiederlo.
Il film ripercorre, procedendo per episodi di vita quotidiana, la vicenda del santo: dalla prima comunità francescana al viaggio a Roma, passando per l’amicizia con Santa Chiara. Sono undici in totale gli episodi tratti da I Fioretti di San Francesco e Vita di Frate Ginepro. Probabilmente il più affascinante è quello, senza parole, dell'incontro tra Francesco e il lebbroso: Rossellini sale in cielo, gira intorno ai volti e all’architettura (naturale, in questo caso) ricordando La passione di Giovanna d’Arco di Dreyer.  
Ciò che colpisce del film è l’inaspettato, il confine tra la santità e la folle incomprensibilità di un gruppo di uomini che sceglie la povertà più estrema, mossi da una forza inspiegabile che somiglia a tutto fuorché alla religione e ai santi che siamo abituati a conoscere e a vedere. Nella messa in scena di ciò realismo e austerità finiscono per sfociare nella poesia più assoluta, che incanta soprattutto nelle scene di gruppo e di movimento.
È facile pensare che Pasolini ne trarrà ispirazione per il Vangelo secondo Matteo e per Uccellacci e Uccellini.
 
 
  
francesco giullare di dioIL DVD
Il DVD, che fa parte della serie Cinema Forever di The Mediaset Collection distribuito da Medusa, è la versione restaurata del film, visivamente di grande impatto, soprattutto per le scene di gruppo. A tal proposito, è presente nei contenuti extra un video intitolato “prima e dopo il restauro” che mostra le differenza con la versione precedente. Negli extra è presente anche una presentazione del critico Maurizio Porro e un documentario sul film e i suo contesto realizzato per la serie Cinema Forever. Il dvd è racchiuso in un cofanetto, al suo interno contiene un libretto che presenta il film e i titolo dell’intera serie Cinema Forever.