FILM IN TV – "Rivelazioni" , di Barry Levinson

Nelle mani sicure di Barry Levinson, ottimo direttore d’attori, il film scorre su binari veloci, a tratti incalza, e nelle scene più scottanti non è mai banale. Giovedì 6 marzo Retequattro ore 23.40

--------------------------------------------------------------
MASTERCLASS DI REGIA ONLINE CON MIMMO CALOPRESTI DAL 5 MARZO

--------------------------------------------------------------
Saldamente costruito sul romanzo di Micheal Crichton e sulla sceneggiatura di Paul Attanasio, la regia di Barry Levinson (Rain Man, Sesso e Potere, L’uomo dell’anno) riprende in mano i saldi principi del genere cinematografico, qui siamo in zona legal-thriller, orchestrando superbamente cast e trama. Tom Sanders (Micheal Douglas) responsabile del settore produzione della Digicom, azienda leader nell'informatica, ha tutte le carte in regola per ambire alla carica di vice presidente. Ma sulla sua strada trova l’ambiziosa Meredith Johnson (Demi Moore) con la quale in passato ha avuto una focosa relazione. La black dalia cerca con la scusa di un incontro di lavoro di rispolverare i vecchi tempi con Tom, che però interrompe il focoso incontro senza andare oltre. L’abile manovratrice lo coinvolgerà in un accusa di tentata violenza ai suoi danni spalleggiata dal direttore generale, Bob Garvin (Donald Sutherland). Tom si ritroverà isolato nel lavoro e costretto a difendersi da false accuse e misteriosi manovre ai suoi danni. Tra sabotaggi e omissioni solo un misterioso "amico" gli inviaerà messaggi sul computer avvisandolo della ragnatela dalla quale dovrà districarsi. La bellezza dirompente e allo stesso tempo ossessiva di Demi Moore con la sua fortissima carica sessuale irrompe in molte scene castrando, in senso metaforico, l’immagine della sua vittima, Micheal Douglas. I ruoli si ribaltano, nello spazio filmico il personaggio da sempre in mano alla mascolinità viene declassato a preda da eliminare, senza scrupoli o freni. L’innocente Tom dovrà respingere accuse e infamie sobbarcandosi millenni di abusi sessuali, e far saltare l’abile progetto architettato dalla mente diabolica di una dominatrice dal viso angelico. Nelle mani sicure di Barry Levinson, ottimo direttore d’attori, il film scorre su binari veloci, a tratti incalza, e nelle scene più scottanti non è mai banale. Sarà per il corpo di Demi Moore o per le atmosfere vagamente oniriche del sesso sul luogo di lavoro, ma il film non cade mai nel già visto. Nel finale la zampata ammiccante delle musiche di Ennio Morricone.
 
 
Titolo originale: Disclosure
Regia: Barry Levinson
Interpreti: Demi Moore, Micheal Douglas, Donald Sutherland, Caroline Goodall
Durata: 128’
Origine: Usa, 1994
Giovedì 6 marzo ore 23.40 Retequattro
----------------------------
CORSO DI SCENEGGIATURA CON FRANCO FERRINI, DAL 12 MARZO!

----------------------------

    ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER DI SENTIERI SELVAGGI

    Le news, le recensioni, i corsi di cinema, la riviste, i libri, gli eventi e tutte le nostre iniziative