Biografilm Festival a Roma

Biografilm Festival a RomaBiografilm Festival – International Celebration of Lives, il celebre festival del documentario giunto a nove edizioni a Bologna, da quest’anno arriva a Roma, con una selezione dei migliori documentari biografici italiani e internazionali. L’edizione speciale del Biografilm si terrà all’Ambra alla Garbatella (Piazza Giovanni da Triora, 15) dal 26 al 30 settembre con una proposta di 4 proiezioni giornaliere.

 

---------------- inserzione pubblicitaria ---------------
----------------------------------------------------------------

Per l’edizione capitolina del festival è previsto un omaggio a Gianfranco Rossi, vincitore del Leone d’Oro a Venezia 2013 con Sacro Gra. Il 27 Settembre verranno proiettati due lavori precedenti: Below Sea Level, vincitore del Biografilm Award nel 2008 e Tanti futuri possibili, lavoro del 2012 sulla figura di Renato Nicolini. Nello stesso giorno è previsto un incontro del regista con il pubblico.

 

All’interno del ricco programma segnaliamo l’ultimo lavoro del grande documentarista americano Errol Morris, The Unknown Known, in cui l’ex Segretario della Difesa degli Stati Uniti Donald Rumsfeld racconta i retroscena della guerra in Iraq e dei suoi cinquant’anni di potere. Sempre in ambito politico troviamo il documentaro The Gatekeepers di Dror Mohrer, film di grande successo in America e Francia costituito dalle interviste a sei ex capi dei servizi segreti israeliani. Ricordiamo inoltre Pussy Riot – A Punk Prayer di Mike Lerner e Maxim Pozdorovkin, sulle gesta di protesta delle quattro musiciste russe che hanno scandalizzato la Russia e Ukraine is not a brothel, di Kitty Green, che invece segue le azioni del gruppo femminista ucraino Femen.

 

Fra gli altri appuntamenti imperdibili segnaliamo Sugar Man, di Malik Bendjelloul, vincitore del premio Oscar® 2013 come Miglior documentario, sulla storia del cantautore Sixto Rodriguez; The Act of Killing, prodotto da Werner Herzog e Errol Morris, diretto da Joshua Oppenheimer, dove i responsabili di uno dei più brutali genocidi della storia dell’umanità reinscenano i loro atti criminali; The Pervert’s Guide to Ideology, in cui il filosofo sloveno Slavoj Žižek torna a collaborare con la regista Sophie Fiennes dopo The Pervert’s Guide to Cinema: attraverso l’analisi psicanalitica di alcuni dei più importanti film della storia del cinema, il filosofo analizza il ruolo che le immagini hanno nella costruzione delle ideologie che dominano la nostra realtà.

Per maggiori informazioni: http://www.ambragarbatella.com/ – http://www.teatroambra.it/ – http://www.biografilm.it/