Atom Egoyan. Ritratto di coppia con squillo

Chloe, un film di Atom Egoyan

Dopo Adoration, presentato a Cannes 2008 dove ha vinto il Premio della Giuria, Atom Egoyan sarà al TIFF 2009 nella sezione Gala Presentations con il suo nuovo film Chloe: “un thriller focalizzato sul lato oscuro delle relazioni umane: infedeltà, sospetto, illusioni”

Chloe, di Atom Egoyan

--------------------------------------------------------------------
UNICINEMA – UNA NUOVA IDEA DI UNIVERSITÀ

--------------------------------------------------------------------

Dopo Adoration, presentato a Cannes 2008 dove ha vinto il Premio della Giuria, Atom Egoyan sarà al TIFF 2009 nella sezione Gala Presentations con il suo nuovo film Chloe: “un thriller focalizzato sul lato oscuro delle relazioni umane: infedeltà, sospetto, illusioni”, temi non nuovi al cinema del regista armeno. Stavolta però si tratta di un remake.
Nei panni di Catherine, la dottoressa che si interroga sulla fedeltà del proprio marito fino ad assoldare una escort per tentare di comprendere la natura dei suoi desideri, c’è Julianne Moore (Blindness, The Private Lives of Pippa Lee, A Single Man, esordio alla regia di Tom Ford da un romanzo di Christopher Isherwood, che vedremo a breve a Venezia). La giovane e irresistibile ragazza ingaggiata per testarlo è interpretata da Amanda Seyfried (Jennifer’s Body).
A interpretare David, insegnante di musica, il marito messo alla prova, c’è Liam Neeson, che vedremo anche nei panni di Lincoln per Spielberg, in Clash of the Titans di Leterrier e nel curioso After.Life accanto a Christina Ricci. L’attore irlandese è stato recentemente colpito proprio durante le riprese di questo film dalla perdita della moglie, anch’essa attrice, Natasha Richardson, per un banale incidente di sci.
Lo script è opera di Erin Cressida Wilson (Secretary, Fur).
Le musiche come sempre di Mychael Danna, che recentemente si è occupato anche di The Imaginarium of Dr. Parnassus.
Producono la Montecito di Ivan Reitman e Studio Canal.
Chloe, girato a Toronto, è stato annunciato come remake di un non esaltante film francese del 2003: Nathalie, thriller del 2003 diretto da Anne Fontaine, in cui la moglie committente era Fanny Ardant, la bionda tentazione Emmanuelle Béart e il marito tentato Gérard Depardieu.

------------------------------------------------------------------------
IL NUOVO NUMERO DI SENTIERISELVAGGI21ST #8


2 commenti

  • Avatar

    In realtà Adoration non ha vinto proprio nulla…il premio della giuria lo ha vinto Il divo..

  • Avatar

    Adoration ha vinto il Premio della Giuria Ecumenica. Grazie comunque della segnalazione…