Cinema degli eccessi: Andrea Guaia in libreria

Disponibile da marzo, il primo libro dello yuotuber e critico cinematografico, edito da Eris, è un viaggio alla volta del disturbante e del concetto di sensation seeking

--------------------------------------------------------------
INTELLIGENZA ARTIFICIALE PER LA POSTPRODUZIONE, CORSO ONLINE DAL 17 GIUGNO

--------------------------------------------------------------

Andrea Guaia, youtuber (@ShivaProduzioni) e “finto” critico cinematografico classe 1988, è pronto a sbarcare in libreria. E per farlo ha scelto un approccio tutt’altro che soft. Cinema degli eccessi. I 100 film più estremi della storia del cinema è infatti il titolo – disponibile da marzo – di questa sua prima opera. E, grazie ad Eris edizioni, permetterà a tutti gli appassionati di tuffarsi nell’esplorazione di quanto più scabroso, disgustoso o violento è stato prodotto dalla settima arte.

--------------------------------------------------------------
CORSO ESTIVO DOCUMENTARIO DAL 24 GIUGNO!

--------------------------------------------------------------

Conosciuto per le sue analisi cinematografiche e vero e proprio appassionato del “disturbante”, Guaia e il suo libro rappresentano oggi, per ammissione stessa della casa editrice, un intrigante punto d’incontro tra il medium cartaceo e quello filmico, nonchè l’occasione per Eris, di continuare a “navigare in mari inesplorati, profondi e bui per portare a galla quello che gli altri non vedono”.

----------------------------
UNICINEMA QUADRIENNALE:SCARICA LA GUIDA COMPLETA!

----------------------------

Come è facilmente intuibile, il percorso analitico proposto da Guaia è un viaggio lungo 100 film, selezionati dall’anno 1968 in poi e volto a scandagliare le estremità cinematografiche attraverso una serie di approfondimenti ad hoc: da illustrazioni a interviste, passando per schede tecniche in grado di restituire, almeno in parte, le sensazioni che derivano dall’approccio di questa particolare tipologia di opere.

Numerose dunque le pellicole coinvolte, tra cult e film meno noti; e numerosi i nomi di registi citati – scelti proprio in considerazione di uno stile forte di cui sono spesso stati propugnatori. A partire da John Waters e David Cronenberg e arrivando a Cristian Mungiu, Srdjan Spasojevic e Svetlana Baskovat; senza naturalmente dimenticare il nostrano Pier Paolo Pasolini. Spazio inoltre all’animazione e al concetto di sensation seeking; a quell’eccesso cioè che, senza necessariamente ricadere nello splatter e nel cinema horror, è in grado di colpire emotivamente lo spettatore e stravolgerne l’esperienza visiva. Rendendo il proprio pubblico partecipe di una mostruosità extra-ordinaria destinata a sconvolgerlo nel profondo.

----------------------------
SCUOLA DI CINEMA TRIENNALE: SCARICA LA GUIDA COMPLETA!

----------------------------

    ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER DI SENTIERI SELVAGGI

    Le news, le recensioni, i corsi di cinema, la riviste, i libri, gli eventi e tutte le nostre iniziative