Almanya – La mia famiglia va in Germania

AlmanyaTitolo originale: Almanya – Willkommen in Deutschland
Interpreti: Denis Moschitto, Arnd Schimkat, Fahri Ögün Yardim, Petra Schmidt-Schaller, Aylin Tezel
Origine: Germania 2011
Distribuzione: Teodora Film

---------------- inserzione pubblicitaria ---------------

---------------------------------------------------------------
Durata: 97'

---------------- inserzione pubblicitaria ---------------

----------------------------------------------------------------

Hüseyin Yilmaz  (Vedat Erincin) ha una moglie e tre figli da mantenere, ma non è un'impresa facile nella Turchia degli anni ’60. Per caso scopre che in Almanya (in Germania) si cercano lavoratori e così senza pensarci parte alla volta della Repubblica Federale Tedesca. Poco tempo dopo porta con sé la sua famiglia, la quale rimarrà affascinata dalla tecnologia e dal benessere dell'occidente. Dopo una vita di sacrifici, Hüseyin riesce finalmente a realizzare il sogno di comprare una casa nella sua patria e ora vuole farsi accompagnare fin lì dalla sua famiglia, con la speranza di far ritrovare a figli e nipoti la loro vera identità. Per la famiglia Yilmaz comincia un viaggio di scoperte e riscoperte nella terra delle loro origini, ma che di fatto non conoscono.

Campione d’incassi in patria, con oltre 11 milioni di euro al box office, la pellicola è stata presentata con successo all’ultimo Festival di Berlino. Diretta dall'esordio alla regia Yasemin Samdereli e sceneggiata a quattro mani con la sorella Nesrin, entrambe di origine turca, ma nate in Germania. Yasemin Samdereli dichiara:" Nella sceneggiatura abbiamo inserito molti aneddoti della nostra giovinezza, ad esempio il nostro ardente desiderio del Natale. Per noi era una tortura vedere i nostri amici tedeschi mostrare orgogliosamente i loro regali e raccontarci le tradizioni natalizie, con l’albero e tutto quel buon cibo. Una volta abbiamo costretto nostra madre a organizzare una festa di Natale, ma è il risultato è stato un flop totale." La sceneggiatura è frutto di un lungo e difficile processo e le due sceneggiatrici hanno lavorato separatamente su diverse scene.
 

---------------- inserzione pubblicitaria ---------------

---------------------------------------------------------------

(M.C.)

Contenuto non disponibile
Consenti i cookie cliccando su "Accetta" nel banner"