Dads – Papà, di Bryce Dallas Howard

Un documentario ottimista dove i conflitti e le paure sono sotto traccia. Dentro ci sono però troppe storie. E quelle migliori (la famiglia Howard) rischiano di non essere messe in evidenza. Apple Tv+

Non c’è solo Ron Howard ma anche tanti altri babbi celebri in Dads – Papà, il documentario realizzato da Bryce Dallas Howard in programmazione su Apple Tv+, da Will Smith a Judd Apatow, passando per Neil Patrick Harris, Jimmy Fallon, Patton Oswalt, Kenan Thompson, Ken Jeong e Conan O’Brien. Ognuno di loro parlano davanti alla telecamera che diventa una specie di specchio in cui possono raccontare cosa significa essere padre. Può cambiare il colore dello sfondo dietro. Ron Howard si confessa avendo alle spalle quello arancione. Poi può diventare rosso o celeste. I colori non sono casuali. Possono corrispondono ai vari stati d’animo dei protagonisti. Dalla tranquillità, alla paura fino alla felicità. Le celebrità costituiscono però la cornice più esterna. Poi Dads – Papà si sofferma soprattutto sulla vita di babbi di diverse estrazione sociale nel mondo. Ci sono quelli omosessuali, chi si dedica a a tanti figli e chi a uno solo e chi lo fa a tempo pieno. Ci sono babbi naturali e adottivi che amano quei figli come se fossero loro. Raccontare la paternità significa anche raccontare se stessi e il proprio vissuto.

--------------------------------------------------------------------
UNICINEMA – UNA NUOVA IDEA DI UNIVERSITÀ

--------------------------------------------------------------------

“A Father Is…”. È questo la frase di lancio per il documentario di Bryce Dallas Howard che tende soprattutto a sottoloneare la differenza tra i ruoli imposti della società e la percezione soggettiva della paternità. Oggi i babbi cambiano i pannolini, piangono in bagno, mettono i bambini a letto la sera. Viene infatti sottolineato che “a parte la gravidanza, il parto e l’allattamento al seno, un uomo è in grado di fare tutto”. L’attrice, che come regista dopo alcuni corti ha diretto anche due episodi di The Mandalorian (il cap. 4 e il cap. 11), lascia parlare a briglia sciolta e mette in evidenza la determinazione, le difficoltà ma anche tutta la gioia e la scoperta in ogni giorno vissuto con i figli. Sotto questo aspetto Dads – Papà è un documentario ottimista e anche troppo celebrativo. Negli 81 minuti di durata la Howard, che è anche madre di due figli di 14 e 9 anni, ci mette dentro molte, troppe storie. La dimensione privata è una porta fin troppo aperta. Poi però nel momento in cui si sta cominciando a entrare gradualmente in intimità con quel babbo e la sua storia privata, si passa subito a quella successiva. Non c’è stata infatti un’adeguata selezione delle interviste. Probabilmente la Howard aveva così a cuore il progetto e si è così affezionata ai babbi intervistati che non ne ha voluto tagliare nessuno. Ma spesso le loro storie restano appese a un filo. E i racconti delle celebrità potrebbero arrivare da uno stand-up in cui ognuno di loro ci racconta come ci si sente ad essere padri. Quindi, troppa teoria nella costruzione del padre perfetto.

Poi c’è un altro documentario. Purtroppo molto più piccolo, quasi esiguo, ed è quello sulla famiglia (o anche della famiglia Howard). L’inizio è emozionante. Ron sta entrando con la moglie Cheryl in ospedale nel 1981. Bryce sta per nascere. Ora anche il fratello più piccolo di Bryce, Reed, sta per avere un figlio. Si vedono le immagini d’archivio a Londra nel 1987. Ma soprattutto viene raccontato il legame di Ron con il padre Rance che è apparso spesso nei suoi film a cominciare dal suo esordio come regista in  Attenti a quella pazza Rolls Royce. Il ruolo decisivo che ha avuto per far cambiare le battute a Ron bambino nella serie tv The Andy Griffith Show in cui ha interpretato il figlio dello sceriffo locale, poteva essere parte della storia di un altro documentario, più intimo.  In Dads – Papà ci sono quindi due film in uno. E quello pubblico rischia di mettere in secondo piano quello privato. Si spera che la Howard possa tornare sul tema, scegliendo però un approccio più più preciso e lineare. Qui c’è tanta gente ma poi non ci si affeziona a nessuno.

 

--------------------------------------------------------------------
SCOPRI I NUOVI CORSI ONLINE DI CINEMA DI SENTIERI SELVAGGI


--------------------------------------------------------------------

Titolo originale: Dads
Regia: Bryce Dallas Howard
Interpreti: Ron Howard, Will Smith, Judd Apatow, Neil Patrick Harris, Jimmy Fallon, Patton Oswalt, Kenan Thompson, Ken Jeong, Conan O’Brien, Reed Howard
Distribuzione: Apple Tv+
Durata: 81′
Origine: USA, 2019

La valutazione del film di Sentieri Selvaggi
2.5

Il voto al film è a cura di Simone Emiliani

Sending
Il voto dei lettori
4 (1 voto)
------------------------------------------------------------------------
IL NUOVO NUMERO DI SENTIERISELVAGGI21ST #8