9/6/2008 – Guy Maddin vola in Kansas per salvare il cinema

Nel suo nuovo progetto Death of the Reel. Intanto arrivano trailer e foto di My Winnipeg, altro esperimento del regista canadese.

GALLERIA FOTOGRAFICA. VIDEO

--------------------------------------------------------------
INTELLIGENZA ARTIFICIALE PER LA POSTPRODUZIONE, CORSO ONLINE DAL 17 GIUGNO

--------------------------------------------------------------

 

--------------------------------------------------------------
CORSO ESTIVO DOCUMENTARIO DAL 24 GIUGNO!

--------------------------------------------------------------

My Winnipeg - poster

-------------------------------------------------------
LA SCUOLA DI DOCUMENTARIO DI SENTIERI SELVAGGI

-------------------------------------------------------
Guy Maddin, uno dei filmaker contemporanei più originali e apprezzati del panorama mondiale, torna con il trailer di My Winnipeg, il suo ultimo film, un docu-fantasia interpretato da Ann Savage, la Vera di Detour, capolavoro di Edgar G. Ulmer del 1945. Durante un incontro in un Apple Store di New York (qui il video) Maddin ha dichiarato, presentando il suo film,  che considera la Savage una madre spirituale, “letteralmente la femme fatale più spaventosa nella storia del cinema”. My Winnipeg, che mescola autobiografia e momenti onirici nello stile originale del regista, conosciuto anche per le sue collaborazioni con Isabella Rossellini (The Saddest Music in the World My Dad is 100 Years Old, Brand Upon the Brain!) è stato premiato come miglior film canadese al Toronto Film Festival 2007 ed è stato proiettato tra Aprile e Maggio al Tribeca Film Festival 2008dovrebbe avere una distribuzione in USA, per quanto limitata, dal 13 Luglio.

----------------------------
UNICINEMA QUADRIENNALE:SCARICA LA GUIDA COMPLETA!

----------------------------

Nel frattempo è in postproduzione un altro progetto: Death of the Reel, co-diretto con Benjamin Meade, autore di pellicole come Bazaar Bizzarre, su uno dei più feroci serial killer americani (con James Ellroy come produttore esecutivo), American Stag (sui film amatoriali a luci rosse degli anni '20), The Final Word (documentario su Stan Brakhage), e Vakvagany, film di culto che segue la storia di una famiglia ungherese.

 

Death of the Reel, con lo stesso Maddin, Lydia Lunch e Lloyd Kaufman (fondatore e presidente della Troma) come narratori, racconta la storia del filmaker Guy Maddin Death of the Reel(che interpreta se stesso) impegnato nella vana impresa di salvare il cinema, dopo aver letto su in un bar di Winnipeg, la sua città natale, un articolo di giornale che dichiara la morte del cinema negli Stati Uniti… i giovani americani sono stati evidentemente zombificati dai loro IPhone e IPod, e Guy Maddin vola a Kansas City, Missouri, con lo scopo di salvare ad ogni costo la celluloide. La colonna sonora sarà del celebre ensemble di "musica per film muti" Alloy Orchestra.

Un secondo progetto di Maddin, in stallo da molto tempo, è Os Invisíveis, film collettivo che dovrebbe vedere coinvolti anche Fernando E. Solanas (La Nube), Jerzy Stuhr, Leon Cakoff (Welcome to São Paulo), Manoel de Oliveira e Evaldo Mocarzel, con Abbas Kiarostami tra gli interpreti. (m.p.)

 

 Il trailer di My Winnipeg di Guy Maddin

 

Se rimosso, visibile qui

 

Guy Maddin su My Winnipeg al Tribeca Film Fest 2008

 

----------------------------
SCUOLA DI CINEMA TRIENNALE: SCARICA LA GUIDA COMPLETA!

----------------------------

    ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER DI SENTIERI SELVAGGI

    Le news, le recensioni, i corsi di cinema, la riviste, i libri, gli eventi e tutte le nostre iniziative